Parigi e la sua regione hanno perso 15,5 miliardi di euro di entrate turistiche nel 2020

Secondo i dati diffusi lunedì, la crisi sanitaria ha privato Parigi e la sua regione di 15,5 miliardi di euro di entrate lo scorso anno a causa di un “calo storico del numero di turisti stranieri”.

Leggi anche: Un ritiro graduale in Inghilterra, allentando le regole per le riunioni all’aperto

Leggi anche: Virus: il Messico registra il 69% di decessi in più rispetto a quelli menzionati

Fino ad allora, la capitale francese, abituata a record di presenze, ha accolto nel 2020 circa 33,1 milioni di turisti in meno rispetto all’anno precedente. L’anno scorso, come tutte le destinazioni, ha subito un “crollo” della domanda senza precedenti e una “introduzione generale di restrizioni di viaggio”, secondo questo rapporto della Commissione regionale per il turismo (CRT).

Così, solo 17,5 milioni di turisti, di cui 12,6 milioni di francesi, sono stati ricevuti lo scorso anno a Parigi e nella sua regione Ile-de-France, in riferimento a un “calo senza precedenti dell’attività turistica”. Hanno generato 6,4 miliardi di euro di entrate turistiche.

Non sorprende che la diminuzione sia “più evidente per i clienti internazionali con -78% di soggiorni” rispetto al -56% per i clienti francesi, ovvero 15,7 milioni di turisti francesi in meno rispetto al 2019.

“Dopo un inizio anno promettente nonostante l’inizio della crisi sanitaria in Asia e i continui movimenti sociali in Francia, l’attività turistica si è interrotta da metà marzo”, con l’inizio della prima prenotazione, secondo il CRT. Poi una “certa guarigione” è stata osservata al termine di queste restrizioni “dall’11 maggio” fino alla seconda detenzione alla fine di ottobre.

Il turismo a Parigi e nell’Ile-de-France ha potuto beneficiare di una tregua, soprattutto tra luglio e ottobre attraverso un’attività guidata principalmente dai residenti dell’Ile-de-France, dai francesi e da alcuni clienti locali – Germania, Regno Unito, -bas, Belgio, Italia -, note CRT.

READ  Atlantia esce di rosso nel primo semestre, riprende il traffico autostradale

Il settore alberghiero, che si è sforzato molto, ha risentito del “peso dell’assenza di uomini d’affari e clienti internazionali” e ha chiuso numerosi stabilimenti da metà marzo a fine maggio e poi a fine ottobre. Ciò ha comportato una diminuzione del 68% delle notti in hotel nel 2020, rispetto al -55% per gli affitti stagionali, rispetto al 2019.

Gli hotel della capitale, in particolare, hanno sofferto della mancanza di clientela internazionale, “il 70% del loro fatturato è causato da questo”, soprattutto nelle strutture di fascia alta, dice CRT, mentre la ripetizione di musei e monumenti ha sofferto molto da “140” giorni di chiusura straordinaria “.

Così il Louvre e i possedimenti di Versailles hanno visto diminuire la loro presenza rispettivamente del 72% e del 76%.

Per quanto riguarda il turismo d’affari a Parigi e Ile-de-France, che “può rappresentare fino alla metà delle notti in albergo” all’anno, ha sofferto molto con le successive cancellazioni di fiere ed eventi professionali, ma rimane una “leva potente” nella ripresa.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *