Sindrome dell’impostore: caratteristica

Bravi in ​​tutto, chi si immagina di essere al di sotto della media? Almeno questo è ciò che dice la psicologa Basma Tawfik della School of Management del Massachusetts Institute of Technology studia Inserito in ottobre. Dice che quelle persone che si considerano al di sotto della media tendono a trovare dipendenti migliori perché sono più collaborative, empatiche e più accettanti.

Il termine “sindrome dell’impostore” o “fenomeno dell’impostore” risale al 1978: È stato utilizzato da due psicologi che hanno studiato più specificamente donne famose nella loro professione. Molti si consideravano ancora “non molto brillanti” e credevano di salire di grado grazie alla fortuna o agli errori.

Da allora sappiamo che questa “sindrome” colpisce persone di entrambi i sessi e con occupazioni multiple, sebbene diversi studi abbiano indicato che è più comune nelle donne. È spesso associato a livelli più elevati di ansia e, ovviamente, a una bassa autostima.

Il ricercatore del Massachusetts Institute of Technology ha proposto un modo per misurare il livello di “sindrome” attraverso un’indagine completata da 155 dipendenti di società di investimento negli Stati Uniti. Ma soprattutto con un altro questionario da somministrare ai preposti di questi dipendenti, che si occupa tra l’altro dei loro rapporti di lavoro, poiché il suo obiettivo Vengono identificati i benefici di questa sindrome che possono essere misurati in azione. la sua conclusione: “Le persone con la sindrome dell’impostore sono fondamentalmente le persone con cui vuoi lavorare.”

READ  La situazione sanitaria nell'Hérault sta migliorando

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.