“Penalità per altri 3 mesi, Rt deve scendere”

“Questa è una corsa lunga”, avverte Alessio D’Amato, assessore alla Sanità del Lazio, l’uomo che nel consiglio di Nicola Zingaretti progetta l’anti- Covid.
Quanto tempo, assessore?
«Dovremo correre almeno per altri 3 mesi. Poiché il virus sta circolando, la RT non è sotto controllo e la campagna di vaccinazione richiederà tempo ».

La seconda ondata non è ancora finita e si parla già della terza. Le restrizioni odierne, come la sosta in bar e ristoranti alle 18 e il coprifuoco dalle 22, quanto dovrebbero durare nel Lazio? Qual è l’orizzonte?
“Primavera. Naturalmente non mancheranno gli interventi per le attività che rimarranno chiuse, come per le palestre, per il mondo della cultura, per il commercio itinerante dei mercati. Una cosa deve essere chiara: le misure prese sono e saranno sempre proporzionale alla situazione dell’epidemia. Nel Lazio siamo stati cauti e Roma oggi è tra le capitali europee che, nonostante tante difficoltà, hanno sofferto di meno, grazie al rigore del nostro comportamento e anche ai provvedimenti che abbiamo adottato. Continua “.

Quando a fine novembre si è ipotizzato un allentamento prenatalizio, ad esempio consentendo ai ristoranti di aprire la sera, la Lazio ha subito detto: qui le cose non cambiano, massima cautela. Alla fine, anche a livello nazionale, quell’allentamento non è avvenuto.
“Era inevitabile. Tutto ciò che facilita i viaggi e gli incontri, diciamo la convivialità, è carburante nel motore del virus. Abbiamo visto cosa è successo in estate e quanto tempo ci è voluto per chiudere l’angolo. Ed è vero che oggi i ricoveri e i posti occupati in terapia intensiva diminuiscono, ma abbiamo ancora 1.500 casi al giorno. Non sono pochi se pensiamo che quando è partita la seconda ondata, verso metà settembre, abbiamo dovuto fare i conti con qualche centinaio di aspetti positivi al massimo ».
E il 7 gennaio riaprono le scuole superiori …
«Ecco perché dico: dobbiamo ancora abbassare la RT, se vogliamo mantenere la calma nei prossimi mesi. Speriamo di raggiungere lo 0,5 entro gennaio, ma abbiamo settimane prima in cui le persone si trasferiranno. Per questo ci vuole ancora il massimo rigore ».
Il ministro Azzolina ha lasciato un certo margine di scelta alle Regioni. Come riapriranno le scuole nel Lazio?
«La prima cosa da dire è una: in classe bisogna sempre indossare una maschera, anche al banco, niente più demagogia. Lo abbiamo detto all’ufficio scolastico regionale, che dipende dal ministero. Poi gli autobus verranno potenziati, ne parliamo con Astral, l’agenzia regionale, insieme alla Prefettura. Per i tamponi, a gennaio prevediamo 150mila esami con prelievo salivare ».

READ  In Italia nasce il primo istituto culturale franco-tedesco al mondo

Come ti stai preparando per il vaccino Covid?
«Contiamo di avere 8 milioni di dosi per la Lazio, per 4 milioni di cittadini, visto che servirà il richiamo. Teniamo d’occhio due date: il 29 dicembre, quando aspettiamo che l’EMA dia l’ok al vaccino Pfizer. Da quel momento in poi, tutte le iniziative che stiamo già pianificando possono concretamente partire. E il 12 gennaio dovrebbe esserci un passaggio cruciale per il vaccino di Moderna ».
La vaccinazione sarà obbligatoria nel Lazio?
“Ci atterremo a ciò che dice il governo. L’obiettivo è raggiungere l’immunità della mandria, la copertura vaccinale deve essere superiore al 70%. Sarà una campagna complicata, visto il numero di persone coinvolte, durerà fino alla fine del 2021. Inizieremo con i vaccini per il personale sanitario negli hub ospedalieri, poi quando raggiungeremo l’apice della campagna in tarda primavera, lo faremo servono tutte le forze possibili, dai 4mila medici di base alle 1.500 farmacie ».
La terza ondata è inevitabile?
«Se ci comportiamo come abbiamo fatto in estate, non sarà una probabilità ma una certezza. Se stiamo attenti, possiamo provare a ridurne l’impatto. In ogni caso, ci stiamo attrezzando per affrontare gli scenari peggiori, amplieremo del 10% la rete ospedaliera, compresa la terapia intensiva. Ciò significa 500 posti in più. Speriamo non servano ».
I malati della Campania continuano a riversarsi negli ospedali del basso Lazio, come denunciato dall’ASL di Latina?
“Sembra che le cose siano leggermente migliorate, anche grazie all’azione delle forze dell’ordine”.
Recovery Fund: bastano i 9 miliardi per la salute previsti nella prima bozza circolata in queste ore?
“Mi sembrano pochi, a meno che non vengano aggiunti al MES. Spero che tu non commetta sempre lo stesso errore: in Italia viaggiamo 2-3 punti in meno di investimenti nel PIL nazionale rispetto a Francia e Germania. Ma l’assistenza sanitaria, come stiamo realizzando ora, in piena pandemia, è essenziale. È il motore del benessere del Paese ».

READ  L'Inghilterra sfiderà l'Italia in finale

Ultimo aggiornamento: 01:13


© RIPRODUZIONE RISERVATA

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *