Taxi autonomi: a favore o contro?

Taxi autonomi: a favore o contro?

È molto facile confondersi con un’auto a guida autonoma. Ecco come farlo in due semplici passaggi: trova un cono arancione per strada, quindi posizionalo sul cofano della tua auto a guida autonoma. Eccola, immobile! Quindi ripeti semplicemente questi due passaggi su altri veicoli autonomi.

Queste istruzioni possono essere trovate qui In un video pubblicato Dal gruppo Safe Street Rebel, che si batte per “ La fine del dominio automobilistico » A San Francisco, dove i robotaxi offrono i loro servizi 24 ore su 24 dallo scorso agosto. L’arrivo di questa nuova tecnologia è stato a dir poco caotico : si sono moltiplicate le denunce di veicoli che provocavano confusione, ingorghi o addirittura bloccavano il percorso degli autobus o dei mezzi di soccorso. Da qui l’idea del gruppo di fermare le auto a guida autonoma utilizzando i coni stradali, che ostacolano la visuale dei sistemi. “Hai appena creato un unicorno!” “Ecco come appaiono i veicoli con i loro clacson arancioni”, si legge nella descrizione del video.

Gli attivisti dovrebbero essere un po’ più pazienti man mano che la tecnologia migliora? Una delle promesse di queste auto è salvare vite umane. Guidare un’auto è in realtà un’attività molto pericolosa: Nel 2022 in Quebec hanno perso la vita 392 persone e 1.275 sono rimaste gravemente ferite sulle strade.. Non è ora di ridurre i rischi?

Finora hanno viaggiato i veicoli delle due compagnie di robot-taxi di San Francisco, Waymo e Cruise Quasi 13 milioni di chilometri Sono stati coinvolti in soli 102 incidenti, riferisce Ars Technica. “Nella maggior parte dei casi, le collisioni sono avvenute a bassa velocità e non hanno rappresentato un rischio serio
Sicurezza”, sottolinea il giornalista, sottolineando però che un essere umano percorre circa 160 milioni di chilometri prima di essere coinvolto in un incidente mortale, per cui attualmente è impossibile giungere a una conclusione sulla sicurezza delle auto a guida autonoma.

READ  Quattro squadre emergono nella finale casalinga della competizione intercollegiale "The Flag, On Round!"

Ma le città hanno davvero bisogno di queste auto? Secondo un rapporto del Massachusetts Institute of Technology, la diffusione dei veicoli a guida autonoma, anche elettrici, aumenterebbe anche l’impronta di carbonio dei nostri viaggi. La colpa è della potenza di calcolo necessaria per sostituire l’uomo al volante. Per ridurre le emissioni di gas serra, dovremmo invece ridurre il numero di automobili, di tutti i tipi messi insieme.

In Quebec questa domanda non dovrebbe porsi a breve: i robot stradali hanno ancora pochissima esperienza sulle strade in inverno. Nel frattempo, potrebbe essere meglio ricorrere a tecniche collaudate per aiutarci. Qualcuno vuole un giro veloce in autobus?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *