Social network: Instagram sta testando abbonamenti a pagamento per influencer

Instagram darà la possibilità agli influencer di offrire abbonamenti a pagamento ai propri fan, un nuovo strumento per il social network, che ha bisogno di attrarre e fidelizzare i creatori di contenuti per non perdere terreno contro YouTube e TikTok.

I creatori di contenuti “hanno bisogno di un reddito prevedibile”, ha spiegato in un video mercoledì Adam Mosseri, capo della piattaforma appartenente a Meta (Facebook).

“E gli abbonamenti sono uno dei modi migliori per ottenere entrate prevedibili che non dipendono dal pubblico, che inevitabilmente varia da pubblicazione a pubblicazione”, ha aggiunto.

Per iniziare, Instagram testerà questo approccio con una manciata di influencer negli Stati Uniti.

Gli abbonati paganti hanno accesso a storie (pubblicazioni effimere) e spiriti (Video live) sono esclusivi e si distingueranno dagli altri fan con un’icona viola accanto al loro nome, in modo che i creatori di contenuti possano distinguerli facilmente nei commenti e nei messaggi privati.

Inizialmente, i social network gratuiti, poiché il loro modello di business si basa sugli introiti pubblicitari, negli ultimi anni hanno utilizzato varie tecniche di ricompensa.

Queste tecnologie consentono ai professionisti della piattaforma di diversificare le proprie fonti di reddito, oltre a pubblicità percentuale, prodotti derivati, contratti con marchi e vendita di programmi educativi o sportivi.

Monetizzazione del denaro, fili di guerra

Su TikTok, ad esempio, gli spettatori possono donare. Anche su Twitch (piattaforma di videogiochi), possono anche iscriversi ai loro giocatori preferiti.

Twitter ha seguito l’esempio con iniziative come abbonamenti a pagamento a determinati account, la “scatola dei suggerimenti” o la “casella dei suggerimenti”.

“Vogliamo aiutare i creatori di contenuti a trasformare il loro pubblico in fan e i loro fan in entrate”, ha riassunto lo scorso settembre Esther Crawford, product manager della monetizzazione di Twitter. “Vogliamo che Twitter sia il posto migliore in cui gli influencer possono avere conversazioni con il loro pubblico”.

READ  Cos'è Yu-Gi-Oh! La data di uscita del cellulare Duel Master?

Adam Mosseri ha anche spiegato che i suoi team stavano cercando un modo per i creatori “per poter prendere i loro abbonati da altre app pubblicate da altre società”.

Le autorità garanti della concorrenza europee e statunitensi invitano regolarmente piattaforme per facilitare il trasferimento dei dati, ovvero la possibilità per gli utenti di trasferire le loro comunicazioni con loro a un’altra applicazione, se lo desiderano.

Meta, come altri giganti della tecnologia, deve affrontare varie indagini sugli abusi e denunce di dominio.

Vediamo nel video

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.