Parrilla: Quando ti annunciano lezioni

Parrilla: Quando ti annunciano lezioni

Rivendicheresti uno scoop di piattezza culturale con un cucchiaio di banalità? In questi giorni gli italiani stanno avvistando una nuova pubblicità del marchio di pasta, italiano per tutti, Barilla. Un’azienda familiare con sede a Parma, in Italia, è alla quarta generazione dalla sua fondazione 140 anni fa. Questo stabilimento, primo produttore mondiale di pasta, deve tutto all’Italia, ai suoi prodotti, alle sue origini e alla sua immagine. Ma dall’inizio del mese Barilla non vende solo pasta, ma l’azienda fa anche pasta, con un lungometraggio pubblicitario che racconta le storie del grande cinema. Un film, scoperto dal detective Damien Rieu, sottovento per decorare il famoso fagotto di pasta con un fascio di globalisti in salsa di distruzione culturale. ti diciamo.

Piccolo villaggio tipico italiano che si affaccia sull’Italia Eterna all’ora di pranzo. Nella mensa scolastica i bambini mangiano la pasta. Perfetto, bambini, per strappare lacrime nelle capanne: la ricetta è inarrestabile. Si stanno tutti divertendo? No, un ragazzino d’altrove, affascinante certo, Gabriel, resiste alla tentazione degli spaghetti, sotto lo sguardo pietoso del suo compagno di classe. La sera, a casa del padre, la piccola italiana si rifiuta di assaggiare gli spaghetti allo speck Perché Gabriel non può mangiarlo.. E si appoggia a suo padre che guarda caso è il cuoco della scuola! Il giorno dopo, mio ​​padre dà ordini severi: “Oggi facciamo una carbonara completa. L’obiettivo: rendere felici i nostri figli”.. Ma Gabriel rimane sospettoso: È con o senza carne di maiale? »Chiesto. Oggi puoi mangiarli.Rispondiamo. Sguardi complici al dolce italiano. Questa carbonara scandalosamente carica di zucchero porta a una lunga, lunga, lunga lezione morale sul mondo “è diventato più inclusivo” E “Multiculturale”Sul cibo che “unire le persone” E altre caramelle alla mela per darti il ​​​​diabete prima ancora che tu lo tocchi. Conclusione con triplo foro per chiudere il coperchio a chi sentirà lo sporco trucco: “È importante sentirsi parte della comunità”.. Bene, vediamo: cancellare la cultura italiana per sentirsi parte di una comunità, ma quale?

READ  Cinema: Un tour del film "Sicilia d'Africa" ​​diretto da Bivona (video)

Al suo apice, negli anni Settanta e Ottanta, la pubblicità cercava di strapparti l’effetto “wow”: era la mira dei cavalli visti dal cielo che formavano le travi di Citroën, il capolavoro della Siguilla. Porta da nuoto Nestlé per bambini. La pubblicità cercava di farti ridere (Chausséauxmoines, Quand c’est trop c’est Tropico…), di eccitarti (Benetton), di sedurti, di vendere, naturalmente. Con il mulino della globalizzazione, la pubblicità delle pin-up è diventata una vecchia zitella. Adornata di tutti i misteri della diversità e dell’inclusività, gioca ad nauseam sull’assurdo catechismo delle istituzioni europee e delle Nazioni Unite. Cerca nei recessi ciò che resta della cultura locale per trasformarlo in una pappa malata e predigerita, un potente fetore di manipolazione.

Logicamente parlando, i francesi, soprattutto i giovani, non sono più così bramosi e armeggiano con queste pubblicità tradizionali e meno creative del laboratorio di pasta di sale. Ne sono soggetti, poiché non abbiamo mai visto un cavallo affezionarsi così tanto alla sua parte e al suo messaggero.

La catena è fitta e occuparsene è ingombrante, ma ormai il controllo delle informazioni, in particolare sui canali pubblici, non basta più. I francesi decodificano le informazioni e si proteggono da questa gocciolante doxa. La potenza di fuoco dei media pubblici, France Télévisions e Radio France, non è sufficiente per evitare la presenza di Marine Le Pen al secondo turno delle elezioni presidenziali in un recente sondaggio. Il liscio mediatico non ha impedito l’ascesa al potere della Meloni in Italia, la terra di Carbonara. Quindi ci sono ancora pubblicità, che agli occhi di Arcom non erano abbastanza complete e che le persone disimballano con più relax. fino a quando ? La globalizzazione è un mietitore, un mietitore che non si accontenta mai. Ma come i dinosauri che apparentemente hanno divorato una foresta nel corso della giornata e sono morti dopo averla esaurita, i nostri demolitori avranno presto alcune cose patriottiche da distruggere.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *