Per papa Francesco la mafia è una “organizzazione del peccato”

Papa Francesco sull’aereo da Roma per l’Iraq il 5 marzo. – ANDREAS SOLARO / AFP

Descrivendole come “organizzazioni del peccato” che hanno sfruttato la pandemia di coronavirus, Papa Francesco ha lanciato un nuovo attacco alle mafie, questa domenica, giorno della commemorazione delle sue vittime in Italia.

“Le mafie sono presenti in varie parti del mondo e sfruttano la pandemia, si sono arricchite grazie alla corruzione”, ha lanciato il Papa dopo la preghiera domenicale dell’Angelus. Riferendosi ai suoi predecessori, ha aggiunto: “San Giovanni Paolo II aveva denunciato la loro cultura della morte e Benedetto XVI aveva condannato il loro cammino di morte”.

“Sradicare la mafia è possibile e necessario”

“Queste organizzazioni peccaminose, queste strutture mafiose, scambiano la fede con l’idolatria, contrariamente al Vangelo di Cristo. Oggi ricordiamo tutte le vittime e rinnoviamo il nostro impegno contro le mafie ”, ha aggiunto. Nel settembre 2018, durante un viaggio in Sicilia dove avrebbe reso omaggio a un sacerdote assassinato 25 anni prima dalla mafia, papa Francesco ha dichiarato che qualsiasi mafia “bestemmia con la sua vita il nome di Dio-amore”.

Nel 1993 anche Giovanni Paolo II ha invitato la mafia ad abbandonare la criminalità e i siciliani a ribellarsi alla mafia. L’associazione italiana antimafia Libera ha ricordato a lungo le vittime della criminalità organizzata il 21 marzo, ma negli ultimi anni questa data è diventata una giornata nazionale ufficiale della memoria. In una dichiarazione di domenica, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha affermato che “lo sradicamento della mafia è possibile e necessario”.

READ  Calcio Italia - Inter a metà dopo il teso derby contro il Milan

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *