Samuel Umtiti vittima di canzoni razziste in Italia, riceve molti consensi

Il giocatore francese Samuel Umtiti e il suo compagno di squadra Lameck Banda sono stati vittime di cori razzisti nel campionato italiano mercoledì.

Mercoledì è stato votato “man of the match”. Per le sue buone prestazioni in campo ovviamente, ma anche per la sua risposta da campione a un atto che non dovrebbe più svolgersi negli stadi. Il difensore francese Samuel Umtiti, che attualmente gioca per l’US Lecce in Italia, è stato vittima di cori razzisti durante la partita da parte dei tifosi avversari della Lazio. Anche il suo compagno di squadra Lameck Banda è stato attaccato.

Secondo “gazzettaIl campione del mondo 2018 ha chiuso in lacrime il match, mentre poco prima l’arbitro era stato costretto a sospendere la partita. Sotto il peso della tensione di una partita finalmente vinta dalla sua squadra, Samuel Umtiti ha trovato conforto con il suo presidente. Ha potuto contare anche sull’incredibile sostegno dei suoi stessi sostenitori che hanno cantato il suo nome per soffocare i cori avversari. “Ho baciato Samuel, come faccio con tutti i suoi compagni di squadra. Dopo ogni partita, qualunque sia il risultato, voglio salutare i ragazzi e lo staff. Quando l’arbitro ha fermato il match, e prima che l’annunciatore chiedesse la fine dei cori razzisti, Umtiti ha chiesto la ripresa del match, perché voleva rispondere agli insulti ricevuti in campo. Ha reagito da vero campione”, ha dichiarato il presidente Saverio Sticchi Damiani. “Le canzoni razziste sono state sopraffatte da quelle di incoraggiamento! Tutti i giallorossi si sono messi a gridare un solo nome: Umtiti.

“Tutto il nostro supporto per Sam Umtiti”

Dall’incidente, Samuel Umtiti e Lameck Banda hanno ricevuto molto sostegno. La Federcalcio francese ha scritto su Twitter: “Tutto il nostro sostegno a Sam Umtiti e al suo compagno di squadra Lameck Banda, vittime di insopportabili cori razzisti durante l’ultima partita con il Lecce contro la Lazio Roma. Siamo con te Sam.

Cosa c’è dopo questo annuncio

Anche il presidente della Fifa Gianni Infantino ha trasmesso il messaggio. “Solidarietà con Samuel Umtiti e Lameck Banda – gridiamo forte e chiaro: NO AL RAZZISMO! Possa la stragrande maggioranza dei sostenitori, che sono brave persone, alzarsi per mettere a tacere tutti i razzisti una volta per tutte!” ha commentato su Instagram, al quale il nazionale tricolore, colpito da numerosi infortuni negli ultimi anni, ha replicato: “Solo il calcio, il piacere, la gioia, il resto non conta”.

Cosa c’è dopo questo annuncio

Cosa c’è dopo questo annuncio

Il calcio italiano colpito dal razzismo

Il razzismo nel calcio italiano è un problema annoso che stenta ad essere arginato. All’a partita tra PSG e Juventus a inizio settembre al Parco dei Principi, un gruppo di tifosi italiani è stato filmato mentre eseguiva saluti nazisti e imitava versi di scimmia mentre si trovava nel parcheggio di Torino. A seguito di queste immagini, la questura di Parigi ha annunciato su Twitter di aver aperto un’inchiesta. Contemporaneamente la Federazione Italiana Giuoco Calcio ha annunciato l’apertura di un’inchiesta contro i tifosi di diversi club. Era rivolto in particolare alle canzoni antisemite filmate durante l’incontro tra Milan e Inter e quello tra Fiorentina e Juventus Torino.

READ  EUROPA/ITALIA - Dedicata alla Papua Nuova Guinea la 90a edizione del “Congresso Missionario” del PIME, a 170 anni dall'arrivo dei primi missionari

Nel 2021, il portiere francese del Milan Mike Maignan è stato preso di mira dai tifosi della Juventus durante una partita. Il club ha quindi avviato una procedura per escludere i tifosi responsabili. In passato, altri giocatori sono stati vittime di insulti simili in Serie A, tra cui Romelu Lukaku, Kalidou Koulibaly, Moise Kean o Blaise Matuidi.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *