“Quando mia madre si è sposata in prigione, non mi è stato permesso di partecipare”

È un’ascesa profonda, leggera e tragica. in innocente, Nel suo quarto film, mezzo thriller e mezza farsa italiana, l’attore e regista mette fine a una storia di famiglia con buon umore. Un incontro con un uomo stimolante.

Le cose buone arrivano a chi sa aspettare. Perché si è preso del tempo per perfezionare, ma ha anche lasciato riposare il suo copione aziendale innocente (1),Louis Garrel svela oggi un’opera originale e di successo che ha già impressionato il pubblico al Festival di Cannes. Per promuovere questo quarto film come regista, questo parigino dall’aspetto casual e dal fascino rovinato ci ha dato un appuntamento in un ristorante nel sud di Parigi dove ha le sue abitudini. Un casco da scooter, una giacca militare e una camicia di lino arrivano in ritardo, ma sa subito come rimediare con un’inaspettata bontà e quell’aria sinceramente scusata.

Video, L’innocente, Trailer

in innocente, Una storia familiare ambientata in uno sfondo di emozioni italiane, forma un delizioso quartetto con Roschdy Zem, Noémie Merlant e Anouk Grinberg. Interpretando il figlio ansioso di sua madre che ha appena sposato un detenuto, Louis Jarrell solleva il velo su una parte della sua vita personale da quando sua madre, attrice e regista Brigitte C., ha condotto laboratori teatrali per diversi anni in un ambiente carcerario prima di sposare un donna. detenuto in carcere. È una strana infanzia per l’attore e il regista che il pubblico spesso associa agli autori di libri di cinema della Rive Gauche. Nella vita, Louis Garrel è divertente, semplice e più insolito di quanto pensi.

È sposato dal 2017 con Lætitia Casta, ed è padre di due figli (Oumy, adottato nel 2009 con Valeria Bruni-Tedeschi, e Azel, nata nel 2021). Quadra si è rivolto a una famiglia che non esita a citare sua madre e suo padre, il regista Philippe Jarrell e suo nonno, l’attore Maurice Jarrell come figure di ispirazione. Il fratello delle attrici Esther e Lena, trova quest’ultima in mandorli (2), Il nuovo film di Valeria Bruni Tedeschi, in cui interpreta Patrice Chereau.

la mia storia

I laboratori teatrali che mia madre conduceva in prigione erano un modo per mettere in discussione la carcerazione: cosa devo fare con tutti questi anni in cui i prigionieri sono stati impediti di vivere la loro vita? Margin era interessato a lui. Questo film non è autobiografico, ma è molto personale. Man mano che padroneggiavo l’argomento, non sono stato completamente vincolato durante le riprese: ho visto e strofinato le spalle degli uomini che uscivano dal carcere per tutta la mia giovinezza. Quando hanno scontato la pena, gli attori incarcerati che mia madre aveva diretto sono tornati a casa, e dall’alto dei miei 8-9 anni l’ho trovato un po’ folcloristico. Spesso chiedevo loro perché fossero colpevoli e mi rispondevano con cose ridicole. Il mio personaggio nel film è come me, è un clown bianco, ansioso, pessimista, che anticipa sempre scenari catastrofici: mi preoccupavo molto per mia madre, e anche se nel film è peggiorata, l’ho amato. Aveva un’idea a riguardo. Questo figlio che si comporta come il padre di sua madre appare un po’ perché è il suo opposto nel carattere, molto solare, con un aspetto infantile nella vita. Quando mia madre si è sposata in prigione, io ero minorenne e non mi era permesso partecipare, ma volevo farlo. Quando ero un ragazzino, stavo ancora osservando la coesistenza di due mondi molto diversi e un’idea innocente Evocando questa fusione mentre immaginavo un film misto, volevo che fosse allo stesso tempo avventura, commedia e romanticismo.

Video, Louis Garrel e Rachel Lang per “Mon Légionnaire”

Louis Garrel, storia di copertina

Ispirazione italiana

Volevo raccontare una storia di famiglia e un procedimento penale, ma in modo leggero. Durante la preparazione, lo prendo spesso come esempio Pietre preziose non tagliate Dei fratelli Safdie, l’ultimo film che mi ha davvero colpito. Mi sono detto che questi registi erano molto talentuosi perché sono riusciti a creare un’opera elettrica che unisce tragedia e commedia. Questo è ciò a cui miravo innocente: Ha fatto un film tra passione e ironia come il vecchio cinema italiano. Gli italiani sono così per natura, e questa è forse la loro più grande eleganza. Marcello Mastroianni è stato un maestro nel campo, non si è mai preso troppo sul serio: “Un attore dovrebbe sentirsi come se avesse 5 anni quando arriva sul set”. Libera qualsiasi attore complesso. Questa è la separazione che volevo copiare nel mio film. Per non trasformarlo in un disco meditativo, io e i miei sceneggiatori abbiamo cercato di iniettare quello che l’autore Carlo Goldoni ha chiamato Lazis – Piccole gag – per portare il fumetto in situazioni tragiche.

fuori Parigi

“Ho messo la mia storia a Lione per espandere il campo e rompere la mia immagine di Parigi: ho scoperto un gioco online chiamato Che tipo di parigino sei? illustrato con la mia foto! Ho trascorso un po’ di tempo lì durante un tour falsa fiducia, di Marivaux, che interpretava Isabelle Huppert, sono stato tentato da questa città molto borghese, molto organizzata al suo interno, con un centro storico antico che sa evocare l’Italia, Torino soprattutto. Penso che molti architetti italiani abbiano lavorato lì, e poiché ho pensato molto alla satira italiana mentre giravo il mio film, ho voluto prendere in prestito qualcosa dallo spirito di piccionedi Mario Moncelli. E mi è piaciuto molto stare a Lione, con le sue aree industriali periferiche contemporanee e molto cinematografiche”.

Ho una madre così forte che mi ha fatto vedere la femminilità come una forza

Louis Garrel

Mamma

“Tra i personaggi femminili che hanno contato nella mia vita, c’è ovviamente mia madre. Ho una madre forte che mi ha fatto vedere la femminilità come una forza. È riuscita da sola nel mondo degli uomini andando agli spettacoli nei centri di detenzione o nelle carceri. Lei ha dovuto inventare tutto, lavorare molto e sono rimasto colpito. Ha visto tutto innocente Quando è stato proiettato al Festival di Cannes lo scorso maggio, penso che lo abbia fatto ridere. Era seduta dietro di me e fui felice di sentirla ridere. Penso anche che questo l’abbia commossa…”

Video: Louis Garrel: “Sono sempre nervoso”

Patrizia Ciro

“Patrice Cherou, in cui interpreto mandorli Somigliava un po’ al Papa e l’ho trovato molto affascinante. Il maestro degli anni Ottanta rivoluzionò l’arte della regia in Francia e brillò ovunque. Penso che abbia anche portato una cupa mascolinità nella rappresentazione dell’omosessualità, specialmente nel suo film uomo ferito Dove le relazioni sono brutali e sensuali. Ho avuto modo di conoscerlo: era il direttore della febbre e della severità. Avrei sognato di lavorare con lui perché sotto la sua supervisione i suoi rappresentanti erano collegati a una tensione di 220 volt. Sono stata felice di trovare Valeria Bruni Tedeschi (ex fidanzata, ndr) come regista, soprattutto perché nel suo film non recitava, il che la rendeva più libera. Possiamo anche litigare sulle nostre diverse visioni di una scena, cosa che mi piace fare con i registi: crea una tensione stimolante.

mascolinità

“Il culto della mascolinità o del potere maschile è caduto. Oggi, per essere un uomo, non c’è bisogno di sviluppare potere o autorità. Ho l’impressione che il rapporto di dominio sia stato soffiato in faccia. C’è una questione più ampia di l’uguaglianza tra uomini e donne, perché abbiamo visto chiaramente che la condivisione dei compiti, la retribuzione Parità, parità di trattamento non era evidente… Senza l’acutezza e la vivacità del femminismo, il mondo potrebbe andare avanti Non vedo, non evolvere. Crescerò mio figlio nello stesso modo in cui ho cresciuto mia figlia? Penso di sì. Soprattutto, credo nell’importanza dell’integrità. Ad esempio, mia figlia, mia madre, ha mostrato segni di simpatia molto presto e posso vedere chiaramente che il suo Super-io è la persona giusta per vivere in società. E se i miei figli non tolgono le mie tendenze disastrose, mi permettono di rimanere radicato nella vita”.

(1) innocenteScritto da Louis Jarrell con Rochdi Zimm, Noemi Merlant e Anouk Greenberg… Uscito il 12 ottobre.
(2) mandorlidi Valeria Bruni Tedeschi, con Nadia Tereskiewicz, Misha Lescott, Sofiane Bennacer … Uscita il 16 novembre.

READ  Matt Proudfoot nega le affermazioni di Ian Botham sul `` lato miserabile dell'Inghilterra '' prima di scontrarsi con Six Wells

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.