pittura. Philip Krohn presenta “Il colore delle parole” per la malattia di Alzheimer

pittura.  Philip Krohn presenta “Il colore delle parole” per la malattia di Alzheimer

Di base
Philip Krohn, ex facilitatore e formatore di hospice, pubblica un libro toccante che dissipa i preconcetti sui pazienti con malattia di Alzheimer e funge da strumento di mediazione per gli operatori sanitari e gli operatori sanitari.

Mentre le parole non sono troppo sensibili, a causa dell’effetto dell’alta temperatura di Maladie, la sensazione emotiva delle parole rimane, indipendentemente, un toucher manière, collegato alle façons di comunicazione in altre cellule e aree.

È questo il percorso così confortante per i caregiver dei malati di Alzheimer, e così illuminante per tutti i professionisti, che Philip Krohn traccia nel suo libro Il colore delle parole, edito dalla Land Library. Una graphic novel di risonanza nazionale.

“Ho sempre lavorato nel campo della gerontologia, prima come badante e poi come facilitatrice presso la casa di cura pubblica Cordeliers a Beaumont. Alla fine degli anni ’80, ho capito chiaramente che bisognava adottare un altro approccio alla malattia di Alzheimer. “

Mi sono riconosciuto nell’umanesimo, una filosofia di cura veramente umanistica, che sostiene un approccio non narcotico.

Facendo ricerche su Internet, Philippe Crone ha avuto “incontri interessanti, in particolare con due quebecchesi, Danielle Tyfer e Danielle Guénot”. L’impulso è venuto dal lavoro svolto in Francia da due insegnanti di ginnasio, Yves e Rosette Genest. “Sono stati loro a inventare l’umanesimo, che è una filosofia di cura veramente umanistica, che richiede un approccio non narcotico. Mi sono davvero riconosciuto in questo.”

Beaumontois decide di applicare l’umanità alla vita sociale della casa di cura e diventa formatore specializzato. “A Beaumont, questo mi ha permesso di ottimizzare la domanda. Mi sono reso conto che entrare in un istituto è importante e che creare una camera di equilibrio, come un centro diurno, può essere molto vantaggioso per una persona.”

Philip Krohn tocca il cuore dei lettori affrontando un argomento serio, la malattia di Alzheimer, con grande sensibilità.
DDM-P.-JP

Soprattutto Philip Krohn, grazie alla sua esperienza, ha saputo fornire risposte ai caregiver che spesso si confrontano con false credenze. “Dobbiamo innanzitutto capire che questo problema di memoria impedisce ai malati di Alzheimer di pensare al futuro. Vivono nel momento presente. Non ragionano come noi. Sono spugne emotive. Non hanno più la capacità di dare significato alle parole, ma d’altra parte, hanno la capacità di sentire il colore emotivo delle parole quando qualcuno me lo dice Mia madre scappa O Mio padre è violento e non c’è niente che si possa fareho risposto Naturalmente è scappato perché la situazione qui non gli piaceva.. »

Lady Achille sente il canto del merlo se le parliamo con parole dolci e serrate dal piacevole carattere musicale. Al contrario, quando c’è una situazione stressante, è il corvo che senti.

Molto prima di incontrare la malattia di sua madre, morta nel 2022 e alla quale ha dedicato questo libro, Philipp Krohn “ha avuto l’idea di raccontare la stessa scena, quattro o cinque situazioni di vita quotidiana che potessero essere viste attraverso tre occhi : quella del malato, di chi vorrebbe trattenerlo». E non capisce lui, e infine chi capisce, tutto questo, senza dare una lezione e con quanta più umiltà possibile.

Leggi anche:
Programma della settimana su Fil de l’Eau Radio

Per questo progetto triennale, la famiglia Beaumontois ha trovato l’editore perfetto, la Biblioteca Land con sede a Sarant, nel Gers… e soprattutto ha trovato uno splendido illustratore, Isérois Jean-Luc Bouary, noto per il suo lavoro nel giornalismo e nel letteratura per bambini. Attraverso le pagine siamo immersi nella storia di Madame Achille… che potrebbe essere nostra madre, nostra nonna o nostra zia. “Dama Achille ascolta il canto del merlo se gli parliamo con parole dolci e serrate di piacevole carattere musicale. Al contrario, quando c’è una situazione stressante, è il corvo che senti. »

Attraverso “Il colore delle parole”, Philip Krohn proietta attributi di luce e umanità su “quelle persone di puro sentimento che si dice siano pazze” e che sono orgogliose di “portare questo libro sulle spalle” ovunque nel mondo. La regione e anche Parigi. Per le famiglie e gli operatori sanitari, il libro è uno straordinario strumento di mediazione.

Rendi tuo il lavoro con riunioni di apprendimento

In tutto il libro di Philippe Cron e Jean-Luc Poire c’è una frase che segna la fine della scena: “Vieni, ti spiegherò”… Ed è questo, in definitiva, ciò che offre questo lavoro: sostenere gli operatori sanitari, siano essi professionisti o meno verso una filosofia, un approccio e tecniche molto specifici per costruire relazioni umane, positive per tutta la vita delle persone con disturbi della memoria. Il libro dovrebbe essere visto come uno strumento di mediazione distinto, al servizio di tutte le persone. Per comprendere meglio questo, la Biblioteca del Territorio insieme all’Associazione LIRES propone incontri o dibattiti che possono essere organizzati presso le strutture interessate. Per sostenere la costruzione di una cultura condivisa attorno agli argomenti trattati nei suoi libri, Sarrant Publishing (Gers) ha sviluppato il concetto di Learning Encounter.

Maggiori informazioni: Associazione LIRES, 335 chemin de la Sicarde 32120 Sarrant. Questo è sorprendente. 06.81.22.16.76. E-mail: [email protected]
Catalogo e informazioni su www.lires.org

Philip Krohn firmerà il suo libro domenica 3 dicembre, dalle 11 alle 16, presso la libreria “Le Plumier argent” in place Gambetta a Beaumont.
READ  Secondo la scienza, le tempeste cosmiche spaziali modellano gli interni degli alberi

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *