Prosecco o prosecco? La lotta tra italiani e croati

Prosecco o prosecco? Nei giorni scorsi, aspre polemiche hanno acceso i rapporti tra Italia e Croazia. Al centro del dibattito: due vini completamente diversi con un nome simile. D’un côté le Prosecco, le célèbre vin pétillant italien dont plus de 500 million de Bouteilles ont été vendues dans le monde en 2020. De l’autre le Prosecco, un vin liquoreux produit sur la côte dalmate à ques milliers de halites de halitur ogni anno.

La polemica è scoppiata a metà settembre, quando la Commissione Europea ha annunciato tramite una risposta scritta all’eurodeputato italiano che stava per concedere a Zagabria la protezione della denominazione di origine controllata a Prošek. Una decisione che i rappresentanti politici italiani – destra e sinistra – hanno descritto come ” pazzo ” E ” vergognoso “denunciare l’attentato” Fatto in Italia ».

→ Leggi. La giustizia europea decide “Champagne” contro “Champinello”

Non ho parole per commentare quanto accaduto. A che serve un’Europa che non difende l’identità della terra e non conosce la storia del Prosecco? ? Lanciato il presidente del Veneto Luca Zaia. Il ministro dell’Agricoltura italiano Stefano Patuanelli ha accusato la Croazia di voler sfruttare la reputazione mondiale del Prosecco per vendere il Prošek.

Due storie strettamente collegate

Le storie dello spumante italiano e del vino dolce croato sono strettamente legate. ” Nel XVI secolo il Prosecco era un vino molto diffuso nella Repubblica di Venezia. Era un vino passito, come andava di moda a quei tempi Spiega lo storico italiano Fulvio Colombo. Dalla città di Cane questo vino raggiunge la Dalmazia, allora parte della Serenissima, dove viene menzionato per la prima volta nel 1774.

READ  The Simple app-based banking service has closed

Ben presto, le strade dei due vini si separarono. “ Nel 1821 un viticoltore francese produsse a Trieste il primo prosecco frizzante. Ma il Prosecco dalmata non si sviluppa in questa direzione, rimanendo un vino dolce. Quindi, possiamo dire che oggi il Prošek rappresenta un fossile enologico Fulvio Colombo ha concluso il suo intervento.

“prosecchi” altrove

Riconoscendo questa storia e le differenze significative tra i due produttori, il presidente dell’Associazione dei viticoltori dalmati, Leo Gracin, cerca di calmare gli animi. “Conosco i produttori di Prosecco e capisco il loro punto. Dovrebbero lottare contro i ‘Prošek’ che sono nati in Australia o altrove, ma Prošek abbiamo qualcos’altro. Gli italiani sono i nostri vicini, troveremo un accordo”.

In Sudafrica, la diversione del Rooibos è ora protetta da DOP

Di fronte alle proteste delle autorità italiane, giovedì 16 settembre il commissario europeo all’Agricoltura Janusz Wojczykowski ha corretto la situazione. ” Non abbiamo ancora lasciato Prošek e stiamo aspettando il tuo feedback. Per noi è fondamentale tutelare le indicazioni geografiche Lo ha annunciato a margine della riunione del G20 dell’agricoltura a Firenze. Quindi la discussione non è ancora finita.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *