Tardigradi come passeggeri del loro primo volo interstellare

Molti di noi sognano di viaggiare verso le stelle. E mentre la tecnologia che trasporterà gli esseri umani fuori dal nostro sistema solare deve ancora essere sviluppata, gli ingegneri stanno già lavorando alla spedizione di minuscoli sensori lì. I ricercatori ora suggeriscono che potrebbe essere molto gratificante includere alcuni passeggeri piuttosto privilegiati…

Solo pochi decenni fa, mandare umani nello spazio sarebbe sembrato impraticabile. Poi c’era Yuri Gagarin e Neil Armstrong metti il piedi sulla luna. Solo pochi anni fa, questo sogno era ancora fuori dalla portata della gente comune. E c’era Virgin Galactic e SpaceX. Oggi, alcuni stanno cominciando a pensare a come la vita potrebbe presto lasciare la sua culla. Sistema solare. “Penso che sia il nostro destino continuare a esplorare.”, è sottolineato in a comunicazione Dall’Università della California, Santa Barbara (USA), Joel Rothman, coautore di una pubblicazione su questo argomento in Revisione del diritto astronautico.

Presto la vita volerà verso le stelle? ” Perchè no “, dicono i ricercatori oggi. Ma probabilmente saranno, all’inizio, creature molto piccole su un’astronave, che sono anche molto piccole. Perché non possiamo nasconderlo. Ci vorrà molto tempo per raggiungere le stelle su navi a propulsione chimica. Le missioni Voyager hanno già impiegato 40 anni per essere raggiunte I limiti del nostro sistema solare. Impiegherebbero meno di 80.000 anni per raggiungere le stelle più vicine.

I ricercatori dell’Università della California stanno lavorando allo sviluppo di sensori in miniatura astronaviCome li chiamano già gli ingegneri – non più di un grammo, ancora dotati dei dispositivi necessari per rilevare, raccogliere e trasmettere dati alla Terra. Ma soprattutto è salito a circa il 30%. velocità della luce utilizzando un raggio laser. Questo mestiere può raggiungere velocità relative e raggiungere fino a Possima Centauri…in soli vent’anni! E potrebbero essere in grado di portare lì alcuni piccoli animali vivi e radioattivi. A partire dal tardigradi

READ  Come proteggersi dallo spam che invade il social network?

Questioni tecniche… ed etiche

I ricercatori stimano che migliaia di queste creature potrebbero rimanere dormienti su carri astrali e svegliarsi una volta raggiunto un obiettivo. Con la possibilità per gli scienziati di saperne di più sugli effetti di viaggio interstellare sulla vita. “Possiamo studiare ed esaminare fino a che punto i tardigradi ricordano il comportamento che hanno imparato sulla Terra dopo essersi allontanati dal loro pianeta natale vicino alla velocità della luce. Metabolismoe la loro fisiologia, funzioni neurologiche, riproduzione e invecchiamento. Perché la maggior parte degli esperimenti che possono essere fatti su questi animali in laboratorio possono essere eseguiti su StarChip mentre viaggiano attraverso l’universo”.Joel Rothman rassicurato.

L’obiettivo, ovviamente, resta quello di comprendere i potenziali effetti dei viaggi interstellari sugli esseri umani. Anche se questo sogno non dovrebbe avverarsi immediatamente. E quello per allora “Forse abbiamo creato forme più adatte alla vita o Ibridi Più resistenza all’uomo e alla macchina. “

I ricercatori non perdono di vista le questioni etiche associate a questo lavoro di tipo piuttosto speciale. Alcuni pensano già che la vita potrebbe essere stata portata sulla Terra comete. o anche, volontariamente, da a civiltà extraterrestre. Quindi il pensiero di inviare forme di vita ad altre stelle – se non altro tardigradi – solleva naturalmente degli interrogativi. E domande ancora più generali per alcuni. Abbiamo solo? “Giusto” per inviarlo nello spazio, Microrganismi Chi non ha chiesto nulla? O inviare gli esseri umani in seguito a destinazioni da cui potrebbero non tornare mai più? Forse le questioni etiche sono interessanti quanto le questioni scientifiche che le accompagnano…

Interessato a quello che hai appena letto?

READ  Samsung's lower-end The Frame TV returns to CES 2021, disguised as a mural

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *