“Sta attento nonostante abbia un po ‘di pollice in su.”

A gennaio 2021, non devi guardare lontano per essere un gangster: devi solo ordinare un couscous marghese e una grattugia bordolese in un bar della periferia occidentale. Zona residenziale, non ribelle da due anni ma in cui si può vivere la vita e che un giorno tornerà. Non prima di metà febbraio, che è di almeno quindici settimane dal blocco.

Per “Zio Hakim” – i nomi sono stati cambiati – la scadenza è troppo lontana. È un taxi che abbiamo incontrato prima delle vacanze, quando desideravamo davvero la nostra pausa pranzo. Può usare “Ristoranti sotterranei” come prova: può essere fastidioso. Devi chiamarlo. Al telefono, riveliamo identità e professione e ne teniamo quattro.

Il bistrot, a pochi minuti dalla stazione RER, propone “Take-out”. Ma il venerdì e il sabato a mezzogiorno, c’è anche il couscous. “Zio Hakim” è lì, come dozzine di persone raccolte in una piccola stanza dalle piastrelle bianche. Tutti indossano una maschera che protegge bene il mento, tranne il resto del viso. Ci stringiamo la mano e questa è una grande emozione.

Senza patate, per evitare cattivi odori

Dietro il bancone, Sufyan è attivo, solo nei controlli. È lo zinco non trendy ma fedele alla funzione, con tutto a posto, dalle bottiglie dell’aperitivo alla calcolatrice posta accanto al registratore di cassa. Per il modulo, sigillo CAB / DS / BSI n. 2020-812 relativo al rafforzamento del protocollo sanitario nelle istituzioni. Abbiamo dimenticato quei suoni confortanti, il piattino che mettiamo sullo zinco, il caffè che stiamo macinando, le risate paffute che si nutrono del palloncino di aligoté. Sofyan non ha mai chiuso: durante la sua prima gravidanza, la sua cacca rumorosa era sempre in piedi di fronte al tavolo.

“C’è un momento, dobbiamo sostenerli, altrimenti ci sarà una rivoluzione clandestina” fantoccio

Tra due pareti ha teso un lenzuolo nero come un perizoma, tenuto da tre mollette ma una chisciotte sul santissimo dei santi: la stanza sul retro, dove puoi appoggiare le natiche sulla sedia Sky e il suo piatto su un tavolo di legno. A mezzogiorno Sofyan servirà otto generosi cous cous. Due dei nostri amici in pensione condividono una bottiglia di champagne, poi due. Cosa stanno festeggiando? “Saint-Bonheur! ” Si nutrono lì più volte alla settimana, senza una regola ferma o una cattiva scusa.

READ  Una festa in memoria dello stilista francese Pierre Cardin

Lo dice in città ” Parlare di ” Il suo nome sta rotolando. Piuttosto, afferma, anche se “lo zio Hakim” a volte si preoccupa per lui: “Sta attento però, c’è sempre qualche pollice in alto [délateurs] Che visse nel 1939-1945. “ Il proprietario delle recinzioni lo sa, a volte viene. Per proteggersi da persone indesiderate, il cuoco, il cameriere e il gestore non fanno le patate: troppi odori.

Hai il 68,27% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *