Quando la scienza crede in Dio, il libro turba la nostra certezza

tranne – Le scoperte della relatività, della meccanica quantistica, della complessità degli esseri viventi, della morte termica dell’universo e, soprattutto, del Big Bang sono sufficienti per trasformare i miscredenti di oggi? autori Dio e la scienza ne sono la prova convinto di esserlo.

Il 18 dicembre, il telescopio James Webb sarà lanciato da Kourou, in Guyana, e sarà posto in orbita intorno al Sole, a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Un’alternativa a Hubble rileverà il “volto di Dio” nel debole bagliore delle galassie lontane? autori di libri Dio, Scienza, Evidenza, Michel-Yves Bollory e Olivier Bonassi non hanno bisogno di essere convinti: l’hanno già visto.

Quindi seguono con entusiasmo le tappe del viaggio scientifico più emozionante dell’umanità. Nel 1992, l’astrofisico premio Nobel George Smoot ha fotografato la prima luce cosmica di un universo ancora errante, 380.000 anni dopo il Big Bang. La sua foto mostrava un ovale bluastro screziato di zafferano e arancioni. Lo dobbiamo a lui che abbiamo detto prima dell’American Physical Society: “È come vedere il volto di Dio.»

Studiosi e fede

Da allora, gli osservatori di questo passato di 14 miliardi di anni hanno continuato ad accumulare nuovi elementi e decenni

Questo articolo è solo per gli abbonati. Hai il 94% da scoprire.

Sviluppare la tua libertà significa sviluppare la tua curiosità.

Iscriviti senza impegno

Già iscritto? accesso

READ  NASA's Curiosity spacecraft celebrates 3,000 days on Mars with an intense panorama

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *