Relazione con un ricco magnate russo | Boris Johnson sotto pressione dopo le rivelazioni dei giornali

(Londra) Il primo ministro britannico Boris Johnson risponderà a “domande serie” sulla nomina di un uomo d’affari russo alla signoria, dopo che la notizia è emersa dai media domenica.

Inserito alle 8:34

L’invasione russa dell’Ucraina ha sollevato interrogativi sulla nomina di Evgeny Lebedev, figlio del miliardario russo Alexander Lebedev, alla camera alta del parlamento britannico nel 2020, come presidente a vita.

Domenica, quotidiano britannico Orari della domenica Ha affermato che due anni fa l’intelligence straniera aveva sollevato preoccupazioni su tale nomina, ma che Boris Johnson ha ignorato le loro richieste.

Alla luce di quanto rivelato oggi, penso che il Presidente del Consiglio abbia serie domande a cui rispondere: cosa sapeva? Ha saltato il consiglio sicuro? Lo ha detto domenica il leader dell’opposizione britannica Keir Starmer su Sky News.

Il Primo Ministro e il signor Lebedev sono amici da quando Johnson è diventato sindaco di Londra nel 2008. Le domande sulla loro relazione riguardano in particolare la presenza, nell’aprile 2018, di Boris Johnson, allora ministro degli Esteri, a una cerimonia nella villa del signor Lebedev in Italia senza guardia giurata.

Parlando domenica a Sky News, il ministro Michael Gove ha difeso il signor Lebedev. “Nessuno mi ha mai detto che sarebbe stato inappropriato incontrarlo o parlare con lui”, ha detto.

Il signor Lebedev “ha chiarito nelle pagine Standard seraleIl ministro, giornale di sua proprietà, ha sottolineato di non essere sinceramente d’accordo con questo conflitto in Ucraina.

In una colonna di venerdì sul suo quotidiano gratuito, Yevgeny Lebedev si è detto “orgoglioso” di essere cittadino britannico, ritenendo che fosse “necessario non cadere nella russofobia”.

READ  Il legislatore bulgaro fa il saluto nazista al Parlamento europeo

“Non sono un rischio per la sicurezza di questo paese che amo”, ha scritto, continuando che mentre suo padre era in un lontano passato un agente dell’intelligence del KGB, non lo era. “Non una specie di agente per la Russia.”

Ciò è dimostrato dalla copertura del suo giornale sull’invasione russa, che la scorsa settimana ha invitato il presidente russo Vladimir Putin a ritirare le sue forze.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.