Saint-Nicolas-de-la-Grave. In Italia, i ballerini nicotiani incontrano le star

l’essenziale
I ballerini della discoteca hanno preso parte a una competizione internazionale in Italia. Una consacrazione dovuta ai risultati ottenuti durante l’ultimo concorso nazionale di novembre.

Grazie ai buoni risultati ottenuti nei concorsi regionali e nazionali, i ballerini del circolo danza Nicolaïte hanno partecipato il 12 dicembre al concorso internazionale di danza organizzato dall’associazione europea danza a Lucca (Italia). “Dovevi ottenere il primo premio con una menzione al concorso nazionale per poter partecipare”, spiega Patricia Gaurand, coreografa e manager del club. Distinzioni ottenute da Loane Dubuc e Faustine Pierasco per il loro duo “Ces deux-là” nella categoria danza preparatoria, nonché il gruppo “Nomad”, composto da Loane Dubuc, Anaël Martinez, Emelia Pojer, Sabrina Paluzano, Maxine Nones e Faustine Pierasco.

Pass e gestione dei test PCR

Così sei ballerini nicotiani sono andati in Italia. “Siamo partiti venerdì per pedalare tutta la notte e siamo arrivati ​​sul posto sabato a mezzogiorno. Abbiamo girato un po’ per la città, poi abbiamo partecipato al flashmob in città nel tardo pomeriggio. Il concorso stesso era attivo. avvenuta domenica. La mattinata è stata dedicata ai preparativi e i nostri ballerini si sono esibiti intorno alle 17 per una cerimonia di premiazione intorno alle 21″, spiega Patricia Gaurand. “È stato un fine settimana intenso, ma con il contesto e la gestione dei pass e dei test PCR, i preparativi sono stati anche complicato. Per fortuna gli organizzatori sono stati adorabili”, apprezza. Difficoltà che aveva scelto di affrontare nonostante tutto. “Abbiamo avuto la possibilità di partecipare in videoconferenza, come l’anno scorso. Abbiamo fatto la scelta di viaggiare, perché è una bella esperienza da vivere. Il concorso si è svolto al Teatro del Giglio. È un luogo rinomato, che ha visto passare molti artisti famosi. Abbiamo avuto a che fare con ballerini dall’Italia ovviamente, ma anche da Belgio, Gran Bretagna, Grecia, Israele, Lussemburgo, Romania e Spagna”, spiega Patricia Gaurand.

READ  Giro d'Italia | Sei tappe in montagna nel 2022

Una competizione internazionale

Un desiderio condiviso dai ballerini. “E’ la prima volta che partecipo a una competizione del genere. È stressante ma non vedo l’ora di esserci”, ha ammesso Loane Dubuc prima del via. “Negli anni precedenti, erano i più grandi a qualificarsi. Quest’anno si sono alternati i più giovani”, dice Patricia Gaurand. Giovani che hanno raccolto la sfida. Di fronte a una giuria composta da grandi nomi della danza (Mariana Giustina Baravalle, Mario Camacho, Michele Pogliani, Nathalie Quernet, Deanna Losi), le due coreografie hanno vinto i primi premi di categoria. “Siamo su una piccola nuvola. Portiamo solo oro! Che emozioni, pianti, lacrime di gioia, sussulti all’annuncio dei risultati”, testimonia la stessa Patricia Gaurand. “Vorremmo ringraziare tutti coloro che ci hanno permesso di partecipare a questo concorso, i genitori e gli accompagnatori, i municipi di Saint-Nicolas-de-la-Grave e Caumont, la farmacia che ci ha messo alla prova prima di partire , Pascal e Thierry, gli autisti di autobus di Valence Tourisme che ci hanno ascoltato “, conclude.

Anaël Martinez, una ballerina al top

Anaël Martinez, 11 anni, era in viaggio a Lucca per il concorso internazionale di danza a cui hanno partecipato i ballerini del club Nicolaïte. Prima della sua partenza per il concorso dove ha finalmente vinto il primo premio, l’unico ragazzo del gruppo riflette sui motivi che lo hanno portato a dedicarsi alla danza.

Come ti sei avvicinato alla danza?

Quando ero piccolo, avevo bisogno di muovermi molto. Ho provato diversi sport che non mi piacevano. E poi ho visto il cartone animato “Ballerina”, che parla di danza classica, mi ha ispirato. Anche se mia madre aveva ballato un po’ quando era più piccola, non avevo un esempio nella mia famiglia, è stata una scoperta. Abbiamo contattato Patricia Gaurand, ci ho provato e mi è piaciuto. All’inizio volevo persino farne il mio lavoro. Ma ora mi interessano di più altri percorsi professionali e la danza rimarrà sicuramente un hobby.

READ  L'Italia si riprende i suoi rifiuti, secondo Othman Jerandi

Hai una pratica preferita?

All’inizio ho provato di tutto: classica, contemporanea, jazz, hip-hop… ho trovato l’hip-hop un po’ troppo disordinato e gli orari delle lezioni di danza classica non corrispondono a quelli della scuola. Così sono rimasto sulla danza contemporanea, la mia preferita. Il pezzo che produrremo a Lucca per il concorso, “Nomad”, è inoltre danza contemporanea.

Come vivi questa avventura e le varie selezioni acquisite in questi mesi?

Nella competizione nazionale sono rimasto sbalordito dal livello degli altri concorrenti. Vedendoli allenarsi li ho trovati molto forti. Prima di andare avanti, le gambe mi tremavano, ma una volta sul palco mi sono lasciato andare e il risultato è seguito. Oggi ho fretta di essere a Lucca al concorso internazionale. Ballo tutto il tempo, cerco di provare per essere pronto. È complicato, ma è fantastico essere lì.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *