Pochettino si aspettava i peggiori inizi dell’era qatariota?

Mauricio Pochettino ha completato la sua ventesima partita in panchina al Paris Saint-Germain nella sconfitta di sabato contro il Lille (0-1) nel campionato francese. Nessun altro allenatore ha perso molto da quando il club è stato acquisito dai proprietari del Qatar nel 2011.

Il Paris Saint-Germain ha perso molto nella gara di campionato. Dopo aver sconfitto il Lille al Parc des Princes (0-1) durante uno shock al culmine della 31a giornata di Ligue 1, l’Ile-de-France è ora a tre lunghezze dal mastino. Peggio ancora pochi giorni dopo la sfida di Champions League del Bayern Monaco (mercoledì 7 aprile RMC Sport 1), Mauricio Pochettino combatte per imporre la sua zampa e il suo stile a una squadra che offre prestazioni irregolari.

>> Scopri le offerte di RMC Sport e segui esclusivamente Bayern-PSG

Pochettino, sconfitte che costano troppo

Arrivato durante la stagione per succedere a Thomas Tuchel, Mauricio Pochettino ha necessariamente bisogno di tempo per lasciare il segno all’Ile-de-France. Ma questo non esime completamente il suo triste record dopo 20 incontri. A parte gli ottavi di finale di C1 a Barcellona (1-4), è difficile trovare un altro punto di riferimento per il PSG. Un inizio lento, soprattutto rispetto alle prime venti partite di altri allenatori parigini in epoca qatariota.

In 14 partite di Ligue 1, ha perso quattro volte l’edizione del PSG di Pochettino (di cui tre in casa) e si è messo a rischio per il titolo. In tutte le competizioni, l’argentino ha ottenuto 14 vittorie, 2 pareggi e 4 sconfitte.

Tra i lati positivi, ha approfittato del rinvio della Coppa dei Campioni a causa del Coronavirus per vincere il suo primo titolo contro l’OM a gennaio. Non abbastanza per superare le quattro sconfitte nel campionato francese.

READ  Il Galles corregge l'Italia e mette pressione agli azzurri

Percentuale di vittorie di Pochettino in 20 partite: 70%.

Un Toshil di prima classe

Thomas Tuchel ha appena ricevuto la sua prima sconfitta dal Chelsea contro il West Bromwich (2-5). Come la sua prima avventura con i Blues, l’allenatore tedesco ha partecipato alle sue prime venti partite con il Paris Saint-Germain durante la stagione 2018-2019.

Vincitore anche della Coppa dei Campioni, il 47enne ha siglato un netto percorso in Ligue 1 con 14 vittorie in più partite. Nonostante l’epica battuta d’arresto contro il Liverpool (3-2) ad Anfield in Champions League, Thomas Tuchel ha un record impressionante durante i suoi primi mesi a Parigi con 17 vittorie, due pareggi e una sconfitta in tutte le competizioni.

Percentuale di vittorie di Tuchel nelle prime 20 partite: 85%.

Accettabile menzione di Emery

Arrivata a Parigi con buone probabilità, Unai Emery avrà lasciato la memoria dell’allenatore completamente travolta durante la terribile rimonta subita al Camp Nou contro il Barcellona in Champions League (6-1). Infine, una sconfitta abbastanza lontana dalle belle promesse che suggerivano il suo esordio sulla panchina del PSG nel 2016.

Con una squadra brillante durante la Coppa dei Campioni contro il Lione (4-1), il mandato dell’allenatore basco è iniziato sotto il felice patrocinio. Idem nella Ligue 1 con le prime vittorie su Bastia e Metz. E Patatras ha fallito contro il Monaco (3-1), il futuro campione, dalla terza giornata. Salvo un altro ostacolo contro il Tolosa, Unai Emery farebbe bene con un totale di 14 vittorie, 4 pareggi e 2 sconfitte in tutte le competizioni. Se la sua percentuale di vittorie fosse uguale a quella di Mauricio Pochettino, l’attuale tecnico del Villarreal avrebbe subito meno sconfitte.

READ  La stampa italiana celebra lo "tsunami" di Lukaku e si prepara al duello contro Zlatan

Emery percentuale di vittorie nelle sue prime 20 partite: 70%.

Il bianco è in una posizione invincibile

Dopo che Laurent Blanc ha lasciato il suo premio di fine servizio nel 2016, si era preso cura della sua uscita. Ma l’ex allenatore della Francia e allenatore del Paris Saint-Germain per tre stagioni ha firmato bene anche per la prima volta a Parigi. In 20 partite, “The President” è stato l’unico allenatore nell’era QSI imbattuto.

Indossato dal duo Cavani Ibrahimovic, Laurent Blanc ha vinto in Coppa dei Campioni con un totale di 15 vittorie e 5 pareggi in tutte le competizioni. Non male per qualcuno che finirà per prendere in giro i tifosi parigini dopo una delusione continentale contro il Manchester City.

Blanc vince nelle sue prime 20 partite: 75%.

Ancelotti, il sorprendente cattivo studente

Un uomo che si fida della capolista qatariota Dopo l’acquisizione del club, Leonardo Carlo Ancelotti si è subito imposto come allenatore dell’Ile de France. Come Mauricio Pochettino, il tecnico italiano è arrivato nella stagione di gennaio 2012. Per un budget leggermente migliore di quello dell’argentino.

Prima di perdere la fortuna e lasciare il Real Madrid, “Le Mister” ha iniziato con dodici partite senza sconfitte. In totale, dopo 20 partite in tutte le competizioni, Carlo Ancelotti ha ottenuto 11 vittorie in 6 pareggi e 3 sconfitte. Se la sua percentuale di vittorie era inferiore a quella di Mauricio Pochettino, Carlo Ancelotti aveva ricevuto meno sconfitte.

Ancelotti vince nelle prime 20 partite: 55%.

Kombouaré, un lato impopolare (leggermente)

La situazione di Antoine Compouire, il primo allenatore dell’era QSI al Paris Saint-Germain, dovrebbe essere un po ‘speciale. L’ex difensore dell’Ile de France era già in panchina in prima squadra prima che arrivassero i padroni di casa dal Golfo. In un post-possesso espulso dal sedile, l’allenatore di Kanak ha avuto un inizio di stagione onorevole nel 2011-2012.

READ  Easy Caroline Garcia, la prima di Gaston, tira fuori Mladenovich ... Cosa ricordare dal primo giorno

Dopo venti incontri, con una squadra in piena trasformazione dopo l’arrivo del Qatar al club, Antoine Comboire ha chiuso con 13 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte. Una prima impressione è ritenuta insufficiente quando si salva la testa pochi mesi dopo.

Ancelotti vince nelle prime 20 partite: 65%.

Jean-Jay Lieberton Giornalista di RMC Sport

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *