Per Italia e Portogallo la pressione sale

A Zurigo la Fifa procederà sia al sorteggio degli spareggi europei, in programma a fine marzo, ma anche sulla scia del sorteggio degli spareggi intercontinentali che vedrà contrapporsi, il prossimo giugno, una squadra asiatica, un’altra America Centrale. e dal Nord, un terzo dal Sud America e infine una selezione dall’Oceania. In Europa, restano da riempire tre biglietti per le dodici selezioni in ritardo che non sono riuscite a finire in testa al proprio girone di qualificazione.

Per vedere il Qatar (21 novembre – 18 dicembre 2022), dovrà vincere, a fine marzo (24 e 29 marzo), uno dei tre minitornei con quattro giocati su partite asciutte, con semifinali e poi finali , un formato pericoloso. che vieta la minima sconfitta. La tensione è salita di un livello, anche tra i campioni d’Europa in carica, gli italiani, che dalla loro incoronazione a luglio sono stati sopraffatti dalla paura di non qualificarsi al Mondiale, come nel 2018. “Inconsapevolmente qualcosa si è bloccato”, ha ammesso. difensore Leonardo Bonucci.

Seconda nel suo girone dietro la Svizzera, la “Nazionale” rievoca oggi il trauma di quattro anni fa, quando la Svezia aveva bloccato la sua strada verso il Mondiale in Russia durante gli spareggi, poi giocato sotto un altro formato, in duelli di andata e ritorno.

“Ibra” e “Lewy” negli spaventapasseri

Come l’Italia, il Portogallo di Cristiano Ronaldo trema prima del sorteggio, il suo morale è appesantito dalle polemiche intorno all’allenatore Fernando Santos. La stampa portoghese lo ha designato come N.1 responsabile della sconfitta contro la Serbia (2-1), nell’ultima giornata, che ha condannato i vincitori di Euro-2016 a passare attraverso le dighe.

READ  Covid, la nuova variante "inglese" può rendere inefficaci i vaccini? - Corriere.it

Ma il Portogallo ha l’esperienza di questi incontri su un filo, essendosi qualificato nel 2010 e nel 2014 in questo modo. I due cador hanno la certezza di giocare la loro semifinale in casa, grazie al loro status di squadra nel primo cappello. Ma possono incontrarsi in finale… o cadere su un’altra selezione rotta a questo livello, come la Svezia, quarti di finale della Coppa del Mondo nel 2018.

Se i “Blagul” (Blu e Giallo) hanno deluso durante l’Euro, con un’eliminazione dall’ottavo contro l’Ucraina, è una squadra trasformata che dovrebbe giocare a marzo, con il ritorno del suo talismano Zlatan Ibrahimovic (40 anni), infortunato la scorsa estate. “Ibra” è uno dei grandi spaventapasseri in questo sorteggio, così come l’attaccante della Polonia Robert Lewandowski, che ha segnato otto gol nelle qualificazioni.

Macedonia del Nord in Petit Poucet

La stella del Bayern Monaco teme tanto più che la sua selezione appaia nel secondo cappello, essendo quindi un potenziale avversario dalla metà campo per l’Italia o il Portogallo. Anche in trasferta, “abbiamo abbastanza buoni giocatori per battere una grande squadra in una sola partita”, ha detto il Ct della Polonia Paulo Sousa.

Questo forse preferirebbe cadere su un seme più modesto, come il Galles, che non gioca al Mondiale dal 1958, o la Russia, o la Scozia, che non brillava all’Euro. Anche Ucraina, Turchia e Repubblica Ceca, tutte in secondo piano, guardano con invidia anche a queste potenziali avversarie, con l’ambizione di giocare il guastafeste di queste “finali a quattro”.

“È per la Coppa del Mondo, dobbiamo incontrare le (grandi) squadre. È una sfida per la quale lotteremo”, ha detto il difensore ceco Jakub Brabec, che ha ricordato che la sua selezione ha battuto la Scozia a Glasgow durante l’Euro (2-0 ). Infine bussa alla porta anche la Macedonia del Nord, che ha scoperto l’Euro la scorsa estate ma non ha mai giocato il Mondiale, con lo status di Petit Poucet. In questa fase, tutti i sogni sono ancora consentiti.

READ  Dana White reagisce allo scandalo Conor McGregor in Italia!

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *