Per gli albergatori di Mentone, “il 2021 sarà molto peggio del 2020”

L’osservazione è chiara e chiara dopo tutti questi mesi senza clienti: da ottobre 2020, data della seconda prenotazione, la stragrande maggioranza degli hotel a Mentone e in Costa Azzurra sono stati chiusi, subendo tutto il peso delle successive cancellazioni di eventi turistici . Per eccellenza nell’est del dipartimento: le feste natalizie, la festa del limone … per non parlare dei principali eventi nell’emirato, che di solito gocciolano il suo impatto economico su Mentone e le zone circostanti durante le stagioni. Spiegazioni.

Situazione “catastrofica”

“Anche il Gran Premio, quest’anno, non porterà nulla agli albergatori di Mentone, perché si svolgerà quasi a porte chiuse. A parte chi ha contratti storici con le scuderie, nessun altro a Mentone ne beneficerà, i pochi Sono sicuramente Dei partecipanti quest’anno che si concentreranno su Monaco e beneficeranno di libertà che non esistono da nessun’altra parte! Lo annuncia il presidente del sindacato di Mentone e Costa Azzurra, Benoit Borghese.

Finora ottimista, il direttore de “L’Orangeraie” di Mentone non ha pronunciato parole, ammettendo oggi che la situazione “Catastrofico. Il 2021 sarà molto peggio del 2020” Siamo spiacenti, contando sulla riapertura degli hotel a fine maggio, inizio giugno: “Non prima, stiamo cercando di salvarci, ma senza turnover, sta diventando davvero difficile e oggi il morale degli albergatori è al minimo. La professione sta soffrendo molto. Ci vedo una sorta di disperazione”..

Solo tre o quattro stabilimenti a Mentone (questi sono grandi alberghi) sono stati in grado di rimanere aperti, accogliendo le vittime della tempesta Alex, o gli operai nei cantieri o la polizia venuta come rinforzi, “Ma l’attività è comunque debole. Altri hanno provato a riaprire più volte, per poi chiudere di nuovo dopo pochi giorni … Infine, che ci permette di resistere e che svolge il ruolo di ammortizzatore, è la disoccupazione parziale e le indennità che ci vengono dati … “

READ  Quali sono i paesi affamati di dati?

Con due buone notizie questa settimana *: Assumere una parte dei costi fissi e la possibilità di assumere subito lavoratori stagionali. Ma il presidente modera questo slancio: La maggior parte delle istituzioni ha preso in prestito prestiti con la garanzia dello Stato e ha rosicchiato a suo favore La maggior parte di loro, già oltre l’80%, rischia di indebitarsi. Sebbene il rimborso sia stato posticipato al 2022, potrebbero non essere in grado di farlo. I prossimi cinque anni saranno impegnativi e cruciali per la professione “..

E il futuro a breve e lungo termine?

“Le prospettive per questa estate sono ancora scarse”. Benoit Borghese sottolinea, “Con il riempimento non prima del 15 luglio. Giugno sarà molto tranquillo e penso che avremo una buona stagione inoltrata. Pertanto, l’attività oscillerà tra metà luglio e metà ottobre … cioè quattro mesi! Ovvero abbastanza per risolvere i problemi di flusso di cassa, soprattutto per i piccoli hotel, alcuni potrebbero scomparire … ”

E a lungo andare? Il presidente vede una qualche forma di rinnovamento turistico: diversi mesi fa ha iniziato a collaborare con l’Ufficio comunitario del turismo per passare al turismo “verde”. Sì, ma ora è subordinato alla ricostruzione della Valle Roya). La strada è ancora lunga e di certo non facile.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *