Putin afferma che l’operazione russa in Ucraina non è la causa dell’inflazione globale

Sulla scia del vertice europeo, il presidente ucraino Zelensky potrà continuare a difendere la sua causa al prossimo vertice del G7 dal 26 al 28 giugno, in Baviera, dove dovrà fare il suo primo viaggio dal suo Paese dall’inizio della Russia. Invasione a fine febbraio. (Foto: Getty Images)

Questo testo raccoglie tutte le reazioni da quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 17 giugno 2022. Verrà aggiornato nel corso della giornata. Per trovare tutta la nostra copertura della controversia, la trovi qui.

10:40 | San Pietroburgo – Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato venerdì che l’attacco della Russia in Ucraina non ha avuto alcun effetto sulle difficoltà economiche globali, inclusa l’inflazione dei prezzi dell’energia, e ha accusato “errori sistematici” dell’Occidente.

Tutti sentiamo parlare della cosiddetta “inflazione di Putin”. (…) Le nostre azioni per liberare il Donbass non hanno nulla a che fare con questo “, ha sottolineato durante la sessione plenaria del Forum economico di San Pietroburgo.

Criticando la “politica economica sbagliata”, ha proseguito il presidente russo, “è il risultato di errori sistematici dell’amministrazione americana e della burocrazia europea (…) Per loro, il nostro processo è l’ancora di salvezza che permette loro di mettere tutto sul nostro spalle”, criticando la “politica economica sbagliata”. Paesi occidentali.

Ha continuato: “Hanno stampato e distribuito il denaro ed hanno estratto tutte le merci dai mercati dei paesi terzi in cambio di quel denaro”.

Gli Stati Uniti e i paesi europei stanno affrontando una rapida inflazione fino all’11% nel Regno Unito, trainata in particolare dall’aumento dei prezzi del carburante. La Russia non dovrebbe essere da meno, con i prezzi in aumento del 16,7% in un anno.

READ  Tunisia [Vidéo]: La questione rifiuti in Italia, conferenza stampa per gli avvocati di Sousse sulla situazione del loro collega arrestato

I prezzi del gas hanno continuato a salire, oggi, venerdì, con il supporto del colosso russo Gazprom, che continua a ridurre le sue spedizioni verso l’Europa nel contesto dell’attacco russo all’Ucraina e delle sanzioni occidentali contro Mosca.

E nello stesso discorso ha denunciato ancora le sanzioni “folle e assurde” imposte dall’Occidente alla Russia, ritenendo che gli europei soffrano più di Mosca.

Il presidente russo ha anche ribadito che il suo Paese e il suo esercito non hanno impedito all’Ucraina di esportare il suo grano all’estero, sottolineando che Kiev ha diverse opzioni e che “non siamo stati noi a estrarre i porti del Mar Nero”.

L’Ucraina ha minato le sue coste per proteggersi da uno sbarco militare della Russia, che l’ha attaccata il 24 febbraio.

Le Nazioni Unite stanno negoziando da diverse settimane con Mosca, Kiev e Ankara, garanti militari dell’uso del Mar Nero per le navi civili, un accordo che consentirebbe a milioni di tonnellate di grano ucraino vietato di lasciare il Paese in sicurezza.

Se viene raggiunto un accordo, abbasserà i prezzi dei generi alimentari e allevierà i timori di una crisi alimentare globale.

Bruxelles a favore della domanda di adesione dell’Ucraina

7:05 | BRUXELLES – La Commissione europea ha raccomandato venerdì di concedere all’Ucraina lo status di candidato all’Ue, una decisione che Kiev ha definito “storica” ​​il giorno dopo che il Paese dilaniato dalla guerra è stato visitato dai leader dei tre pesi massimi dell’Ue.

Quindi la situazione umanitaria è diventata “estremamente preoccupante” nell’Ucraina orientale secondo le Nazioni Unite, la Francia ha annunciato che non riceverà più gas russo attraverso il gasdotto.

“La Commissione raccomanda al Consiglio, in primo luogo, di dare all’Ucraina una prospettiva europea e, in secondo luogo, di attribuirle lo status di candidato”, ha dichiarato la presidente del Comitato esecutivo europeo, Ursula von der Leyen.

READ  "Super-héros malgré lui" nouveau film de et avec Philippe Lacheau

Sappiamo tutti che gli ucraini sono pronti a morire difendendo le loro aspirazioni europee. “Vogliamo che vivano con noi, per il sogno europeo”, ha aggiunto durante una conferenza stampa.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha reagito prontamente su Twitter, dicendo di essere “grato a Ursula von der Leyen e a tutti i membri della Commissione europea per la loro decisione storica”.

Il parere di Bruxelles sarà discusso al Vertice europeo del 23-24 giugno. I leader dei 27 Paesi dell’Unione Europea dovranno dare il via libera all’unanimità, prima dell’avvio di lunghi negoziati per l’adesione dell’Ucraina.

Questo arriva il giorno dopo che Germania, Francia e Italia hanno appoggiato la richiesta di Kiev. E “L’Ucraina fa parte della famiglia europea” ha voluto rassicurare Olaf Schultz durante una visita in Ucraina giovedì, con i suoi omologhi italiani e francesi, affiancati dal presidente rumeno.

“Noi quattro sosteniamo lo status di candidato immediato per l’adesione”, ha affermato il presidente francese Emmanuel Macron.

Emmanuel Macron, Olaf Schulz e Mario Draghi sono arrivati ​​venerdì mattina a Przemysl, in Polonia, su un treno speciale dopo la loro visita a sorpresa a Kiev, nell’ambito di importanti misure di sicurezza.

Il vaglio della candidatura di Kiev, presentata a febbraio, è senza precedenti ed è giustificato dalla guerra.

Oltre ai vantaggi politici ed economici, l’accettazione della sua candidatura avrà una dimensione simbolica di primo piano per Kiev, che è l’appartenenza alla “famiglia europea” che ne protegge i membri.

Una candidatura accettabile da parte dell’Ucraina aprirebbe anche la questione della sua adesione alla difesa in Europa, mentre i leader francese e tedesco si sono impegnati a continuare il loro sostegno militare a Kiev.

READ  I migranti dell'Unione Europea stanno lavorando per distribuire gli arrivi in ​​Italia quest'estate sulla stampa

G7, la prima uscita di Zelensky

Sulla scia del vertice europeo, Zelensky potrà continuare a difendere la sua causa al prossimo vertice del G7 dal 26 al 28 giugno in Baviera, dove dovrebbe fare il suo primo viaggio dal suo paese dall’inizio della Russia. Invasione a fine febbraio.

In merito alla guerra energetica, il direttore della rete francese di trasporto del gas GRTgaz ha annunciato, venerdì, che non riceverà gas russo attraverso il gasdotto dal 15 giugno, con “l’interruzione del flusso fisico tra Francia e Germania”.

Il colosso russo Gazprom negli ultimi giorni ha drasticamente ridotto le sue consegne ai paesi europei, in particolare alla Germania tramite il gasdotto Nord Stream 1, che potrebbe causare interruzioni di fornitura alla Francia.

In Italia Gazprom consegnerà solo il 50% del gas ordinato da Eni venerdì, ha annunciato il gruppo italiano, all’indomani delle accuse di “menzogna” di Mario Draghi contro il colosso energetico russo.

Sul fronte di battaglia, le forze ucraine stanno ancora lottando nel Donbas, questa regione nella parte orientale del Paese che è in parte controllata dai separatisti filo-russi dal 2014 e che Mosca si è posta l’obiettivo di invadere.

Venerdì, le Nazioni Unite hanno sottolineato che “la situazione umanitaria in tutta l’Ucraina, in particolare nel Donbass orientale, è estremamente preoccupante e continua a deteriorarsi rapidamente”.

Secondo l’agenzia umanitaria delle Nazioni Unite, OSHA, la situazione è “particolarmente preoccupante” a Severodonetsk e dintorni.

I combattimenti per diverse settimane si sono concentrati su Severodonetsk e Lysechhansk, due delle principali città controllate dal Donbass, e sono stati costantemente bombardati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.