Stian Angermund ricaduta alla Dolomyths Run di Canazei, Italia

Il profilo nervoso di questa corsa di 22 km e 1700 m di dislivello (percorso ridotto a causa delle condizioni) non hanno reso Stian Angermund l’evidente favorito di questa 3a tappa del GTWS. Ma dopo la vittoria nella breve tappa spagnola, l’Olla de Nuria, e la conferma alla Mont-Blanc Marathon, più vicina alle sue qualità, il norvegese è stato sicuramente uno dei profili più in vista a Canazei domenica.

Il percorso della Dolomyths Run è semplice: una salita vertiginosa, seguita da un’altrettanto pericolosa discesa verso il traguardo. Dopo una contestata parte in salita, la differenza si è fatta nella discesa. “Che corsa furiosa! “ ha reagito Thibault Baronian, primo francese in gara. “Dopo essere stato tra i primi 3 e poi tra i primi 5 fino a tre quarti di gara, compresa un’ottima metà con Stian Angermund, la discesa ultra impegnata è stata proprio tra i primi 5 per me. “

La preferita Wyder assicuro

Al traguardo, Stian Angermund può festeggiare: ha appena vinto la sua terza gara GTWS in altrettante tappe in questa stagione (1h51). Dietro di lui, Elhousine Elazzaoui ha parlato delle sue qualità di discensore, seguito sul podio da Joey Hadorn.

Tra le donne, in assenza di Maude Mathys, Judith Wyder era la principale favorita. La svizzera ha assunto il suo status per andare a conquistare la prima vittoria in questa stagione dopo la sua vittoria sul circuito nel 2019 (2h14). È accompagnata sul podio da Marcela Vasinova e Karina Carsolio.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *