Studente italiano torturato a morte | Commissione parlamentare italiana accusa i servizi egiziani

(Roma) I servizi di sicurezza egiziani sono responsabili della tortura e della morte dello studente italiano Giulio Regeni nel 2016 al Cairo, secondo i risultati di una commissione parlamentare italiana pubblicati mercoledì.


Il rapporto finale della commissione speciale sulla morte di Giulio Regeni è stato diffuso dopo due anni di indagini, mentre il processo in contumacia di quattro poliziotti egiziani accusati dell’omicidio dello studente è stato sospeso sine die non appena aperto il 14 ottobre a Roma .

Nel gennaio 2016, il 28enne Giulio Regeni è stato rapito da estranei e il suo corpo è stato ritrovato torturato e atrocemente mutilato pochi giorni dopo nei sobborghi della capitale egiziana. Questo studente stava facendo ricerche sui sindacati in Egitto, un argomento molto delicato in quel paese.

“La responsabilità del sequestro, della tortura e dell’omicidio di Giulio Regeni spetta direttamente all’apparato di sicurezza della Repubblica Araba d’Egitto, e in particolare ai membri della Sicurezza Nazionale, come è stato faticosamente ricostruito. l’inchiesta condotta dalla Procura della Repubblica di Roma”, secondo il rapporto.

Queste conclusioni sono state pubblicate solo poche settimane dopo la sospensione sine die del processo in contumacia di quattro uomini membri della Sicurezza Nazionale: il generale Tareq Saber, i colonnelli Aser Kamal e Hicham Helmi e il comandante Magdi Cherif.

Il tribunale ha ritenuto impossibile procedere: in virtù della legge, i quattro uomini dovevano essere stati ufficialmente informati del procedimento a loro carico. Tuttavia, l’Egitto si è sempre rifiutato di fornire i propri dati di contatto ai tribunali italiani. Il che non può quindi fornire la prova che gli agenti si siano volontariamente sottratti all’obbligo di comparizione.

READ  L'Italia torna in campo contro i Red Devils in un documentario sull'incoronazione degli Azzurri a Euro 2020: "Il Belgio è prevedibile"

Secondo gli inquirenti italiani agenti dei servizi segreti egiziani “torturati” [l’étudiant] per giorni infliggendogli ustioni, calci, pugni e usando armi da taglio e bastoni”, prima di ucciderlo. Una tesi fortemente respinta dal Cairo.

Hanno identificato cinque sospetti nel 2018, tutti membri dei servizi di intelligence. La Procura italiana, che aveva archiviato il fascicolo di uno dei cinque indagati, ritiene che lo studente sia morto per insufficienza respiratoria causata dai colpi sferrati dal comandante Cherif.

Calpestando costantemente, la vicenda ha avvelenato a lungo i rapporti tra Il Cairo e Roma, l’Italia che regolarmente accusa le autorità egiziane di non collaborare, o addirittura di condurre gli investigatori italiani verso false piste.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *