Scontrini dei biglietti del cinema divisi per cinque

RFI

Caso “intercettazioni”: Nicolas Sarkozy è stato condannato a tre anni di carcere, uno dei quali archiviato

L’ex presidente della Repubblica, che ha assistito al verdetto del tribunale penale di Parigi, è stato condannato il 1 marzo 2021, con l’accusa di corruzione e abuso di influenza nel caso delle cosiddette “intercettazioni” con il suo storico avvocato Thierry Herzog. . Tre anni di carcere, di cui uno chiuso. Lunedì, Nicolas Sarkozy è diventato il primo ex presidente della Quinta Repubblica ad essere condannato per corruzione. È anche il secondo ex capo di Stato a essere punito dalla giustizia, dopo il suo ex mentore, Jacques Chirac, condannato nel dicembre 2011 a due anni di carcere per lavori falsi a Parigi. L’Alto Giudice Gilbert Seibert e storico avvocato dell’ex presidente Thierry Herzog con cinque anni di divieti professionali su quest’ultimo. Sono stati anche condannati per violazione del segreto professionale. Nicolas Sarkozy, che era “garante dell’indipendenza della magistratura, ha dichiarato il suo status di ex presidente per premiare un giudice che ha servito il suo interesse personale”, il capo della 32a Camera di correzione. Da Parigi, Christine May, ha stimato che il Patto di corruzione fosse ben formato. Nicolas Sarkozy farà appello. Il tribunale è rimasto incapace di soddisfare le richieste dell’Ufficio del procuratore finanziario nazionale (PNF), che ha richiesto le stesse pene detentive di quattro anni, due dei quali sono ferme nei confronti dei tre imputati, e sia Nicolas Sarkozy che Terry Herzog hanno dichiarato la loro intenzione di fare appello alle loro convinzioni. Dopo questo “verdetto estremamente severo” e “infondato e ingiustificato”, l’ex presidente ha affermato “calmo, ma determinato a continuare a dimostrare la sua innocenza”, ha confermato il suo avvocato, May Jacqueline Lafon. Il caso risale al 2014. Quell’anno l’ex presidente tentò di ottenere, tramite May Herzog, informazioni riservate da Gilbert Azibert, allora giudice anziano, in un procedimento relativo alla confisca dei suoi diari a margine del caso Bettencourt. Informazioni che il giudice avrebbe fornito in cambio della sua promozione a una posizione di rilievo a Monaco. Il “pettegolezzo” della difesa Attraverso la difesa nel caso dell’ex capo di stato, i suoi avvocati hanno sostenuto che Nicolas Sarkozy non aveva vinto la sua causa dinanzi alla Corte di cassazione e che Gilbert Seibert non aveva una posizione a Monaco. Ma i giudici non sono andati in questa direzione e hanno ritenuto che non fosse necessario ottenere considerazione, né che l’effetto fosse reale, per descrivere crimini di corruzione e abuso di influenza. L’avvocato dell’ex presidente, May Jacqueline Lafont, ha chiesto l’assoluzione. Ha detto che il file era vuoto e si basava solo su intercettazioni telefoniche che l’accusa aveva interpretato. “Gossip” tra un ex capo di Stato, preoccupato per il suo ricorso in cassazione, e il suo avvocato e amico, che cerca di rassicurarlo. Ecco cosa mi è stato spiegato da La Fontaine e dallo stesso Nicolas Sarkozy, che al bar si è dichiarato innocente. Un orizzonte giudiziario affollato Dopo questa sentenza e in attesa di appello, l’orizzonte giudiziario resta affollato per Nicolas Sarkozy. Pertanto l’ex presidente deve tornare al tribunale di Parigi entro 15 giorni. Il 17 marzo inizierà il processo dei suoi resoconti per la campagna presidenziale del 2012, noto come il “caso Pigmalione”. Nicolas Sarkozy è accusato di aver finanziato illegalmente la sua campagna e di aver superato l’importo della spesa autorizzata di oltre 20 milioni di euro. Rischia un anno di prigione, e c’è un altro caso relativo al finanziamento libico della sua campagna presidenziale nel 2007. È sospettato di aver fatto appello al regime di Muammar Gheddafi per ottenere fondi e finanziare la sua corsa vittoriosa all’Eliseo. Al momento, Nicolas Sarkozy è accusato di corruzione e associazione a delinquere. Un caso recente e più recente riguarda le sue attività di consulenza nel settore privato. Lo scorso luglio, l’ufficio del procuratore finanziario nazionale ha aperto un’indagine preliminare sull’abuso di leva finanziaria. Il ruolo di Nicolas Sarkozy in un importante caso finanziario russo ha attirato l’attenzione dell’unità antiriciclaggio di Percy.

READ  Oscar 2021: Migliori nomination per "Mank", "Nomadland" e "Minari"

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *