Per Genevieve Fioraso, “Dobbiamo fare chiarezza all’università”.

Grenobleoise e l’ex ministro dell’Istruzione superiore, Genevieve Fioraso, sono tornati questa mattina al dibattito Science-Po Grenoble. Condanna coloro “che stanno scaricando i pascoli” e si rammarica “di non essere più in grado di tenere un dibattito tranquillo” in “un luogo in cui formiamo i futuri responsabili delle decisioni”.

Ciò che accade a Science-Po Grenoble e all’università è purtroppo un riflesso di ciò che sta accadendo nella nostra società. Ciò significa che oggi sembriamo incapaci di condurre le discussioni in silenzio. L’università è un luogo di formazione, è un luogo di confronto per i giovani, è un momento in cui si costruisce il loro pensiero, mentre preparano la loro carriera, e Trovo davvero un peccato che quella che avrebbe dovuto essere una discussione tra gli insegnanti – dove possiamo mettere in contatto gli studenti è un dibattito interessante – sia finalmente diventata oggetto di controversia e sia scivolata completamente Con i nomi gettati all’attenzione degli insegnanti che non erano nel mainstream. Non giudico il valore. È in corso un’indagine e questo è molto positivo. L’Ispettorato generale è stato incaricato dal ministro, cosa che avrebbe dovuto essere fatto, forse prima, perché questo dibattito è iniziato lo scorso novembre.

Pochi mesi dopo l’assassinio di Samuel Patti, era completamente irresponsabile

Quello che mi sembra davvero importante è riportare la serenità generale nelle università. Questi sono fenomeni che non accadono dappertutto, ma accadono qua e là e dovrebbero essere visti con calma. Ci sono casi nelle università per questo. Ci sono posti. C’è un consiglio accademico. Vorrei che ristabilissimo un dialogo all’interno delle università, in modo da non avere ukase avviati in questo modo in modo centralizzato. I presidenti delle università devono stimolare collettivamente e collettivamente il dialogo e il dibattito deve essere ristabilito. Naturalmente condanno i metodi degli studenti di lanciare nomi nel prato. Pochi mesi dopo l’assassinio di Samuel Patti, era completamente irresponsabile.

READ  Scienze. I Neanderthal possono ascoltare e parlare proprio come noi

Tutto questo non danneggia anche l’immagine dell’università, soprattutto a Science-Po?

È un problema che ciò accada, ma come sai, ci sono quasi 2 milioni di studenti all’università e nella maggior parte delle università in generale le cose stanno andando bene. Durante questo periodo, la priorità per gli studenti rimane. Si trovano in una posizione molto difficile e penso che sottolineando questo o quel conflitto – che sta accadendo e che deve essere affrontato con chiarezza – dimentichiamo che la priorità dovrebbe rimanere per gli studenti, i loro professori e tutto il personale di supervisione amministrativa nelle università, che deve garantire che i giovani vengano formati in un periodo di restrizioni, il che rende le cose così complicate. Respingo il termine “generazione sacrificata”. Dobbiamo mettere insieme l’intero pacchetto e fare ogni sforzo – che non è solo finanziario, ma anche vera volontà collettiva – per garantire che i nostri studenti siano adeguatamente formati.
Ancora una buona immagine Science-Po. È una formazione riconosciuta. Ciò che mi preoccupa di più è vedere che in un luogo in cui formiamo i futuri responsabili delle decisioni, persone che saranno interessate agli affari pubblici, non siamo più in grado di avere discussioni in cui mettiamo tolleranza. Gentilezza, ascolta. Tutto questo è come imparare la democrazia! Penso che sia urgente ripristinare questa serenità. Al di fuori dei social network …

I social network giocano un ruolo molto importante in questo tipo di relazione.

Certo, non ne parliamo abbastanza! Penso che si sia imparato a interagire con i social network fin dalla tenera età. Impara a individuare le notizie false. Sapere come verificare le informazioni. Non usare il tuo anonimato per sbarazzarti dei nomi in passato. Perché lo vediamo lì in un contesto specifico e politicamente più sensibile al momento […] Ma è anche un’adolescente al college, come questa adolescente che, a causa della sua leggera differenza, verrebbe scaricata in modo anonimo a causa della sua leggera differenza. Non siamo sufficientemente formati nella pratica del social networking. Questo non significa che non dovresti usare i social network, hanno molti vantaggi. Semplicemente Ci vuole discernimento e discernimento per essere appreso. Perché è così facile, con l’anonimato, escludere nomi del genere … abbiamo visto i danni che il disgustoso assassinio di Samuel Patty può causare.

READ  Vaccini sui social media: la morte paga | Scienza | Notizie | il Sole

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *