Sospiri di sollievo che circondano James Webb

Le 18 strutture esagonali dello specchio principale – che sono letteralmente gli occhi del telescopio – sono piegate come origami, l’unico modo per portare il telescopio gigante a bordo di un razzo Ariane 5. – Progettato per evitare che il telescopio si surriscaldi quando viene esposto a il Sole. Oltre alla struttura metallica – tre rami lunghi 7 metri e alla fine uno specchio secondario. Tutto questo rappresenta Centinaia di interventi chirurgici che dovevano essere eseguiti uno per uno: una crema solare da sola delle dimensioni di un campo da tennis.

Sapendo che il James Webb Telescope è lo strumento scientifico Il più complicato non inviato nello spazio, È costato 10 miliardi di dollari E che dove un astronauta non può essere inviato per aggiustarlo se qualcosa va storto, gli astronomi che lo sognano da più di 20 anni hanno tutte le ragioni per preoccuparsi.

La cosa più difficile da fare, così hai scrivere tutto gli osservatori il 8 gennaio. James-Webb sta attualmente continuando la sua corsa verso il punto nello spazio in cui deve rimanere per (almeno) 10 anni: il punto dice L2, o Lagrange 2, uno di quelli in cui le forze gravitazionali della Terra e del Sole si annullano a vicenda . Dovrebbe essere lì il 23 gennaio, a un milione e mezzo di chilometri dalla Terra.

Quindi, le 18 strutture esagonali devono ancora essere perfettamente allineate, In modo che siano come uno specchio, un processo che tra l’altro richiederebbe mesi. Ciò significa che non inizierà a funzionare fino al prossimo maggio o giugno.

Con una larghezza di 6,5 metri, questo specchio principale sarà il doppio della larghezza dello specchio Hubble, Deve essere in grado di farlo “Raccolto” 7 volte la luce. Questo gli permetterà di vedere meglio, soprattutto di più. Può anche vedere gli infrarossi, da qui l’importanza di proteggerlo dal surriscaldamento: ha anche un dispositivo di raffreddamento per dissipare il calore in eccesso.

READ  L'astrofisico Avi Loeb conferma: "Abbiamo prove di civiltà al di fuori del pianeta Terra".

Vedere più lontano e nell’infrarosso offre la possibilità di tornare indietro nel tempo: mentre Hubble può tornare indietro di quasi 400 milioni di anni dopo il Big Bang, James Webb dovrebbe essere in grado di tornare indietro di “solo” 100 milioni di anni fa e sollevare il velo All’epoca in cui si formarono le prime stelle e galassie. Dovrebbe anche essere in grado di “vedere” i buchi neri al centro delle galassie, pianeti in orbita attorno a stelle diverse dalla nostra – e forse anche rilevare l’atmosfera di quei pianeti, se ne hanno una.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *