Rugby: In Italia, un giocatore di origini guineane riceve in regalo una banana

Rugby: In Italia, un giocatore di origini guineane riceve in regalo una banana

Il rugbista professionista trevigiano Cherif Traore ha ricevuto come regalo di Natale una banana marcia da un compagno di club. Sui social il nazionale italiano di origini guineane ha denunciato il razzismo di cui è stato vittima.

gesto offensivo. Mentre i giocatori del Treviso Rugby Club si riunivano per festeggiare il Natale, il nazionale italiano nato in Guinea Cherif Traore ha ricevuto un regalo scioccante da uno dei suoi compagni di squadra in forma anonima. Questa è una banana marcia.

“Natale si avvicina e, come di consueto in squadra, è tempo di Secret Santa. Un momento di simpatia e scherzi. Un momento in cui puoi fare regali anonimi ai tuoi compagni di squadra, regali che sono anche aspri e ridicoli. Ieri, quando era a mia volta, ho trovato una banana nel mio regalo”, ha scritto il 28enne su Instagram.

“Una banana marcia in un sacchetto bagnato. Oltre a trovare offensivo questo gesto, quello che mi ha fatto più male è stato vedere la maggior parte dei miei compagni ridere. Come se fosse tutto normale”.

“Non riuscivo a dormire”

Cherif Traore afferma di aver subito il razzismo in diverse occasioni, ma è stato a lungo felice di “stare zitto per non disturbare” coloro che lo circondano. “Fuori dall’Italia un gesto del genere è fortemente condannato, anche nelle piccole realtà, e questa volta voglio dire la mia”, ha spiegato il rugbista, che ha sottolineato “il non riuscire a dormire” dopo un regalo del genere.

“Ho deciso di non rimanere in silenzio questa volta per garantire che incidenti del genere non si ripetano e che altri non si trovino nella mia situazione in futuro. Spera che il mittente ne tragga una lezione”, ha continuato.

Di fronte a questo gesto “vergognoso”, il club ha dovuto rispondere. “Quante volte un membro della famiglia sbaglia o insulta, così tanto. Beh, questa volta è successo a uno di noi. Ora ciò che conta è capire l’errore e scusarsi”, ha twittato Benetton Rugby.

“Siamo una famiglia e come tale andremo sempre avanti insieme”, ha aggiunto.

READ  Formula E: la tifosi per far rivivere Antonio Giovinazzi?

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *