Serie A – Manette, Camp Nou e “Zero Titoli”: Mourinho-Inter, è tempo di riunirsi

Stadio Santiago Bernabeu, 22 maggio 2010. A quarantacinque anni dall’ultima vittoria in Champions League, l’Inter torna in superficie dopo aver battuto per 2-0 il Bayern Monaco, firmato da Diego Milito. La serata è ricca di emozioni per i nerazzurri. Il presidente Massimo Moratti si sta godendo il suo primo trofeo dalle grandi orecchie dopo anni di sogni. Stessa sensazione per Javier Zanetti, storico capitano. I festeggiamenti continuano logicamente in pre-Madrid. Jose Mourinho, geniale artigiano di questa splendida stagione culminata nella storica “tripletta” (Serie A – Coppa Italia – C1) del calcio italiano, è allo stesso tempo abitato da sentimenti contrastanti. Sì, ha appena scritto una pagina indelebile su un club dove il colpo di fulmine era reciproco. Ma si prepara anche a lasciarlo, a due anni dal suo arrivo al Real.

In una limpida notte di Madrid, lo Special One si prepara a lasciare il Bernabeu dopo aver conquistato il secondo posto in carriera. Non con i suoi giocatori, ma in un’auto personale. È ora di salutare tutti per l’ultima volta, Mo si arrampica dentro e si dirige fuori dai sotterranei del fienile di Madrid. Ma pochi secondi dopo, si precipita verso l’autobus biancoblu della persona la cui squadra è ancora sua. Poi l’uomo della porta accanto è solo sul marciapiede, appoggiato al muro. Lui è Marco Materazzi. Mourinho lo vede e va nella sua direzione. I due si abbracciarono per venti secondi. Un abbraccio è forte quanto il legame che li unisce. Poi il portoghese se ne va, il suo viso è triste e i suoi occhi sono pieni di lacrime. La sua storia con l’Inter finisce al termine della sua serata più bella. straziante.

READ  "L'allenamento di Mbappe? Penso sia complicato. Tatticamente non ha ancora raggiunto il massimo livello"

lega

L’Inter si diverte, la caduta della Roma

01/12/2021 alle 19:27

Ho chiamato mio figlio Jose

Sono passati molti anni da allora. Ma l’Inter non ha mai dimenticato Mourinho. Mourinho non ha mai dimenticato l’Inter. Hanno anche pensato, a volte, di rivedersi. Ma niente funziona. Per la prima volta, le loro strade si incrociano di nuovo in una competizione ufficiale. Questo sabato il club lombardo si sposterà infatti nel parco dell’AS Roma, che Special One ha allenato da questa stagione. È stato chiaramente un momento speciale per lui che ha preferito non parlare in conferenza stampa venerdì. Forse l’analisi della recente sconfitta contro il Bologna (1-0), costellata da diversi errori arbitrali, ha detto, è più che analizzare le possibili domande della sua ex squadra. Tutti conoscono il legame unico che unisce “Mo”, Inter e TIFFUSI. Uno dei più famosi, il presentatore italiano Amadeus, lo simboleggia nel racconto.

Avevo deciso di chiamare mio figlio Jose dopo che Mourinho era passato su un aereo da Lisbona, Raccontare Gazzetta dello sport questa settimana. Ha appena firmato con l’Inter. Ho sentito subito il suo carisma e la sua personalità. È stato incredibile. Mia moglie era incinta e le ho detto: “Se fosse un maschio sarebbe Jose”. Alla fine, ho rinunciato (ride). Ha lasciato tante cose all’Inter. La sua passione e passione… Un rapporto che è e resterà nel tempo.Come lui, migliaia di Inter Tifosi hanno già prenotato il weekend del 24 aprile. Perché? Per festeggiare il ritorno del triplete a Giuseppe Meazza, che si preannuncia eccezionale.

READ  Top e flop finali | Sport | il Sole

Manette da corsa al Camp Nou

Se Jose Mourinho conferma che sabato conterrà i suoi sentimenti, sarà difficile per lui non riaprire l’album dei ricordi. Con l’Inter sono tanti e indelebili. A volte anche le sette. Come dimenticare, ad esempio, la data del 4 giugno 2008, data della presentazione ufficiale con il club lombardo? “Italiano? L’ho imparato in fretta perché sono intelligente. È una lingua latina e parlo portoghese e spagnolo, quindi non è così difficile da imparare. Non sono un “pirla” (che significa, in un certo senso, essere un “truffatore”, appunto)O la sua indimenticabile gara a Maicon, il 20 dicembre dello stesso anno, durante una vittoria nel max (1-2) a Siena? Sempre furbo con i media, il portoghese ne ha approfittato” conferenza stampa, 3 marzo 2009 per prendere in giro le squadre rivali”.La Roma, che ha due grandi giocatori, chiuderà la stagione “zero titoli, ndr). Milan, zero Titoli. “Per quanto ti dico che questo”zero titoli‘, pronunciato in quasi perfetto italo-portoghese, suscitò una raffica di reazioni.

Special One era davvero speciale all’epoca. Nessuno ha dimenticato il gesto delle manette durante l’Inter Sampdoria nel febbraio 2010 dopo l’espulsione di Walter Samuel e Ivan Cordoba. Come ad indicare che l’arbitro italiano stava prendendo in ostaggio il suo club. Due mesi dopo, il tecnico portoghese si qualifica per l’Inter in finale di Champions League dopo aver eliminato il Barcellona (3-1, andata) dopo una drammatica ed eroica rimonta, 11 contro dieci in più di sessanta minuti. Ma i nerazzurri stringono i denti, si barricano e si inchinano solo per 1-0. Al fischio finale, Mourinho ha festeggiato una gara totalmente pazzesca al Camp Nou. Alza il dito verso il settore dove si trova il tifo. Poi Victor Valdes, il portiere dei blaugrana, gli va incontro per fermarlo. Ma i portoghesi, quasi frastornati, se ne fregano e vanno avanti. Niente può fermarlo. In quel momento, lui e la sua gente trasudavano un senso di forza che era quasi invincibile per qualsiasi avversario. In Italia come in Europa.

https://i.eurosport.com/2020/05/21/2821794.jpg

Questo era Mourinho Inter. Caldo e pungente per i suoi avversari. Distraente e divertente per la stampa. Leader, leader e guida del suo popolo. Era lui ei suoi giocatori contro il resto del mondo. “Ho subito sentito il rumore dei nemici. Lo amo. Ho un’opinione e subito, boom, il rumore dei nemici. Questo è qualcosa che amo”, dichiarò nell’estate del 2009, prima dell’inizio della famosa stagione di “triathlon”.Questo sabato, per la prima volta, l’Inter sarà sua avversaria, ma non certo sua nemica.

lega

Il Napoli inciampa contro l’Inter e perde l’imbattibilità

21/11/2021 alle 19:00

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *