Perché la scienza della “natura umana” non è da temere

Riservato agli abbonati

La censura degli studi sulla biologia delle differenze cognitive e comportamentali non eviterà rimostranze che potrebbero inutilmente giustificarle.





Iris Berendt (tradotto da Peggy Saster)

Voler limitare la bandiera perché potrebbe essere stigmatizzata è un’idea controproducente (illustrazione pittorica).
© Jérémie FULLERINGER / MAXPPP / PHOTOPQR / L’YONNE REPUBLICAINE / MAXPPP

DottDiventare genitori spesso significa iniziare a porsi domande sulla natura umana. Se hai figli, potresti aver notato presto le loro differenze. La prima volta che mio figlio ha sentito la musica, i suoi occhi si sono spalancati, come se stesse fissando le note nell’aria. Mia figlia ha chiaramente un debole per l’interazione sociale. A 3 mesi, questa cagna stava usando il suo unico dente per mordermi e osservare la mia reazione. Non c’è da stupirsi che mio figlio sia diventato un compositore e mia figlia sia entrata in psicologia.

Nascono così? La natura plasma chi siamo? Dall’avvento delle scienze cognitive, delle neuroscienze e della genetica comportamentale, questa domanda senza tempo è apparsa in un batter d’occhio. corpo Scienziato…


Sostengo

Offerte esclusive: -50% nel primo anno

READ  A che età il cervello produce neuroni?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.