Possiamo migliorare la memoria del sistema immunitario di fronte alle malattie

Possiamo migliorare la memoria del sistema immunitario di fronte alle malattie

Questa memoria, che permette al sistema immunitario di riconoscere un nemico che ha già combattuto, è solitamente associata ai linfociti T e B. Tuttavia, le cellule NK sono anche in grado di ricordare infezioni precedenti.

Il dottor Andre Villette e i suoi colleghi hanno ora dimostrato che la produzione di cellule NK della memoria è controllata da un gruppo di molecole chiamate recettori SLAM. Potremmo quindi considerare di stimolare la SLAM con farmaci come gli anticorpi per aumentare il numero di cellule NK della memoria, una strategia che potrebbe essere utile per aumentare la protezione contro i virus ed eventualmente contro il cancro.

“Uno dei problemi del cancro è che il sistema immunitario diventa un po' letargico e permette che le cose vadano male e non dovrebbero”, ha spiegato il dottor Villette. Quindi uno dei trattamenti contro il cancro è risvegliare il sistema immunitario con l'immunoterapia che permetterà al sistema (…) di vedere il cancro, e quindi non solo di liberarsene, ma anche di impedirne la ricomparsa. Perché esiste una memoria immunitaria che si è sviluppata contro il cancro.

Il campo dell’immunoterapia è fiorente ed è alla base dei promettenti progressi compiuti nella lotta contro il cancro negli ultimi dieci anni.

“Quando viene somministrata l'immunoterapia, (…) le cellule generate contro il cancro persisteranno in seguito, quindi se il cancro tenta di ripresentarsi, avrà difficoltà”, ha detto il dottor Villette. Con i virus è più facile capirlo (…), ma il cancro è la stessa cosa: una volta che si sviluppa una memoria immunitaria contro il cancro, la memoria persisterà.

Utilizzando modelli murini e i loro equivalenti di CMV, il team del dottor Villette ha dimostrato che i recettori SLAM prevengono la distruzione delle cellule NK della memoria e aumentano la protezione contro il virus.

READ  Quando i tuoi occhi vedono bugie

Ma quando i recettori SLAM vengono eliminati, ha detto il dottor Villette, la memoria di queste cellule scompare.

“L'idea è che se riusciamo a stimolare la funzione di questi recettori mediante anticorpi, ad esempio, o altri tipi di farmaci (…) è anche possibile che possiamo aumentare la memoria immunitaria mediata dalle cellule NK, (ottenendo) la cooperazione” Meglio con le cellule T.” “I linfociti e le cellule B hanno una migliore protezione contro i virus, ma forse anche contro il cancro”, ha spiegato il dottor Villette.

Aggiunge che questo lavoro evidenzia l'”importanza molto significativa” dei recettori SLAM nel controllo della funzione immunitaria, soprattutto in un contesto in cui la comunità scientifica è sempre più interessata al potenziale delle cellule NK della memoria – aumentandone la forza e il numero -. Per combattere il cancro.

“Ci sono studi clinici su questo”, ha detto il dottor Villette. Quindi penso che, con farmaci che stimolano la SLAM, potremmo potenzialmente aumentare la forza e il numero delle cellule NK della memoria. Aumentare la protezione contro le infezioni è una cosa, ma penso che potrebbe avere un effetto particolarmente terapeutico contro il cancro. Questa dovrebbe essere la prossima esplorazione che faremo.

I risultati di questo studio sono stati pubblicati sulla rivista Cell Reports.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *