“Questo è qualcosa che può accaderci entro pochi giorni”, afferma la dottoressa Anne Sénéquier

Mentre la maggior parte dell’Italia sarà riconfigurata da lunedì 15 marzo, Anne Sénéquier, medico, condirettore dell’Osservatorio di salute globale presso l’Istituto di relazioni internazionali e strategiche (IRIS) stima su franceinfo venerdì “che è qualcosa che può succedere a noi entro pochi giorni, poche settimane ”.

franceinfo: Il governo italiano non aveva altra scelta, secondo lei, che prendere questa decisione di reclusione?

Anne Sénéquier: È interessante osservare cosa sta succedendo in Italia perché hanno una curva epidemiologica che somiglia alla nostra. Stiamo parlando della terza ondata, ma siamo anche qui su un altopiano che non è mai sceso dopo la seconda ondata. E abbiamo avuto il numero di casi a settimana che assomiglia stranamente a ciò che sta accadendo in Francia.

Avevano sperimentato un parto molto rapido intorno a Natale, dal 20 dicembre al 6 gennaio, con la riapertura delle scuole all’inizio dell’anno scolastico. Avevano tentato di riaprire il Paese.

Anne Senéquier

a franceinfo

Ora, il problema è che dalla fine di febbraio abbiamo assistito a un netto aumento dei casi. E l’arrivo di nuove varianti è presente anche nella penisola italiana, con una trasmissione più alta che, all’improvviso, genera più casi.

L’Italia è più colpita dal virus rispetto ad altri paesi europei o è più difficile affrontarlo?

Non è necessariamente più colpita. La Francia ha elencato un maggior numero di casi, anche l’Inghilterra. C’è un modo diverso di gestire la salute in Italia, e lo abbiamo visto all’inizio della pandemia lo scorso anno, con la gestione sanitaria regionale. Non tutte le regioni sono fornite allo stesso modo in termini di ospedali e risorse umane. Oggi abbiamo, come tutti i paesi europei, problemi con la fornitura di vaccinazioni.

L’Europa ha fantasticato di gestire questa seconda ondata con la vaccinazione che è arrivata. Ma restiamo sui cicli vaccinali anche molto bassi per l’Italia, visto che abbiamo meno di sei milioni di italiani che oggi si vaccinano.

Anne Senéquier

a franceinfo

Alla fine, siamo molto lontani da ciò che possiamo aspettarci dall’immunità collettiva, soprattutto perché le nuove varianti, con la loro maggiore trasmissione, aumenteranno anche il tasso di persone vaccinate per ottenere l’immunità collettiva.

READ  Clément Champoussin sulla strada per il Giro d'Italia - Notizie

L’Italia è appena davanti alla Francia in un riconfinamento che avverrebbe tra pochi giorni?

Questo sarà ciò che deciderà il governo francese. Ma è vero che le somiglianze sono davvero molto importanti. Ed è vero che in Francia abbiamo pochi vaccinati. E siamo nella stessa situazione in cui cerchiamo di andare fino in fondo per preservare l’economia, l’istruzione e la vita mentale della popolazione. Ma possiamo vedere che siamo ancora in questa situazione di plateau che non scende e che, oggi, ricomincia a salire. Questo è problematico. Sì, penso che sia molto rilevante guardare a quello che sta accadendo dall’altra parte delle Alpi perché è davvero qualcosa che può succedere a noi entro pochi giorni, poche settimane.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *