Perché l’Italia non può farlo nel rugby

Quindici dall’Italia: nato con il cucchiaio di legno in bocca

Per rendersi conto di quanto facciano due i giocatori della squadra italiana e la nozione di vittoria al Torneo, dobbiamo ricordare che il loro ultimo successo in casa, nel 2013, contro la Francia (23-18), Sergio Parisse aveva ancora i capelli. Quanto all’ultima partita vinta, risale al… 2015 (in Scozia, 22-19).

Dal 2016 l’Italia ha incatenato sei cucchiai di legno. Integrato nel Torneo nel 2000, si è classificato al quarto posto (nel 2007 e nel 2013). L’anno scorso, gli italiani hanno concesso una media di 47 punti a partita. Le battute d’arresto sono così pesanti e ricorrenti che alcuni chiedono loro di cedere il passo alla Georgia, ad esempio, che le precede di due posti nella classifica IRB (12e contro 14e).

Nonostante gli scarsi risultati, i tifosi continuano a sostenere i quindici in Italia. (Franck Faugère / La squadra)

Campionato Italiano: poco pubblico

Nonostante la Nazionale occupi i 60.000 posti dello Stadio Olimpico di Roma, la cultura del rugby non ha mai preso piede in Italia. Gli incontri dell’Excelenza, campionato nazionale a dieci squadre, attirano solo poche centinaia di spettatori e le due franchigie che militano nella Celtic League (Zebra e Treviso), di livello superiore, non si riempiono.

Per Jacques Brunel, ex allenatore della nazionale italiana (2011-2016), “L’attuale generazione non poteva essere all’altezza della precedente, eccezionale, i fratelli Mauro e Mirco Bergamasco, Martin Castrogiovanni, Marco Bortolami, Andrea Lo Cicero…” Bergamasco: “La nostra fortuna è quella di essere cresciuti a stretto contatto con i migliori all’estero. La Federazione Italiana solo di recente ha permesso ai suoi giovani aspiranti di andare oltre i suoi confini, ha perso molto tempo. “

READ  Giro d'Italia - Vincenzo Nibali: "Mi piace molto questo itinerario 2021"

L'apertore Paolo Garbisi, 21 anni, simboleggia il futuro dei quindici italiani.  (Alain Mounic / La squadra)

L’apertore Paolo Garbisi, 21 anni, simboleggia il futuro dei quindici italiani. (Alain Mounic / La squadra)

Quindici dall’Italia: ragioni per credere

Jacques Brunel, che aiuta la squadra di Reggio Emilia, rimane preoccupato per la crisi. “La Fédé aiuta finanziariamente le sue franchigie. E il sistema con i campionati celtici è buono. La domanda è come rendere efficaci Zebra e Treviso facendo giocare di più le proprie nazionali, ad esempio. “ Motivi per sperare? “Certo! Interessante il cardine della selezione, con il giovane Paolo Garbisi (21 anni) che ha preso il posto di apertura per Handré Pollard, ex campione del mondo (con il Sudafrica, nel 2019), Montpellier. C’è anche il loro terzino che gioca nei Wasps, Matteo Minozzi. ”

“E Federico Mori, che si trasferisce al centro dell’UBB, Marco Riccioni, pilastro dei Saraceni,” Bergamasco completo. Resta da vedere se la nomina lo scorso maggio di un ex All Black, Kieran Crowley, alla guida della Squadra Azzurra, basterà a svegliarla. “Il problema è mentale. Crowley dovrà riportarli all’abitudine di vincere. “

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *