Restrizioni e restrizioni nei paesi europei

Diversi paesi europei stanno lavorando per espandere le restrizioni imposte a causa della pandemia di coronavirus. La quarantena continuerà in Germania fino al 7 marzo, nei Paesi Bassi fino al 2 marzo, nella Repubblica Ceca fino al 1 marzo. Alcuni paesi, tra cui Italia e Austria, hanno allentato alcune restrizioni.

Germania

La quarantena in Germania è stata prorogata fino al 7 marzo. Durante una videoconferenza mercoledì tra la cancelliera Angela Merkel ei primi ministri degli stati federali, è stato deciso che non esistono regole uniformi a livello nazionale per la riapertura delle scuole. Decideranno le autorità dei diversi stati federali. Dal 1 marzo potranno entrare in funzione i saloni di parrucchiere, nel rispetto delle procedure di sicurezza sanitaria. La Merkel ha affermato che le restrizioni finora hanno avuto l’effetto di ridurre il numero di nuove infezioni da Coronavirus. Fino al 7 marzo resteranno chiusi ristoranti, bar e negozi non vendibili, istituzioni culturali e strutture di servizio. Almeno fino al 15 marzo, i datori di lavoro dovrebbero consentire il lavoro a distanza nella massima misura possibile.

Repubblica Ceca

Da lunedì è stato dichiarato nella Repubblica Ceca un nuovo stato di emergenza di due settimane. La decisione è stata presa dal governo su richiesta di tutti i cappelli cechi (equivalenti alle guardie distrettuali polacche) e del sindaco di Praga. In precedenza, il Parlamento aveva votato contro la proroga dello stato di emergenza in vigore dal 5 settembre 2020. In pratica, ciò significa un’estensione di due settimane delle attuali restrizioni legate alla pandemia. I negozi, ad eccezione di quelli con i prodotti più apprezzati, ristoranti, caffè e bar, luoghi di intrattenimento, impianti sportivi (compresi gli impianti di risalita) e istituzioni culturali, rimarranno chiusi nel paese. Tuttavia, il governo si è impegnato a organizzare il ritorno degli studenti a scuola il prima possibile. Da venerdì ai tre distretti più colpiti di Cheb, Sokolov e Trutnov è vietato il movimento e non è consentito loro di uscire ed entrare. Da domenica la Germania ha strettamente controllato il confine con la Repubblica Ceca e solo alcuni gruppi di persone sono riusciti ad attraversarli, compreso. Operatori sanitari e camionisti dopo essere risultati negativi al Coronavirus.

READ  Calcio - Italia - L'Atalanta perde punti preziosi contro la Roma nella Serie A.

Italia

In Italia, il divieto di viaggi irragionevoli tra le regioni è continuato fino al 25 febbraio. Gli impianti di risalita devono rimanere chiusi fino al 5 marzo. Tuttavia, dall’inizio di febbraio, alcune restrizioni sono state revocate nella maggior parte delle aree. In quella che è conosciuta come la Zona Gialla, sono stati aperti ristoranti e bar (i clienti possono essere serviti al tavolo fino alle 18) e musei, e anche gli studenti delle superiori stanno tornando a scuola, ma possono occupare solo la metà dello spazio. Posti a sedere in classe. In tutto il paese c’è ancora il coprifuoco dalle 22:00 alle 5:00. In alcuni dei comuni più colpiti, sono in atto blocchi locali.

Austria

In Austria, alcune restrizioni sono state allentate da lunedì 8 febbraio. Gli studenti sono tornati a scuola e sono stati aperti negozi, parrucchieri, musei, gallerie e zoo. C’è sempre un coprifuoco tra le 20:00 e le 6:00. Secondo gli annunci del governo, ristoranti e hotel riapriranno al più presto a marzo. Un tipo più contagioso di coronavirus si sta diffondendo in Tirolo, rilevato per la prima volta in Sud Africa. Le autorità austriache hanno avvertito i loro cittadini di non partire per il Tirolo, poiché i confini con questa regione sono stati chiusi a tempo indeterminato dalla Baviera tedesca, e le persone che vengono dall’Austria in Italia non solo devono mostrare un risultato negativo del test, ma devono anche sottoporsi a 14- quarantena giornaliera.

Olanda

Nei Paesi Bassi, la quarantena nazionale è stata prorogata fino al 2 marzo. Nel frattempo, un coprifuoco è stato imposto in questo paese per la prima volta dalla fine della seconda guerra mondiale. Puoi lasciare l’appartamento in situazioni eccezionali e giustificate, ad esempio quando vai a lavorare. Puoi anche portare a spasso i cani al guinzaglio. Il governo raccomanda di lavorare da remoto quando possibile e di astenersi dal viaggiare all’interno e all’esterno del paese. Un massimo di 2 persone possono essere ospitate nelle case. Ristoranti, stabilimenti di servizio, luoghi di intrattenimento e negozi non essenziali sono stati chiusi. A partire dall’8 febbraio, gli studenti delle elementari sono tornati a scuola e le scuole superiori rimarranno chiuse almeno fino al 1 marzo.

READ  Questo bar di Little Italy trasforma il suo parcheggio in una birreria all'aperto!

Grecia

In Grecia, a partire da giovedì, sono circa 40 nell’area metropolitana dell’Attica, abitata da circa un terzo della popolazione del Paese. Rimarrà chiuso fino alla fine di febbraio, tra le altre scuole e templi. Sono aperti solo supermercati, negozi di alimentari, panifici e distributori di benzina. A livello nazionale, tra le ore 21:00 e le 17:00, il coprifuoco è attivo in alcune zone nei fine settimana e inizia alle 18:00.

Bulgaria

In Bulgaria, lunedì gli studenti più grandi tornano a scuola nelle città più piccole. Il primo ministro Boyko Borissov ha anche annunciato l’apertura dei ristoranti il ​​1 ° marzo.

Lituania

In Lituania, i saloni di parrucchiere e di bellezza, così come i piccoli negozi di prodotti industriali, possono funzionare di nuovo il lunedì. I ristoranti sono ancora chiusi, gli impianti sportivi e i luoghi di intrattenimento non sono operativi, l’apprendimento avviene a distanza nelle scuole e nelle università, e in questa situazione operano anche uffici statali e alcune società. Da casa, puoi semplicemente andare al lavoro, fare le commissioni necessarie, vedere un medico, camminare o visitare i parenti che hanno bisogno di aiuto. I familiari possono essere visitati solo da un’altra persona, che può essere accompagnata da bambini. All’aperto, puoi incontrare solo una persona con cui non vivi.

Francia

In Francia c’è il coprifuoco più lungo d’Europa, che dura da 18 a 6. Puoi lasciare la tua casa solo per motivi legittimi, come lavoro, visite mediche o questioni familiari. Quando ti trovi in ​​un luogo pubblico in questo momento, devi avere un certificato con te che attesti i tuoi dati e il motivo della tua rimozione dal tuo luogo di residenza. In Francia sono chiusi bar, ristoranti, cinema, teatri, musei, palestre e impianti di risalita. Le scuole rimangono aperte. In alcune parti del paese potrebbero essere imposte restrizioni più severe a causa della diffusione di nuovi tipi di virus.

READ  Amanda Sthers adatta uno dei suoi romanzi per il cinema

Portogallo

In Portogallo, lo stato di emergenza è stato prorogato fino al 1 marzo. Scuole e università sono chiuse nel Paese. Puoi uscire di casa solo in situazioni giustificate, come fare la spesa o lavorare; Lavora da remoto quando possibile. Da domenica 24 gennaio la diocesi portoghese ha sospeso le celebrazioni di messe, messe e cerimonie nelle chiese, ad eccezione dei funerali.

Irlanda

La quarantena in Irlanda continuerà almeno fino al 5 marzo e in Gran Bretagna, secondo gli annunci del governo, le restrizioni non inizieranno fino all’8 marzo. In entrambi i paesi, puoi lasciare la tua casa solo per buoni motivi e le riunioni sociali e le visite a domicilio sono vietate solo per prendersi cura di bambini o persone bisognose di aiuto. I negozi che non vendono beni di prima necessità, i punti di servizio e le strutture sportive e di intrattenimento sono chiusi. L’apprendimento nelle scuole avviene a distanza.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *