Ronaldo è fantastico, l’Atalanta è tenerissima

La parata di Ronaldo, l’interrogatorio di Solskjaer, e anche la cattiva gestione di Gasperini: trovare i nostri massimi e fallimenti per Manchester United – Atalanta Bergamo (3-2).

top

Ronaldo, chi altri?

Nel suo giardino al Teatro dei Sogni, mercoledì sera Cristiano Ronaldo ha brillato contro l’Atalanta. Mentre il suo Manchester United stava attraversando un momento difficile, il portoghese è stato pesantemente coinvolto nell’ammutinamento per finalmente indossare, come spesso accade, l’uniforme del salvatore. Se nel primo tempo ha avuto molte difficoltà, come i suoi compagni, l’ex juventino è riuscito a rialzarsi nel secondo. Colpendo in più occasioni Juan Musso (26, 48, 64), “CR7” non si è arreso e ha premiato. Poco prima del tradizionale “tempo di Fergies”, la palla d’oro a cinque punte ha portato un rilassamento eccezionale. È salito più in alto di chiunque altro per mettere un calcio furioso sul retro della rete e ha ribaltato l’Old Trafford (81). Il suo terzo gol in 3 partite di Champions League in questa stagione è il 137esimo nella sua storia in Coppa dei Campioni. leggendario.

Solskjaer ha corretto la situazione

Ole Gunnar Solskjaer ha un talento per uscire da situazioni complicate. Sempre più rivalità, ha riportato la partita giusta. Mentre la sua squadra stava attraversando un momento difficile contro l’Atalanta, il tecnico del Manchester United è stato in grado di interrogarsi per invertire la tendenza. In un duello a distanza con Gian Piero Gasperini, il norvegese ne uscì finalmente vittorioso e con ciò partì malissimo. Era chiaramente sbagliato nella sua formazione iniziale, lasciando giocatori come Paul Pogba o Jadon Sancho ai margini. Ha portato al risultato dopo un primo tempo disastroso, e la sua squadra ha reagito perfettamente nel secondo. L’allenatore dei Red Devils potrebbe aver trovato le parole giuste nella sosta per rimotivare i suoi giocatori. E poi, l’ingresso di Edinson Cavani e Pogba (67) e poi Sancho (73) ha fatto molto bene. I nuovi arrivati ​​hanno portato invidia, credenziali, dinamismo… Insomma, hanno cambiato il gioco.

READ  'Suppose', il film di RMC Sport su un sorteggio deludente per Parigi

flop

Gestione partita Gasperini

Stasera l’Atalanta Di Gasperini ha dimostrato di avere le stesse qualità, ma anche gli stessi difetti, di tutte le squadre guidate dal tecnico azzurro. Attaccante, divertente, fantasioso nel primo tempo, ma mentalmente instabile e tremendamente frenetico nella ripresa. In vantaggio di due reti nell’intervallo grazie a Mario Pasalek (15) e Merih Demiral (28), l’Atalanta è rientrata completamente dagli spogliatoi. L’inesperienza di questa squadra, comunque molto giocosa, la supera. Ricevendo un gol veloce di Marcus Rashford (53° posto), il club italiano ha iniziato improvvisamente a dubitare. Irriconoscibili, gli uomini di Gasperini hanno dovuto chiudere un po’ di più la partita per raffreddare l’entusiasmo di Mancon, ma non sanno come. Peccato, potrebbe aver permesso loro di evitare i gol di Harry Maguire (75) e Cristiano Ronaldo (81). Giocare “contro natura” non è nei geni del tattico italiano, morto così stasera con le sue idee. Dobbiamo ancora capire che l’infortunio di Demiral nel primo tempo è una faccenda complicata.

Lovato è molto tenero

Il giovane Mateo Lovato ricorderà sicuramente a lungo il battesimo del fuoco in Champions League. Entrò in campo all’inizio del secondo tempo per compensare l’infortunio di Demiral, e il centrale di difesa italiano viveva in una sala serale. L’ex giocatore dell’Hellas Verona sembrava essere completamente evitato dalla vicenda. Il confronto con la sua controparte turca è oggi molto dannoso. Se l’Atalanta è stata ben organizzata nel primo tempo e soprattutto molto forte, lo deve in gran parte a Demiral che, oltre al gol, è stato un fuoriclasse, disgustoso minuto per minuto attaccanti dei Red Devils, come il capitano del difesa. . Questo è. Il suo sostituto era molto lontano dal suo livello. Certo, Lovato non ha fatto gnocchi enormi, ma il suo ingresso ha sconvolto il blocco italiano e la sua fragilità è volata sui compagni. Un incontro per dimenticare il promettente italiano, che avrà senza dubbio un domani migliore.

READ  Inter: possibili linee, canale e orario della partita

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *