Trent’anni senza una Stanley Cup: una situazione inimmaginabile per l’ex Glorious

Trent’anni senza una Stanley Cup: una situazione inimmaginabile per l’ex Glorious

MONTREAL – Quando Jay Carbonneau divenne il primo giocatore a ricevere una Stanley Cup dal nuovo commissario NHL Gary Pittman il 9 giugno 1993, non avrebbe mai immaginato che nessun altro capitano dei Montreal Canadiens lo avrebbe seguito tra 30 anni.

Prima di questa lunga siccità, la serie più lunga di un prestigioso club di hockey canadese senza vincere una Stanley Cup era di 13 anni, tra le vittorie del 1931 e del 1944 sul St. Catherine’s.

“Oggi lo standard è molto basso rispetto ai nostri tempi”, ha dichiarato Serge Savard, che ha vinto la Stanley Cup otto volte come giocatore e due volte come general manager, anche nel 1993. Ci è stato chiesto prima della stagione se avremmo vinto. La tazza. Ora, ci chiediamo se il canadese farà i playoff. Non stiamo parlando di tagli a inizio stagione.

“Una squadra che non vince una coppa da 30 anni è capitata a diverse squadre. Ma con il canadese non ci siamo abituati”, ha aggiunto in un’intervista a The Canadian Press.

Carbonneau ammette che nell’estate del 1993 non avrebbe pensato che Montreal sarebbe rimasta senza campionato per i successivi tre decenni.

“Tutti capiscono che il campionato è diverso oggi”, ha confermato Carbonneau, che ha vinto le Stanley Cup nel 1986 e nel 1993 con gli Habs, poi con i Dallas Stars nel 1999. Ci sono più squadre ed è ancora difficile qualificarsi per i playoff. , è difficile vedere che il canadese non ha vinto la coppa dal 1993.

Oltre all’espansione della NHL, tutti gli osservatori hanno messo in dubbio la carenza di Habs e hanno anche parlato dell’introduzione del tetto salariale nel 2005 come fattore che spiega l’attuale carenza di canadesi.

“Ho giocato alla fine della corsa al tetto salariale. Se una squadra ha bisogno di prendere un’ala sinistra, non importa se costa 9 milioni di dollari perché non ci sono restrizioni. Oggi è più complicato. Incatena squadre nella loro corporatura ed è la finestra di tiro”, ha detto Carbonneau. Sul torneo più piccolo.

READ  Il ritorno di Pogba sarà ritardato ulteriormente

“Prima del 2010 si poteva immaginare una finestra di 10 anni per una buona squadra. Oggi è inimmaginabile”.

meno stress?

La nuova dirigenza dei Canadiens, guidata dal vicepresidente delle operazioni di hockey Jeff Gorton e dal direttore generale Kent Hughes, non ha fatto mistero della sua intenzione di ricominciare da capo, ed è chiaro che durante l’ultima campagna l’attenzione è stata posta sullo sviluppo dei giocatori. .

La maggior parte dei fan sembrava accettare questo approccio, credendo che fosse il modo giusto per riportare gli Habs nelle migliori squadre della NHL. E mentre Savard ha espresso fiducia in Gorton e Hughes, ha ammesso un po’ di disagio durante la sua visita al Peel Center questo inverno.

Disse: “Ho visto un fenomeno che non avevo mai visto prima”. Le volte che ero lì e i canadesi hanno perso, potevo quasi vedere i sorrisi. Non ho mai visto persone così frustrate. Era come se tutti fossero convinti che se avessimo perso avremmo avuto un po’ di (Connor) Bedard. Quindi il mondo non è stato deluso dalla perdita.

Tuttavia, il canadese non ha vinto la lotteria NHL e non sarebbe stato in grado di scegliere Bedard per primo nella bozza successiva.

Carbonneau ha notato lo stesso fenomeno di Savard, ma ritiene che la pazienza dei tifosi avrà ancora dei limiti.

“Sento che con la nuova amministrazione, la squadra, i giocatori e l’organizzazione avranno un po’ di tregua”, ha detto. Non sono sicuro che i fan siano disposti ad aspettare altri due o tre anni. Oserei credere che dopo un altro anno di sviluppo, il canadese sarà nel gruppo che può lottare per la Stanley Cup.

Classe 1999, Rafaël Harvey-Pinard non ha dunque mai visto il canadese conquistare il massimo dei voti, pur conoscendo la storia del club grazie ai racconti del padre. I suoi primi ricordi risalgono alla primavera del 2006, quando i canadesi furono eliminati al primo turno dai Carolina Hurricanes, che alla fine sconfissero gli Edmonton Oilers.

READ  Antonio Giovinazzi entra in Formula E

Saguenay, nativo di Arvida, ammette che non si è parlato molto delle speranze della squadra per la Stanley Cup durante il suo periodo con il grande club questo inverno.

«Nel contesto in cui ci siamo trovati era già difficile immaginare di entrare nei playoff – ha sottolineato Harvey Bennard, convocato a metà gennaio – Se guardiamo ai playoff, alla Stanley Cup e alla lunga siccità probabilmente verrebbe menzionato un po ‘di più.

Il potere del talento locale

Il canadese ha fatto un viaggio magico nella primavera del 1993.

Ispirato da Jacques Demers dietro la panchina e commosso dalla prestazione in rete di Patrick Roy, il gruppo ha vinto 11 vittorie consecutive dopo aver subito sconfitte nelle prime due partite contro i Quebec Nordiques. Gli Habs hanno anche vinto 10 volte ai tempi supplementari e hanno sconfitto facilmente Wayne Gretzky e i Los Angeles Kings in cinque partite in finale.

“Avevamo una buona squadra, ma il colpo è successo e avevamo una fiducia incrollabile”, ha detto Carbonneau.

In tutto, i nomi di 14 giocatori del Quebec sono stati incisi sulla Stanley Cup nel 1993.

Harvey Benard è stato uno dei nove abitanti del Quebec a indossare un’uniforme canadese in questa stagione, il totale più alto dal 2006.

“Mi piacerebbe”, ha risposto Carbonneau quando gli è stato chiesto se i canadesi dovrebbero contare su più Quebec nei loro ranghi. Dicono che è difficile per un giocatore del Quebec giocare a Montreal, ma per noi non era solo Patrick Roy. C’era Roy, io e Denis Savard, Vincent Dambus, Eric Desjardins e molti altri.La pressione era condivisa.

“Sono uno di quelli che pensano che possa aiutare il livello della squadra ad avere più Quebec. Ma avere 20 Quebec che non sono bravi, non serve a niente”.

READ  Basket/Europa League: l'Asvel manca l'ingresso nel suo nuovo palazzetto | TV5MONDE

Harvey Bennard ha prosperato con i Canadiens quest’inverno con 14 gol in sole 34 partite. Anche Alex Pelzel ha avuto dei bei momenti durante la sua prima lunga striscia in NHL all’età di 31 anni. Il portiere Samuel Montembolt ha mostrato un potenziale inaspettato.

“Sono convinto che un giocatore nostrano farà meglio perché ha una pressione in più”, ha insistito Savard, dopo aver citato lo slot di Harvey Benard come esempio di un giocatore nostrano che supera se stesso grazie a quella pressione.

orgoglio fiammeggiante

Non solo il canadese non ha vinto una Stanley Cup dal 1993, ma tutte le squadre NHL canadesi sono state in siccità da quella vittoria.

Sono apparsi in finale solo sei volte durante questa siccità, l’ultima nel 2021 quando il canadese ha perso in cinque partite contro il Tampa Bay Lightning.

“L’hockey è il nostro sport nazionale”, ha detto Savard. È un po’ come se l’Italia fosse stata esclusa dall’ultimo Mondiale. È stato un peccato per gli italiani e hanno voluto cambiare da zero la gestione della squadra.

“Noi, l’hockey, siamo un po’ così, ha continuato. È il nostro sport. Vedere che non c’è stata una squadra canadese che non abbia vinto una Stanley Cup per 30 anni, non solo il canadese, lo trovo doloroso”.

Ma nonostante una così lunga traversata del deserto delle squadre canadesi, la NHL non ha generato molte entrate e il canadese ha mantenuto un posto speciale nel cuore degli appassionati di sport a Montreal e nel Quebec.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *