Secondo un sondaggio, i gridi delle scimmie allo stadio sono giustificati per il 16% degli italiani

Secondo un sondaggio, i gridi delle scimmie allo stadio sono giustificati per il 16% degli italiani
In seguito ai fatti contro Mike Minyan si sono svolte numerose proteste.
Piero Crocciati/AFP

Secondo un sondaggio pubblicato giovedì, circa il 16% degli italiani ritiene che imitare i gridi delle scimmie e pronunciare insulti razzisti sia giustificato quando si tifa per una squadra di calcio.

In questo sondaggio condotto dall’Istituto SWG dal 24 al 26 gennaio tra 800 persone, il 16% degli intervistati ha pensato di “urlare una scimmia o lanciare banane ai giocatori di colore”, come nel caso dei recenti incidenti contro il portiere francese dell’FC Barcelona. AC Milan Mike Maignan, è normale quando tifi una squadra. Una percentuale simile del campione indica che essere tifoso di una squadra ti permette di “chiamare un giocatore ‘zingaro’ o ‘ebreo’” (18%) e “insultare un giocatore a causa della sua nazionalità o origine” (18%).

“Devono sopportare tutto ciò che accade.”

Il 20 gennaio, quando si disputò la partita dei campioni d’Italia tra Udinese e Milan, il terreno dovette essere sgombrato, imitato dai compagni, dopo aver ricevuto un solo criss-by-slide, perché era sistemato in mezzo . Incontro. Dopo una pausa di cinque minuti, la partita è ripresa con Mignan che ha esortato le autorità italiane ad agire il giorno successivo contro questa piaga che ritorna regolarmente nel Calcio.

Da allora, l’Udinese ha squalificato a vita cinque suoi tifosi e ha ordinato che si giocasse a porte chiuse, punizione che è stata ridotta in appello e ridotta alla chiusura dello stadio per due partite. Toujours usa il suono SWG, il 74% degli interrogati ritiene normale che “i volti delle persone prennengono la loro posizione sul soggetto”, ma il 22% stima che i publiques paghino per la diversione, ma devono sopportare tutto questo “passa”.

READ  L'italiano Ballerini vince lo sprint e il duro lavoro di Deceuninck-Quick Step permea

La metà degli intervistati (51%) ritiene che insultare la propria squadra o un atleta che si sostiene dopo un brutto risultato sia normale per un tifoso. Inoltre, il 46% ritiene che insultare gli arbitri sia associato alla presenza in campo.

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *