Thiago Motta, l’apprendimento continua sulle panchine italiane

L’ex centrocampista del PSG punta al secondo successo contro la Sampdoria per partire con la Spezia.

L’8 luglio Thiago Motta si è unito a La Spezia (15e la scorsa stagione) per tre anni. Un mese e mezzo dopo, ha iniziato la sua stagione contro il Cagliari che l’anno scorso stava lottando per il mantenimento. Dopo una prima ora di gioco soddisfacente in cui i suoi giocatori erano in vantaggio nel punteggio (2-0), alla fine hanno preso solo un punto (2-2). Un incontro complicato che il tecnico italiano si aspettava prima della partita: “Faremo una partita difficile. L’obiettivo è giocare bene avendo fiducia in noi. “ Un primo che ha dato il tono per il resto della stagione.

Successo a Venezia per iniziare

Nonostante un inizio a scacchi (due sconfitte e un pareggio), Thiago Motta sta cercando di trovare soluzioni per cercare di tenere a galla la sua squadra. Con una filosofia di gioco offensiva, il tecnico azzurro ottiene la sua prima vittoria in campionato in testa allo Spezia, il 19 settembre sul prato di Venezia (1-2). Avversario diretto in classifica, Thiago Motta è riuscito a trovare le chiavi della promossa. Tuttavia, le tre sconfitte accumulate (Juventus, Milan, Hellas Verona) a seguito di questa vittoria hanno sollevato molti interrogativi sulla fine della sua collaborazione con il club ligure. Infatti, secondo Sky Sport, la sconfitta in casa dell’Hellas Verona (4-0) mette in campo Thiago Motta. In questione un diciannovesimo posto in classifica generale. Dopo l’incontro, l’ex centrocampista del Paris Saint-Germain ha parlato in conferenza stampa: “Mi assumo la responsabilità di questa sconfitta. Recupereremo”, ha assicurato.

READ  Per Italia e Portogallo la pressione sale

Conferma attesa a Genova

Destituito dall’incarico di allenatore del Genoa il 28 dicembre 2020, Thiago Motta si appresta a tornare allo stadio Luigi-Ferraris ma contro la Sampdoria (club rivale Genova). Riuscirà La Spezia a inanellare due successi consecutivi di Serie A in questa stagione? Questo l’obiettivo del tecnico italiano. Dopo la vittoria casalinga dello scorso fine settimana contro la Salermitana (2-1) per la prima volta da maggio, Thiago Motta è consapevole dell’importanza dell’incontro tra lui e la Sampdoria. Di fronte alla prima non retrocessione dovrà fare a meno di una decina di giocatori, infortunati o assenti. Con la squadra più giovane del campionato la cui età media è di 23,5 anni, l’ex nazionale italiano dovrà mostrare carattere se vuole che i suoi giocatori riportino punti da questa pericolosa trasferta.

I giocatori dello Spezia festeggiano un gol contro la Salermitana. www.imagephotoagency.it/PANORAMICO

“Thiago Motta è pronto per fare l’allenatore”

Apprezzato dai coetanei e in particolare da Carlo Ancelotti, attuale allenatore del Real Madrid, si era confidato di lui durante un Manutenzione concesso al Gazzetta dello Sport, quotidiano italiano, nel 2013. “In ogni spogliatoio ci sono giocatori pronti per fare l’allenatore. Thiago Motta è uno di loro”, ha riconosciuto l’attuale allenatore della formazione Madrid. Dopo aver concluso la sua carriera da calciatore professionista, ora tocca a quella di allenatore. Dall’esordio in panchina con l’U19 del Paris Saint-Germain, poi su quella del Genoa, Thiago Motta, 39 anni, si lancia una nuova sfida: continuare a fare il mestiere con la Spezia per provare a diventare un grande allenatore negli anni a venire.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *