“Per i giovani registi, festival come Angers sono essenziali”

Filippo Minghetti è un giovane regista felice. Il suo primo film, “Deux”, è stato selezionato per rappresentare la Francia agli Oscar ed è membro della giuria per la 33a edizione dell’Angers Premiers Plans Festival, dedicato ai primi film europei che si terrà online dal 25 al 31 gennaio 2021.

Partita di Parigi. Il tuo primo film “Deux” è stato selezionato all’Angers Excellent Plans Festival. Ti è stato chiaro di essere un membro della giuria?
Filippo Minghetti. Il mio legame con l’Angers Festival è molto forte. Prima di essere selezionato per “Deux”, ho partecipato a un concorso per un cortometraggio dal titolo “The Intruder”, che ho girato in Italia e ho vinto il Premio del Pubblico. È stata una grande emozione perché è stato il mio primo vero cortometraggio. Per “Deux”, ha partecipato a laboratori di scrittura ad Angers, poi a letture di sceneggiature e ha anche ricevuto un premio. È Cannes che significa molto per la mia carriera, ho superato tutte le fasi qui e sono felice di far parte della giuria oggi. Mi dispiace solo di non essere ad Angers (coprifuoco forzato, è a Marsiglia, ndr), per sentire tutto l’amore per il cinema in città. Al momento, guardiamo film a casa e abbiamo riunioni ingrandite. E poi sceglieremo. Ma non vedo l’ora di riscoprire i veri scambi con le persone, il cinema nelle sale, la vita …

Leggi anche:Il Premiership Plans Festival si reinventa alla sua 33a edizione

Per un regista giovane come te, quanto sono importanti i festival?
I festival ci rendono presenti, soprattutto quando inizi la tua carriera. Ho ricordi molto forti della mia prima esperienza ad Angers, quando ho realizzato il mio cortometraggio. Ho pensato tra me e me che forse avrei potuto farne il mio lavoro … ai festival ci rendiamo conto che non lavoriamo per niente e che ci sono persone interessate al nostro lavoro. Inoltre, oggi, nel momento in cui viviamo tutti, i festival sono essenziali. Soprattutto quando mostrano molto amore e attenzione a registi come Angers. Per i giovani registi, questa è la chiave.

READ  France Télévisions e TF1 attaccano Canal + per il suo passaggio non crittografato mentre sono in isolamento

Il tuo primo lungometraggio, Deux, è stato selezionato per rappresentare la Francia agli Oscar. Qualche giovane regista ha sognato di trasferirsi da Angers a Hollywood?
È stata una grande sorpresa. Non lo immaginavo nel mio primo film. Il mio sogno era raggiungere un pubblico, in modo da poter condividere i miei sentimenti e le mie domande con loro. Quando ciò accade, è molto influente.

Qual è stato il tuo primo film preferito?
Nei film contemporanei, quello che mi ha colpito di più nelle sale è stato “Les Bruits de Recife” del regista brasiliano Clipper Menduca Filho che ha poi diretto “Aquarius” e “Bacarão”. L’ho visto tre volte al cinema.

Lavora, lavora e circondati delle persone giuste

È una scelta interessante perché è un dramma sociale che è stato girato come un thriller, come “Deux”, anche se i temi sono diversi.
Assolutamente (ride). È divertente perché quando sono andato a vedere il film al cinema, c’era un gruppo di stampa dedicato a “Recife Noise” e sono rimasta colpita da una frase: “È un’opera girata da John Carpenter (Master of Wonderful Cinema, ndr) “. A quel tempo, stavamo cercando finanziamenti per “Deux” e ho spiegato ai miei produttori che la mia ambizione era di presentare un melodramma che sarebbe stato scelto come thriller d’azione. Questa frase mi risuona molto.

Che consiglio daresti a un giovane regista?
Credi nel tuo progetto e nella tua attività, lavora e circondati delle persone giuste. È molto importante intraprendere l’avventura. Il film semplicemente non accade.

Stai già assistendo a un altro lungometraggio?
lentamente. La scelta degli Oscar ha richiesto un importante lavoro promozionale svolto da Zoom, e all’improvviso l’ho rallentato un po ‘(ride).

READ  Questo famoso ristorante offre una cucina italiana in edizione limitata!

Scopri l’intero programma del festival

È vietata qualsiasi riproduzione

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *