Secondo uno studio | Gli squali confondono i surfisti con le loro prede

(Parigi) Gli squali che si nutrono di surfisti o nuotatori hanno una vista così scarsa che gli scienziati hanno concluso che potrebbero scambiarli per la loro solita preda, come il leone marino, uno studio ha mostrato mercoledì.


pierre sedano
Agenzia di media Francia

Gli autori dell’articolo hanno scritto in interfaccia utente, Rassegna della Royal Society. Hanno concluso che il loro lavoro “supporta una teoria di errata identificazione per spiegare certi morsi”.

“Questo è il primo studio a testare questa teoria dal punto di vista di uno squalo bianco visivo”, ha detto all’AFP l’autrice principale Laura Ryan, ricercatrice del Dipartimento di Scienze Biologiche della Macquarie University in Australia.

Gli attacchi di squali sono ancora rari (meno di sessanta attacchi a livello globale nel 2020), secondo un dipartimento specializzato dell’Università della Florida. Ma mantengono, secondo lo studio, un clima di paura “sproporzionata”, che si associa all’ignoranza delle motivazioni dell’animale, soprattutto quando l’aggressione non è provocata. A volte il risultato sono spedizioni di caccia che danneggiano anche altre specie.

Squali bianchi, tigri e bulldog attaccano spesso i surfisti.

Se è noto che lo squalo bianco rileva suoni e odori a grande distanza, si presume che si fidi principalmente della sua vista per individuare e prendere di mira la preda.

Non sensibile al colore

Tuttavia, il sistema visivo dello squalo è quasi insensibile al colore e ha una capacità molto scarsa di distinguere i dettagli della forma. Secondo lo studio, la sua capacità di analisi, che è fino a sei volte inferiore a quella di un essere umano, è inferiore nei piccoli squali bianchi, che rappresentano il maggior rischio di morsi fatali per i surfisti.

READ  Linux è "completamente utilizzabile" su M1 Mac

Per testare la teoria dell’errata identificazione, il team di Macquarie ha realizzato “video ripresi dal punto di vista di uno squalo ed elaborati con un software per imitare il sistema visivo dello squalo”, in particolare la sua capacità di distinguere forma e movimento, spiega lo scienziato.

Per questo, hanno registrato dal fondo dell’acquario foto e video di un leone marino e un sigillo di pelliccia, una prelibatezza di uno squalo, che passerà vicino alla superficie, a pochi metri sul livello del mare, sopra uno squalo. Hanno quindi confrontato i loro segnali con quelli di nuotatori e surfisti che remano le braccia, con o senza calci, sui tre principali tipi di tavole da surf (longboard, shortboard e ibridi).

Secondo lo studio, dal punto di vista di un piccolo squalo bianco, i segnali di movimento di un nuotatore come quelli di un surfista che pagaia la sua tavola sono quasi indistinguibili da quelli degli ungulati.

Soprattutto in acqua di mare, dove la visibilità è inferiore rispetto all’acquario utilizzato per l’esperimento.

Per quanto riguarda la forma, un battitore con le pinne piegate sembra più un nuotatore o un surfista sulla sua tavola corta che con le pinne allungate. dice mNS Ryan, che osserva che “ci sono stati incidenti con il morso di longboard”.

I ricercatori ora cercheranno di determinare se un cambiamento nei segnali visivi di potenziali prede sarebbe un modo efficace per proteggersi dagli squali bianchi, continua lo scienziato.

Con l’imperativo di soluzioni che “non solo prevengano i morsi di squalo, ma non mettano in pericolo altre specie marine”.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *