Tasse GAFA: Washington lascia cadere la sua rappresaglia

Queste tariffe non sono mai state effettivamente applicate, in particolare su pelletteria e cosmetici francesi, con Washington che le ha sospese in diverse occasioni.

L’abbandono di questa ritorsione arriva sulla scia del recente accordo raggiunto dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) per riformare la tassazione globale sulle società multinazionali, ha affermato il Tesoro degli Stati Uniti in una nota.

Questa riforma include, da un lato, la tassazione dei giganti digitali e, dall’altro, una tassa minima globale per evitare l’ottimizzazione fiscale.

Il G20 ha annunciato la scorsa settimana che questi Entro la fine del 2023 saranno operativi due nuovi pilastri, anche in inizio 2024.

Per allora, i campioni americani dei servizi digitali come Google, Apple, Facebook o Amazon, meglio conosciuti con l’acronimo GAFA, pagheranno una tassa da Austria, Spagna, Francia, Italia e Regno Unito.

Ma il Tesoro ha chiarito che i proventi di queste tasse nazionali saranno accreditati a queste società quando le tasse globali saranno in vigore.

Ha aggiunto che Washington, in cambio, non imporrebbe dazi su un gran numero di merci provenienti da questi paesi.

Questo accordo significa che i nostri servizi digitali sono protetti dalle tasseIl ministro delle finanze britannico, Rishi Sunak, ha accolto con favore in una dichiarazione, sottolineando che queste entrate andranno Continuare a finanziare i servizi pubblici essenziali. Il Regno Unito ha introdotto una tassa GAFA dall’aprile 2020.

Questa è una buona notizia per le aziende di cosmetici e articoli in pelle che sono state esplicitamente prese di miraDa parte sua, il ministro francese del Commercio estero, Franck Riester, ha risposto.

READ  Tasse: per mantenere la sua economia competitiva, la Svizzera riformerà le tasse

Nel luglio 2019, la Francia ha adottato un’imposta nazionale del 3% sul fatturato generato dai giganti digitali francesi, che supera i 750 milioni di euro nell’attività globale.

Il nostro scopo è chiaro e la nostra determinazione è solida: dobbiamo continuare a lavorare per risolvere una volta per tutte tutte le controversie commerciali transatlantiche, a cominciare da ulteriori dazi statunitensi sull’acciaio e sull’alluminio europei.Il ministro francese ha continuato.

Tasse discriminatorie, secondo Washington

L’amministrazione Biden aveva già sospeso, a giugno, per sei mesi queste tariffe dopo un anno di indagine da parte dei Servizi del Rappresentante commerciale degli Stati Uniti (USTR).

L’Office of the US Trade Representative (USTR) è giunto alla conclusione che le tasse che questi paesi impongono al GAFA erano buone discriminatorio contro i grandi gruppi americani.

Poi è stato consigliato di imporre Tariffe aggiuntive su alcune merci da questi paesi.

Ma l’ambasciatore commerciale degli Stati Uniti Catherine Tay ha deciso di sospenderlo subito per fino a 180 giorniÈ tempo di concludere i negoziati multilaterali nel quadro dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e del Gruppo dei Venti.

Il G20 ha confermato la scorsa settimana che le tasse nazionali rimarranno in vigore fino all’entrata in vigore delle tasse internazionali.

La scorsa settimana, il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire, in viaggio a Washington, ha insistito sul fatto che il 2023 dovrebbe rimanereobiettivo comune per l’attuazione della Convenzione internazionale sulla fiscalità.

Ha anche invitato gli Stati Uniti a farla finita Permanentemente alle rivalità commerciali, citando la spinosa disputa sui dazi su acciaio e alluminio europei.

Quella disputa, che ha afflitto le relazioni transatlantiche, è iniziata quando l’amministrazione Donald Trump nel giugno 2018 ha imposto tariffe punitive del 25% sull’acciaio europeo e del 10% sull’alluminio europeo in nome della sicurezza.

READ  Gli Stati Uniti sono in contatto con Seoul per ospitare i rifugiati afgani in Corea del Sud

Le parti devono raggiungere un consenso entro l’inizio di novembre, altrimenti la ritorsione europea potrebbe aver luogo il 1° dicembre.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *