Rural Science Institute: “Questi accordi sono vitali, questi giovani non dovrebbero negarsi un futuro accademico”

Rural Science Institute: “Questi accordi sono vitali, questi giovani non dovrebbero negarsi un futuro accademico”

“È un po’ come i 100 metri. Hanno le scarpe migliori mentre sono ancora negli spogliatoi. Anois è entrato a far parte di Sciences Po Paris nel settembre 2022. Orgoglioso di chi arriva direttamente da Saint-Estève, una cittadina di 11.000 abitanti vicino Perpignan “È un cambiamento molto grande”, ride la bambina, “e l’unica somiglianza tra Parigi e Perpignan è la prima lettera”.

Prima di mettere piede in rue Saint-Guillaume, la studentessa ha frequentato i laboratori di Sciences Po nell’ambito di un accordo tra la Grande Ecole e la sua scuola secondaria. Questi accordi, in vigore da 20 anni, consentono agli studenti delle scuole superiori di iscriversi all’istituto dopo aver scelto la scuola superiore, poi orale a Scienze Po. Inizialmente, è stato concluso con le scuole secondarie nella periferia di Parigi. Ma nel 2021, nell’ambito di una revisione delle procedure di ammissione, il rinomato istituto ha aperto a nuove scuole secondarie, in particolare nelle zone rurali e nei territori d’oltremare.

In tre anni gli accordi sono quasi raddoppiati: 198 licei sono ora partner di Science Po con Accordi di Istruzione Prioritaria (Cep), rispetto ai 166 del 2021 e ai 106 del 2020. «Concretamente, i Cep funzionano», si congratula con la scuola: «In In 20 anni, 2.600 studenti sono entrati in Sciences Po in questo modo. A settembre 2023, grazie a specialisti di compliance ed etica, potranno entrare a far parte della scuola 250 studenti, fino ad allora il numero era 170.

“Mi ha permesso di migliorare le mie capacità di parlare”

Un’opportunità per Alain, al suo primo anno al campus di Sciences Po a Mentone, che ha seguito i workshop del convegno nel suo liceo in Guadalupa. “Era mercoledì per due ore”, ricorda il giovane. All’inizio dell’anno, ci stavamo principalmente preparando ad analizzare le notizie, sviluppare le nostre capacità di pensiero e imparare a parlare in pubblico. Poi ci siamo formati per scrivere scritti di Science Po, per poi superare il colloquio di ammissione. Chiave, positiva: “Mi ha permesso di migliorare il mio senso critico dell’attualità, del mondo, di migliorare le mie capacità oratorie…”

READ  Il ministro della salute olandese elogia le virtù della realtà virtuale ricevendo un vaccino - RT en français

Sono stati i genitori del ragazzo a consigliargli di frequentare questi corsi in aggiunta all’ultimo anno. Alan non avrebbe mai pensato di fare Science Po: “Senza questi corsi, non sarebbe stato il mio punto. Molte persone intorno a me non credevano in me…”. Per Anoa, è stata la sua insegnante di prima media a raccontarle della collaborazione tra una scuola secondaria di Perpignan e Sciences Po. All’inizio ho esitato. “La scuola è stata valutata ZEP e considerata sensibile. Con mia madre, avevamo delle preoccupazioni. La bambina, che vive da sola con sua madre, finisce per iscriversi al liceo e a una classe CEP di seconda elementare”. molte discussioni sugli eventi attuali. . E ci stavamo preparando per la rassegna stampa orale. Abbiamo lasciato gli insegnanti completamente liberi. ricorda allo studente.

Anoa non plus n’aurait jamais imaginé entrer à Sciences Po. « À Perpignan, on our nous disait ‘si vous êtes un peu ambitieux, allez à Montpellier’, mais Paris n’y songez pas », se souvient Anoa, dont la convention « change [sa] Una vita”. Solène, una studentessa del campus di Rennes, ha iniziato grazie alla CEP. L’autocensura è reale. Sono figlia di un operaio, ho fatto tutti i miei studi alla ZEP, non necessariamente conosciamo qualcuno vicino noi che abbiamo fatto questo tipo di settore. »

alto livello di requisiti

Oltre ai workshop, questo accordo consente loro di fare domanda su Parcoursup, che segue un “percorso di ammissione definito”, e selezionare Science Po che separa i file degli studenti CEP dagli altri per esami separati. Se il percorso verso Sciences Po quando sei arrivato dal CEP non è lo stesso, rimane un requisito.

READ  Questi farmaci saranno da 2 a 5 volte più efficaci dell’ibuprofene

«Il sindacato ha sporto denuncia contro Sciences Po», ricorda Abdelilah Lalloui, autore di «Les baskets et le costume», che nel 2017 ha beneficiato di un accordo con il suo liceo di Créteil: «Il sindacato ha sollevato la questione del vantaggio di accesso di questa scuola e l’idea che gli studenti meno meritevoli possano prendere il posto di chi veramente “merita”.

Tuttavia, “Devi avere una media minima di 16 su tutti gli esami CEP e una media di 17,5 per gli altri studenti”, sostiene Alan, che ha rifiutato di subire pressioni e si è rinchiuso nel campo di studio. “Sapevo che se non ce l’avessi fatta nella competizione, avrei avuto accesso ad altre opportunità”, spiega.

Un punto di vista non condiviso da Anoa, che fin dall’inizio ha messo “una pressione costante sulle note”: “Era di più alla fine. Avevo la volontà non solo di farcela, ma soprattutto di eccellere. Ricordo 16 in spagnolo dove ho pianto, perché lei non mi bastava. Ci isolavamo socialmente, uscivo di meno e vedevo meno i miei amici. Psicologicamente è stato complicato, ma ci sono riuscito. È stato gentile di un ottovolante”, ride. Tanto più che gli episodi non finiscono non appena varchi la porta della scuola. “La settimana prima di entrare avevamo lezioni di conversazione e da quel momento mi sono detta che c’era un divario enorme tra me e gli altri studenti”, conferma Anua.

“Questo corso mi darà prospettive di carriera, mi ha cambiato un po’ la vita”

Nonostante i ritardi avvertiti da coloro che ce la fanno o la pressione che gli studenti delle scuole superiori esercitano su se stessi, i workshop li incoraggiano a pensare in modo diverso al loro futuro. Anche per alcuni considerarli affatto. “Nella nostra accademia, abbiamo storicamente avuto bassi tassi di prosecuzione degli studi per i titolari di recente diploma di maturità”, conferma il presidente dell’Accademia di Poitiers, Benedict Robert, che insiste sull’importanza di sviluppare questi seminari. Attribuiamo questo tasso al problema della routine e della mancanza di movimento. Siamo riusciti ad aumentare tale percentuale di 4,5 punti”, afferma con soddisfazione.

READ  Nessuno credeva in questo film di fantascienza che è diventato un classico del genere: Actus Ciné

Per Raphael Zawati, studente eletto nel cda dell’Istituto, gli accordi consentono di “reclutare studenti eccezionali che magari non sono entrati a far parte dell’Istituto di Scienze Po, perché le loro scuole superiori sono lontane dalle scuole maggiori”. Inoltre, per coloro che non partecipano ai seminari delle scuole superiori ma vi partecipano, il vantaggio è enorme. Soazig lo ha testato. La giovane ha studiato al Liceo Jean Moulin, a Touar, a Deux Sevres, una delle nuove scuole secondarie partner dell’istituto. Se non ha superato il concorso, ora è nella classe preparatoria delle principali business school ed è entrata nell’istruzione superiore con solide conoscenze.

“Prepararmi a questo concorso mi ha permesso di lavorare sul mio pensiero su argomenti ed esercizi meno accademici. Oggi seguo corsi simili a quelli che avrei potuto seguire a Sciences Po, come le grandi questioni contemporanee grazie alla geopolitica”. “Questi giovani non dovrebbero privarsi di un importante futuro accademico, quindi questi accordi sono essenziali”, sottolinea Benedict Robert. Solin è d’accordo: “Questo corso mi darà prospettive di carriera e ha cambiato parecchio la mia vita”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *