Putin dice che il grano dell’Ucraina va ai paesi dell’UE, non ai paesi poveri

Il presidente russo ha denunciato la posizione “coloniale” da parte dei Paesi occidentali, in particolare dell’Unione Europea, che “pensano prima alla propria pelle, ai propri interessi”. “Non importa!” Urlò. (Foto: Getty Images)

MOSCA – Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato mercoledì che le esportazioni di grano dell’Ucraina sono per lo più destinate ai paesi europei piuttosto che ai paesi poveri, il che, secondo lui, rappresenta il rischio di una “catastrofe umanitaria”.

Dichiarazioni non del tutto confermate dai dati forniti dal Centro di coordinamento in Turchia all’Afp, secondo cui solo il 36% del grano ucraino è andato nei Paesi dell’UE.

“Quasi tutto il grano esportato dall’Ucraina non viene inviato ai paesi in via di sviluppo e poveri, ma ai paesi dell’Unione europea”, ha detto Putin in un forum economico a Vladivostok, New York, nell’Estremo Oriente russo.

“Quello che osserviamo è un inganno (…), un atteggiamento rude e sconsiderato nei confronti di quei partner per i quali tutto questo doveva essere fatto”, lo trattenne davanti a molti leader economici e politici asiatici.

Il presidente russo ha denunciato la posizione “coloniale” da parte dei Paesi occidentali, in particolare dell’Unione Europea, che “pensano prima alla propria pelle, ai propri interessi”. “Non importa!” Urlò.

«Regardez le compte: 80 navires, et deux seulement vers les pays en développement», soit «3% uniquement», a fustigé M. Poutine dans son discours, indiquant «avoir parlé avec un dirigeant européen» de ce suyajet « «Ma il la quantità di grano inviata ai paesi in via di sviluppo è ancora in aumento”.

E ha avvertito in un discorso durato più di mezz’ora che “questo potrebbe portare a una catastrofe umanitaria senza precedenti”. “Forse dovremmo pensare a come ridurre le esportazioni di grano e altri alimenti attraverso questa strada?” ha continuato.

READ  Il Canada e altri 12 paesi sottolineano l'importanza delle elezioni anticipate in Iraq - 45eNord.ca

“Mi consulterò con il presidente turco (Recep Tayyip) Erdogan”, che ha sponsorizzato un accordo a Istanbul che consente l’esportazione di grano ucraino, ha aggiunto.

“Ingannato” secondo Putin

Secondo i dati inviati all’AFP mercoledì dal Joint Coordination Center (JCC) di Istanbul, responsabile della supervisione di questo accordo, dall’inizio di agosto 100 navi hanno lasciato i porti ucraini di Odessa, Chornomorsk e Bivdnyi, trasportando 23 ,34310 tonnellate di carico. Cereali e altri prodotti agricoli.

I principali paesi di destinazione di queste consegne sono stati Turchia (20%), Spagna (15%), Egitto (10%), Cina (7%) e Italia (7%). I paesi europei rappresentano il 36% del totale e i paesi africani il 17%.

In tutto, “il 30% delle merci è andato a paesi a reddito basso o medio-basso”, afferma il CCC.

Gli analisti notano che gran parte del grano consegnato alla Turchia viene riesportato, principalmente in Medio Oriente e Nord Africa.

I commenti di Vladimir Putin emergono alla luce delle continue preoccupazioni per la sicurezza alimentare globale, che è stata colpita dalle ripercussioni del conflitto in Ucraina.

L’accordo di Istanbul ha consentito la ripresa delle esportazioni di grano ucraine, ma la Russia si lamenta da diverse settimane degli ostacoli alle sue esportazioni alimentari a causa delle sanzioni occidentali.

Vladimir Putin si è lamentato: “La situazione sta andando nella giusta direzione, ma ci sono ancora alcune restrizioni”, che hanno portato a un aumento dei prezzi.

“Spero che le cose cambino in un modo o nell’altro”, ha detto, chiedendo “un’inversione di questa situazione”. “Continueremo il nostro lavoro nella speranza che gli obiettivi per i quali tutto questo è stato organizzato vengano raggiunti”.

Secondo lui, gli europei hanno usato il “pretesto” di una possibile “carestia” in molte parti del mondo se non fosse stato possibile esportare rapidamente il grano ucraino per raccoglierlo finalmente in casa.

READ  offerte di lavoro | studio legale

“Si scopre che loro (l’Occidente) ci hanno ingannato di nuovo, ma hanno anche ingannato i paesi più poveri”, ha detto.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.