Quando l’imprevisto si richiama alla scienza

È divertente, colpevole. Un giorno atterra nei nostri cieli e quando noi umani possiamo vedere la sua coda, scompare nelle profondità dell’universo. Senza lasciare un indirizzo o una data di ritorno. Sarà tra 10, 100, 1.000 o 10.000 anni… Quindi, se c’è un corpo celeste che illustra brillantemente un soggetto inaspettato scelto per la tredicesima edizione della Notte degli studiosi, sono proprio le comete, di cui Sarah Anderson è uno specialista.

Questa ricca ricercatrice di 27 anni dell’Uttenham Institute di Besançon si prepara a difendere la sua tesi su una cometa, una cometa che sembra essere stata presa da un episodio di Star Trek: C2016R2 Panstarrs. “Mentre la maggior parte delle comete è composta principalmente da ghiaccio”, spiega. “Questo è principalmente monossido di carbonio.”

Fossili del sistema solare

Per la prima volta inaspettata per un astrofisico, che studia da tre anni questo oggetto volante è stato individuato nel 2016 (da cui il nome) che, nel 2018, si è avvicinato alla Terra (a una distanza comunque di 300 milioni di km) prima di sparargli in segno di reverenza . “Lo rivedremo tra circa 20.000 anni…” Oppure no!

Perché, un altro evento inaspettato, una bellezza che fino ad allora aveva camminato dritta attraverso lo spazio intergalattico a una velocità di 50 km/s ha improvvisamente cambiato rotta mentre si avvicinava a Giove. Pertanto, è difficile per il ricercatore disegnare diagrammi della cometa. Difficile ma non impossibile. Perché Sarah intende, insieme a una comunità di circa una dozzina di altri astrofisici nel mondo, svelare i suoi segreti. Le comete sono fossili del sistema solare. Conoscerli meglio significa saperne di più sulla composizione del nostro universo”.

READ  I creatori di Subnautica hanno un altro gioco di fantascienza per noi

Sarah Anderson è anche inesauribile sugli asteroidi e altri oggetti dallo spazio, ma probabilmente cadono sulle nostre teste. Come in “Don’t Look For”, il film di Leonardo DiCaprio e Jennifer Lawrence, che la ricercatrice considera “credibile”.

Un personaggio di spicco è lo scienziato di Besançon nello staff della 13a Notte degli studiosi, che si svolgerà venerdì dalle 19:00 alle 23:00 al Musée du Temps. Più di quaranta specialisti, di tutte le discipline, spiegheranno il tema dell’imprevisto in modo giocoso al grande pubblico. Quindi, se c’è una cosa che puoi pianificare, è stasera!

entrata gratis. www.besancon.nuitchercheurs.eu

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.