Perché il cambiamento climatico alimenta la paura di avere figli

Di base

  • Il cambiamento climatico e le minacce che rappresenta per il futuro sono un fattore che spinge i giovani a scegliere se avere o meno figli.
  • Spesso le minacce sono il consumo eccessivo e l’esaurimento delle risorse, la sovrappopolazione e un futuro incerto.

Una delle decisioni più imperative in atto sembra essere quella di prendere sempre più in considerazione un nuovo dato, ovvero se avere o meno figli: sono il cambiamento climatico e le sue conseguenze che d’ora in poi entreranno a far parte delle domande dei giovani chiedersi prima di quella scelta cruciale.

Questo è ciò che rivela Uno studio condotto da ricercatori dell’Università dell’Arizona negli Stati Uniti e pubblicato sul Journal of Population and Environment. Sono stati selezionati adulti di età compresa tra 18 e 35 anni sensibilizzati al tema del cambiamento climatico e 24 di loro hanno spiegato le loro preoccupazioni sull’avere figli.

Un’analisi dei commenti online che accompagnano gli articoli dei media sui cambiamenti climatici ha allertato i ricercatori su una tendenza crescente a rinunciare alla riproduzione a causa delle minacce che i cambiamenti climatici rappresentano per il futuro del pianeta … e dei suoi abitanti. Da qui questo lavoro, che ha permesso di mettere in luce i tre temi che interessano quei giovani riluttanti a diventare genitori.

Un aumento dei consumi, un aumento della popolazione, un futuro cupo

In primo luogo, ci sono i “rischi” associati al consumo eccessivo. “Questa è una preoccupazione che gli intervistati hanno espresso ripetutamente”, ha detto Sabrina Helm, professore presso la Norton School of Family and Consumer Sciences e autrice principale dello studio. Più specificamente, le preoccupazioni dei giovani, figli della società dei consumi, riguardano i rischi di carenza di risorse (cibo e acqua) e l’impatto del carbonio associato alla persistenza di queste pratiche.

READ  A new astronomical cluster discovered by astronomers

Il secondo tema menzionato per giustificare le riserve sull’avere figli è la sovrappopolazione. Questa preoccupazione, secondo gli autori dello studio, è apparsa anche frequentemente, sia nei commenti online su temi caldi sui cambiamenti climatici che nelle interviste con un gruppo di giovani. A questo punto, le spiegazioni vanno oltre le semplici preoccupazioni sui bisogni vitali delle generazioni future come cibo o acqua. I giovani più consapevoli del cambiamento climatico sembrano ritenere necessario a tutti i costi ridurre il numero di persone: 7,5 miliardi di persone, quante per il pianeta Terra? Per loro la risposta è “sì” perché spiegano la loro riluttanza ad avere figli, o comunque più di due figli, per paura di … “sostituirsi” numericamente! Il loro pensiero si spinge fino a promuovere l’adozione piuttosto che la procreazione …

La speranza risiede nelle generazioni future

La terza “paura” che può ridurre il desiderio di avere figli, è legata a un futuro “incerto” o addirittura porta sfortuna. E il “senso di colpa” – così lo esprimono – di mettere al mondo bambini condannati a vivere in questo mondo terribile. Ma questa paura del futuro può avere l’effetto opposto. “Espressioni di speranza”, come le descrive Sabrina Helm, sono apparse nelle interviste al comitato. In particolare l’idea che le generazioni future saranno le benvenute perché in grado di contribuire al miglioramento dell’ambiente aumentando la sensibilità al problema. “C’è speranza che le generazioni future facciano il lavoro e migliorino le cose”, spiega Sabrina Helm, aggiungendo, tuttavia, che “questo grava molto sui bambini piccoli” … I giovani in età fertile non devono Fai questo. Hai finito di fare domande!

READ  SpaceX completes its first rocket launch in 2021, by sending a communications satellite

Questo argomento continuerà ad alimentare le discussioni tra amici e familiari per molto tempo a venire. Lo studio mette in luce anche la “rabbia” e la “frustrazione” tra i giovani che esprimono domande e preoccupazioni sulla gravidanza a causa del disprezzo spesso mostrato da coloro che li circondano che non hanno nulla a che fare con questa domanda.




You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *