Scienze. Il James Webb Space Telescope è pronto per il decollo

Conto alla rovescia. Tra meno di un mese, il 18 dicembre, un razzo Ariane 5 partirà dalla base di Kourou nella Guyana francese, con il più potente telescopio spaziale mai costruito. intende impadronirsi di Hubble, Superato da malfunzionamenti E all’età massima (in funzione dal 1990), il James Webb Space Telescope dovrebbe aprire una nuova era dell’osservazione astronomica.

Perché sta succedendo?

Perché questo telescopio aspetta gli astronomi da quasi vent’anni. In sviluppo dal 1996, il lancio del James Webb Space Telescope (JWST) era inizialmente previsto per il 2007. Ma ritardi e problemi tecnici si sono accumulati, tanto che il progetto ha finito per diventare una sorta di osservazione celeste arlesiana.

Anche i costi sono esplosi. Da una stima iniziale di 500 milioni di dollari, alla fine arrivarono a quasi 10 miliardi di dollari. Dolorosamente per la maggior parte risolto dalla NASA, l’ingegnere capo del JWST. Ma anche l’Agenzia spaziale europea (ESA) e la sua controparte canadese (CSA) sono strettamente associate al progetto. In particolare, l’Europa ha presentato molti strumenti. Garantirà inoltre il lancio del telescopio, Arrivato a metà ottobre in barca al Guyana Space CenterUsando un missile Ariane 5.

Qual è lo scopo di questo telescopio?

Tra l’altro, osservando il passato del nostro universo. In astronomia, guardare lontano è come guardare nel passato, dove la luce o le radiazioni dallo spazio profondo possono impiegare miliardi di anni per raggiungerci. Lo studio della formazione delle prime galassie, apparse subito dopo il Big Bang, è uno dei compiti principali del JWST.

Ma quest’ultimo dovrebbe anche consentire di comprendere meglio la formazione e l’evoluzione delle galassie, studiare la nascita delle stelle e osservare gli esopianeti, un nuovo campo di osservazione astronomica che, negli ultimi anni, ha avuto un vento in poppa.

READ  A Plague Tale: The Requiem avrà circa 16 ore | Xbox One

Quali sono le differenze con Hubble?

I due telescopi spaziali non hanno molto in comune, e possono inoltre essere considerati complementari tra loro. In orbita terrestre, Hubble opera principalmente nella luce visibile. È, grosso modo, un gigantesco telescopio astronomico. D’altra parte, gli strumenti del James Webb Telescope funzionano nell’infrarosso, il che gli consente di studiare oggetti antichi con una precisione senza precedenti. Luce emessa da oggetti lontani dal nostro sistema solare In realtà stanno diventando rossi, il che rende impossibile osservarli con un telescopio convenzionale.

Anche la fisiologia dei due strumenti è abbastanza diversa. A partire dalle dimensioni dello specchio: JSWT è tre volte più grande di Hubble. Infatti è così grande (6,5 metri di diametro) che gli ingegneri hanno dovuto ricorrere alla tecnologia degli specchi segmentati. Senza di essa, non sarebbe stato in grado di fondersi in una forma missilistica. Lo specchio JSWT è in realtà un insieme di 18 specchi, che si apriranno nello spazio per formare una sorta di specchio gigante. Ha anche un’enorme visiera parasole lunga 22 metri.

Dove si metterà?

È impossibile, come Hubble, che vola a un’altitudine di 570 km sopra le nostre teste, rimanere in orbita attorno alla Terra. Per evitare interferenze dall’atmosfera terrestre, JSWT si allontanerà leggermente. Una volta lanciato, imposterà il percorso del punto di Lagrange L2 (Maggiori spiegazioni su questo sito), che sarà conservato intorno. Questo punto immaginario, dove i campi gravitazionali della Terra e del Sole si annullano a vicenda, gli consentirebbe di rimanere nella stessa posizione rispetto al nostro pianeta e alla nostra stella. Il viaggio, di circa 1,5 milioni di chilometri, durerà 29 giorni.

READ  Francia e Brasile rimangono gli unici due paesi in cui i negozi Apple sono stati chiusi

Tuttavia, questa situazione ha un inconveniente: a questa distanza è impossibile inviare esseri umani a riparare il telescopio, come nel caso di Hubble, che è stato La miopia è stata completamente rivelata all’inizio. Basti pensare che la comunità scientifica rischia di trattenere il fiato per le quattro settimane che continuerà a percorrere e durante la messa in servizio.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *