Ritorno in Senegal per gli eroi del film italiano “Io sono il Capitano”

Ritorno in Senegal per gli eroi del film italiano “Io sono il Capitano”

Proiezione del film “Me Captain” in una piccola sala vicino a Dakar (Senegal), a Rufisque il 17 aprile 2024 (SEYLLOU)

Quando termina la proiezione di “I Am Captain” in questa piccola sala alla periferia di Dakar, i circa 200 spettatori hanno gli occhi rossi e umidi.

Per due ore, alla presenza di una troupe cinematografica, questi senegalesi hanno seguito il viaggio di due loro giovani connazionali che intraprendono la strada verso l'Europa a rischio della vita.

Questo film, vincitore del Festival del cinema di Venezia e nominato agli Oscar e ai Golden Globe, ha fatto il giro del mondo. Il regista e il cast partiranno per una tournée di dodici date fino alla fine di aprile in Senegal, dove la storia ha avuto inizio, con la Fondazione Cinemovel.

In cambio, i due eroi dovranno affrontare ardue marce attraverso il deserto, torture nelle carceri libiche e l’indifferenza dell’Europa verso la loro situazione.

“Questo film ci insegna che ci sono enormi rischi nell'immigrazione clandestina. La domanda che voglio porre al pubblico è: + Vale la pena rischiare la vita per cercare di unirsi a un altro continente +”, ha chiesto uno spettatore al microfono, subito dopo la fine del film.

Risuonano nuovi applausi.

Mamadou Kouassi, la cui storia ha ispirato la sceneggiatura, risponde sul palco.

Secondo lui “ognuno avrà un punto di vista diverso, ma la mia opinione è che la segretezza non dovrebbe esistere. Tutti dovrebbero essere liberi di spostarsi da un continente all'altro”.

– “la realtà” –

In Senegal l’immigrazione clandestina è diventata una realtà per migliaia di persone.

Non passa giorno senza che in questo paese costiero atlantico si registri una nave in arrivo alle Isole Canarie, una nave intercettata o una nave che affonda. Alcuni migranti decidono di prendere la via terrestre attraverso il Sahel e poi di attraversare il Mar Mediterraneo, che è la rotta seguita dagli eroi del film.

READ  Cheetah prima del film un capolavoro letterario su Aarti

Il dibattito continua.

Hadj Issa Diouf, pescatore di 42 anni, è scioccato.

“Questo film è molto potente e ha avuto un impatto enorme su di me perché ho vissuto io stesso la scena. Ho preso le barche tre volte per cercare di arrivare in Europa, ho visto con i miei occhi una donna che partoriva su una barca e ho visto delle persone vomito.” “Fino alla morte ho visto corpi gettati in mare durante i miei viaggi segreti”, racconta “Questo film mi fa rivivere la realtà del continente africano”.

“Chiedo al regista di proiettare questo film in tutte le città costiere del Senegal, di organizzare, ad esempio, delle proiezioni sulle spiagge di Saint-Louis, Mbour o Joal. Forse questo tour aiuterà a sensibilizzare l'opinione pubblica perché tutte queste città hanno perso molti giovani che lo erano giovani”, ha detto. “Stanno cercando di raggiungere l'Europa via mare”.

Per Maryam Fall, che ha vent'anni, “questo film è molto utile perché ci mostra che è meglio cercare di avere successo in Africa piuttosto che vivere questo viaggio”, crede.

Ha detto: “Ho provato tutte le emozioni mentre guardavo il film, e ho anche pianto perché mi dicevo che avevo dei conoscenti che hanno fatto lo stesso viaggio e sono morti durante il viaggio”.

– competenza –

Il regista Matteo Garrone ha dichiarato all'AFP: “Non è un film che fornisce una risposta, ma piuttosto regala al pubblico un'esperienza”. E aggiunge: “Non sono uno che dice a nessuno di non andarsene”.

Seydou Sarr, il 19enne attore protagonista vincitore di un premio al Festival del cinema di Venezia, si dice “orgoglioso” che il suo film venga proiettato nel suo paese. Spiega che prima di partecipare a questo progetto non sapeva nulla dei pericoli che attendono i potenziali immigrati. Ora conosce la “realtà”.

READ  Questi Babbo Natale sono stati addestrati come professionisti per fare regali

Mamadou Kouassi, mediatore interculturale, ripercorre i progressi compiuti da quando è partito per l'Europa nel 2005, all'età di 19 anni. Dice di aver trascorso tre anni in Libia con la paura quotidiana della morte e di aver sopportato un “viaggio traumatico”.

“Quando qualcuno decide di andarsene, nessuno può fermarlo”, dice. E continua: Ogni giovane è libero di credere nei propri sogni, ma la legislazione deve essere cambiata “in modo che non soffrano come abbiamo sofferto noi”.

“Il pubblico ci chiede di realizzare un sequel sul viaggio in Europa”. Perché una volta arrivati ​​lì, le difficoltà continuano ad accumularsi.

“In Italia ho subito abusi”, dice “lavoravo 14 ore (al giorno) per guadagnare a malapena 20 euro nei campi di pomodori vicino a Napoli”. Per questo lancia un appello al governo italiano, oggi guidato dall'estrema destra, affinché sviluppi una politica di accoglienza generosa.

amt/mrb/cpy

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *