Prima del G20, l’Europa cerca l’unità sul fisco internazionale

Un piccolo gruppo di paesi, tra cui la Francia, sta cercando di persuadere 27 paesi a votare per un’aliquota fiscale globale del 15% sui profitti delle grandi multinazionali.

Giovedì i ministri delle finanze dell’Unione europea hanno cercato di appianare le loro divergenze sugli sforzi internazionali per riformare le tasse sulle società multinazionali, mentre il francese Bruno Le Maire cerca di radunare gli oppositori, in vista della cruciale riunione di luglio del G20 a Venezia.

Un accordo senza precedenti è stato raggiunto il 5 giugno a Londra dai paesi del G7 su un’aliquota minima globale del 15% sugli utili delle multinazionali e una migliore distribuzione del gettito fiscale tra i paesi.

Convinci gli europei, poi la Cina

Ma dopo questo grande slancio politico, il 9 e 10 luglio a Venezia è stata annunciata una difficile battaglia per convincere altre grandi potenze, compresa la Cina, a sostenere questo progetto.

I ministri delle finanze dell’UE, che si sono incontrati giovedì a Lussemburgo, hanno discusso di questo argomento controverso. “Dobbiamo concretizzare questo risultato al vertice del G20 di Venezia di metà luglio, è il più importante e quindi aumenteremo i contatti”, ha annunciato al suo arrivo il ministro francese Bruno Le Maire.

Germania, Italia, Spagna e Francia

All’interno dell’Unione Europea, Germania, Francia e Italia, membri del Gruppo dei Sette, hanno sostenuto con il sostegno della Spagna l’accordo ottenuto a Londra grazie all’impegno della nuova amministrazione statunitense di Joe Biden. Questi paesi vogliono porre fine al dumping finanziario che, a loro avviso, danneggia il finanziamento delle politiche pubbliche come l’istruzione o la sanità.

Ma l’Irlanda, che ha costruito il suo modello economico su tasse basse e ha attratto molte multinazionali statunitensi, in particolare nel settore digitale, così come molti paesi dell’Europa centrale, tra cui l’Ungheria, è titubante.

READ  Giro d'Italia - Vienny Szabo decide di non partecipare al Giro!

Le Maire ha annunciato che avrebbe “un incontro con l’italiano (omologo) che presiede il G20 e con il ministro delle finanze irlandese Paschal Donohue (per trovare) un accordo globale tra gli europei”. Ha annunciato che domenica visiterà la Polonia e che discuterà di questo argomento la prossima settimana con i suoi omologhi cinese, indiano e russo. “Ci sono ancora Paesi da convincere, ma il modo migliore per persuaderli è discuterne con loro”, ha spiegato Le Maire, da quattro anni in prima linea sull’argomento.

Convenzione in 139 paesi

Oltre alle discussioni nel G20, è necessario concludere un accordo con 139 paesi nell’ambito dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. “Sappiamo che il cambiamento sta avvenendo e vogliamo farne parte”, ha detto ai giornalisti Pascal Donohoe giovedì.

Ma sentiva che l’Irlanda, come un piccolo paese geografico lontano dal cuore dell’Europa, non “godeva dei vantaggi delle economie di scala e degli insediamenti di altre nazioni e che la tassazione (era) parte della sua offerta per essere competitiva”.

Con un’aliquota fiscale teorica del 12,5%, ma di fatto molto più bassa, l’Irlanda è riuscita ad attrarre le sedi europee dei colossi Facebook, Google e Apple.

Sudouest.fr con AFP

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *