“Per molto tempo abbiamo visto le persone con dislessia come persone in difficoltà” (Guillemette Faure, autrice di un libro su Dys)

(ETX Daily Up) – Cosa hanno in comune Leonardo da Vinci, Steven Spielberg e Frank Gastampide? Tutti e tre soffrono di dislessia. Questo disturbo del linguaggio, noto per influenzare l’ortografia e la lettura, sta trovando credibilità nel mondo del lavoro. Gli anglosassoni parlano del “dono della dislessia”, del talento della dislessia. Tuttavia, i dislessici sono stati a lungo considerati persone con difficoltà. Come è apparsa la dislessia in primo piano? Un’intervista a Guillemette Faure, autrice di “Dys and Celebrity, How Dyslexia Can Make You Stronger”, pubblicato da Casterman.

Riuscirai ad avere successo nella tua carriera nonostante la dislessia? Questo disturbo del linguaggio appartenente alla famiglia DYS, insieme alla disgrafia e alla disgrafia, è caratterizzato da confusione, inversioni di suoni o lettere o numerosi errori di ortografia.

La giornalista Guillemet Fore è lei stessa madre di una figlia dislessica e pubblica “Dis and Famous, How Dyslexia Can Make You Stronger”, pubblicato da Casterman. Un album di 24 foto di personaggi che soffrivano di disturbi del linguaggio. Ci sono comici, politici e premi Nobel per la chimica che gli accarezzano le spalle. Manutenzione.

Quali sono i punti deboli che causano la dislessia?

La parola dislessia è usata per riferirsi a difficoltà legate alla lettura o alla scrittura. Questo disturbo non dovrebbe essere ridotto al cuore dei problemi con le lettere, la lettura e l’ortografia. È più complicato. Ci sono sottili differenze. Ad esempio, l’attore Stéphane De Grudt non sa spiegare una ricetta di cucina. Ha difficoltà a capire le regole del gioco di carte.

Alcuni hanno problemi di memoria, per altri è un punto di forza. Ad esempio, Erin Brockovich, che ha ispirato il film omonimo, può memorizzare numeri scritti su un pezzo di carta dopo una sola lettura.

READ  Uno studio rileva che questo è il momento migliore per dormire e ridurre il rischio di malattie cardiache

Per molto tempo i dislessici sono stati visti come persone in difficoltà. A scuola devi saper leggere e scrivere. Rilevare segnali visivi, essere creativi o intuitivi, non è quantificato.

Quali sono le qualità? Sviluppare Chi soffre di dislessia nel mondo professionale?

La loro forza nasce dal superamento delle difficoltà. Conoscono i loro punti di forza e di debolezza e sanno come circondarsi di persone competenti. È il caso di Richard Branson, presidente e imprenditore di Virgin.
C’è un discorso moderno, che gli inglesi chiamano il “dono dislessico”, il “dono dislessico”.

Secondo uno studio americano, il 35% degli imprenditori soffre di dislessia. Non immaginare molto su questo numero. Avere un figlio dislessico non significa che sarà un imprenditore, un premio Nobel o il nuovo Leonardo da Vinci.

Questo numero non si trova tra gli amministratori delegati. Le qualità desiderate non sono le stesse tra gli imprenditori. Il profilo del CEO rassicura l’azienda. Queste sono le persone che hanno i diplomi giusti, hanno frequentato le scuole giuste, ecc. Mentre le persone con dislessia sono quelle che hanno rischiato e hanno fallito per poi tornare di nuovo. Come dice Thomas Legrand nell’introduzione al libro, ci sono fasi difficili e dolorose.

Come fa una persona con dislessia ad avere successo professionalmente?

In 24 foto del mio libro, ci sono o un mucchio di stelle fortunate, o genitori che erano presenti. Lo incoraggiavano per quello che poteva fare invece di essere ossessionato da quello che non poteva fare.

Notiamo anche che l’incontro con un adulto di riferimento gioca un ruolo importante. Penso, ad esempio, a Jacques Dubuchet, premio Nobel per la Chimica. Uno dei suoi insegnanti lo ha aiutato a costruire un telescopio. Per lui, la dislessia gli permette di vedere le cose in modo diverso e quindi di scoprire altre cose.

READ  Brief: Genfit, Oncodesign, AB Science

C’è un’evoluzione per quanto riguarda la dislessia tra i docenti?

I giovani vedono un logopedista prima degli anziani. Per i più grandi era più difficile. Ad esempio, l’attore Stéphane de Grudt ha ripetuto la sua quinta, quarta e terza opera.

L’attore Frank Gastampide dice che i suoi genitori si vergognavano di andare agli incontri con i suoi insegnanti. Il suo attivismo come addestratore di cani e animali ha dimostrato che sa come fare le cose, ma per di più le fa meglio di altri.

Nel sistema scolastico, la parola scritta gioca un ruolo importante. Non era raro vedere che alcuni punti venivano sottratti per l’incantesimo, indipendentemente dal soggetto. Nel sistema anglosassone c’è più passaparola. La capacità di discutere e organizzare i propri pensieri è più sviluppata.

Stanno crescendo tabù sui disturbi del linguaggio?

Chi ne parla, ne parla molto, come Frank Gastambidi. Quelli che ho chiamato erano felici di parlare. Penso all’americana Erin Brockovich. Dal film “Erin Brockovich, Alone Against All”, dove è stata tradotta da Julia Roberts, ha rifiutato molte interviste. E lì, era felice di parlarne perché aveva poche possibilità di farlo.

“Famosa e famosa, come la dislessia può renderti più forte” di Guillaume Faur, pubblicato da Casterman

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.