Textures sta scrivendo il suo secondo capitolo a Friburgo

Textures sta scrivendo il suo secondo capitolo a Friburgo

Bussare: Cos’è questo? struttura?

Matthieu Corpataux: è un festival letterario multilingue, che ha eventi professionali in francese, italiano e tedesco e ha la specificità di concentrarsi su artisti, autori e autori. Non invitiamo specificamente le case editrici come nel caso delle fiere letterarie che si possono trovare nella Svizzera romanda, ma di fatto invitiamo scrittori che vengono letti sul palco, tavole rotonde, incontri o anche spettacoli. La particolarità del festival è che tutti questi artisti vengono premiati in modo molto adeguato. È diventato molto più di una storia d’amore da fiera del libro, è stata un’evoluzione dell’identità.

Perché hai organizzato un evento multilingue?

Questo è qualcosa di molto importante per me, perché penso che dobbiamo uscire da questa identità regionale che voleva confinare la letteratura francofona alla Svizzera francofona. Dal mio punto di vista ci sono molte cose interessanti sul versante tedesco, in Ticino, così come in Francia, Germania, Italia ed Europa. Questo è stato fatto con l’idea di decifrare la letteratura. La qualità è ovunque, ma ovviamente c’è un’attenzione molto particolare all’etichetta svizzera.

Galateo svizzero, come mai?

Intendo il galateo svizzero al plurale, perché credo sia difficile oggi affermare che esista un solo modo di fare letteratura. In questa idea, in questa versione, abbiamo nella nostra programmazione la scrittura cinematografica con gli sceneggiatori, la scrittura rap con spettacoli che mescolano musica, teatro e lettura, abbiamo installazioni sonore… La letteratura assume molte forme diverse e volevamo farlo diversità di forme percepite.

Cosa può trovare il pubblico all’interno del festival?

Ci sono molte letture performative: scrittori sul palco, accompagnati da musica, performance, leggeranno brani dei loro testi, magari accompagnati da danze… Abbiamo anche performance partecipative, ad esempio cartoni animati dal vivo. L’obiettivo è uscire dal rapporto molto commerciale che si può trovare in molti eventi di questo tipo. L’artista è il fulcro dell’evento.

READ  Villerupt premia il thriller “Come pecore in mezzo ai lupi”

Un’attività da ricordare?

C’è un evento che mi piace particolarmente e che ho inventato apposta per questa occasione, che è il progetto “Soundcheck”. È un’invenzione senza precedenti in campo letterario. Queste sono le prime parti delle letture, un po’ come si potrebbe fare nei concerti, dove ci sono piccoli spettacoli di una quindicina di minuti per presentare nuovi artisti. Abbiamo invitato gli studenti dell’Istituto letterario di Biel a venire a leggere per due o tre minuti, ripercorrendo alcune delle presentazioni. Questa è un’opportunità per noi di dare una prima tappa ai giovani artisti. L’emergere della prossima generazione di scrittori è importante per noi.

Perché diffondere il festival su più siti?

Abbiamo due sedi principali, Arsen’Alt, uno dei cuori storici della manifestazione, e quest’anno acquisiamo nuovamente MEMO, la Biblioteca Comunale di Friburgo, dove verranno allestiti diversi spazi teatrali. Poi, per eventi che richiedono maggiore logistica o tecnologia, lavoriamo spesso in collaborazione con le istituzioni culturali di Friburgo. Ci saranno concerti a Venerdì, nel Nuovo Mondo, e stiamo lavorando con REX per le proiezioni cinematografiche.

Come si è evoluto il festival dall’anno scorso?

Abbiamo deciso di concentrarci maggiormente sulla dimensione festivaliera dell’evento. La nostra programmazione è il centro attorno al quale ruota il nostro evento. C’è una libreria-caffè che sarà in giro per questi giorni e che venderà i libri dei nostri ospiti, ma il cuore dell’azione sarà davvero il festival con gli artisti.

Come convincere gli artisti a venire?

Ho la fortuna di essere ben radicato nella rete letteraria svizzera. Sempre più persone conoscono il lavoro svolto dal nostro team. Siamo riusciti ad essere una festa interessante con la giusta ricompensa per loro e un’accoglienza molto professionale. Va ricordato che sono una ventina le persone impiegate a Textures, alle quali vanno aggiunti, durante il festival, una cinquantina di volontari.

READ  Gabriela Paige ha perso il suo posto nella classifica dei 64 nella sua ultima partita

In generale, quanti artisti verranno a presentare il loro lavoro?

Accogliamo tra i 70 e gli 80 artisti, per una cinquantina di eventi. Quello che ci piace fare è far apparire gli artisti in molti posti. Prendiamo, ad esempio, Antoine Jacoud, che verrà giovedì sera per fare una lettura commentata del nuovo film di Ursula Meyer, per il quale ha scritto una sceneggiatura. Poi lo ritroveremmo il giorno dopo per uno spettacolo con Sarah Oswald e ancora sabato per una tavola rotonda sulla carriera dello sceneggiatore.

Tra gli invitati, chi ti affascina di più?

È difficile trovare un nome. Penso che non ci sia bisogno di mettere alcuna gerarchia di artisti, li accogliamo tutti sullo stesso piano. Ma per citarne uno, penso che la presenza di Rym Battal sia molto eccitante, poiché è una poetessa marocchina e sarà tra le più importanti negli anni a venire. Ma nel complesso, sono molto orgoglioso della formazione che abbiamo quest’anno. Siamo molto contenti di aver potuto anticipare gli inviti di persone che hanno ricevuto premi in seguito.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *