PQ chiede la vaccinazione domiciliare per i più vulnerabili

Domenica, Parte Quebecoa ha affermato che la vaccinazione a casa sarebbe una strategia più appropriata per gli anziani vulnerabili che non rimangono in residenza e hanno criticato l’approccio del governo.

L’appello è stato lanciato dal portavoce del Geriatric PQ, Lauren Richard, e dal portavoce dei servizi sanitari e sociali, Joel Arsino, che ritengono che non tutti gli anziani possano viaggiare per farsi vaccinare, anche con l’aiuto.

“È sorprendente che il governo, impegnato da mesi a pianificare la vaccinazione, abbia ignorato, ad esempio, la questione della distanza, guardando al vasto territorio del Quebec. O che, nonostante le prove, non abbia considerato che a volte , è solo un fatto di trasmissione. Qualcuno sta mettendo a rischio la sua salute o la sua sicurezza “, ha detto Arseno in una nota.

Il membro deles-de-la-Madeleine e il suo collega di Duplessis ritengono inoltre che il governo di Legault non supporti adeguatamente le organizzazioni comunitarie che si prendono cura del trasporto e della qualità degli anziani.

Queste persone, per lo più volontarie, sono spesso anche persone anziane che affrontano molte sfide logistiche, come menzionato da PQ.

Joel Arsino ritiene che il Quebec potrebbe prendere ispirazione dalla Svizzera, dove sono state avviate le operazioni di vaccinazione domiciliare.

“Usiamo scatole fresche, il tempo è strettamente controllato e tutti i giocatori lavorano insieme in modo efficiente”, ha detto. La chiave è un’attenta pianificazione in anticipo e l’utilizzo delle persone giuste, come i paramedici “.

READ  I deputati chiedono a Macron di aprire la vaccinazione per gli studenti

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *