pallanuoto | Il giro del mondo in 92 giorni

(Tokyo) I giocatori di polo canadesi hanno lasciato il paese il 10 maggio. Da allora vivono nelle loro borse. Come le rockstar. Hanno visitato la California. Italia. Grecia. Ungheria. Giappone. Un tour mondiale di 92 giorni che si conclude qui a Tokyo con i Campionati Olimpici.


La loro epopea è straordinaria. Soprattutto nel bel mezzo di una pandemia.

“È senza dubbio l’esperienza umana e matematica più avvincente che abbia mai avuto”, afferma Axel Krever.

L’avventura è iniziata molto prima dell’inizio. Già a gennaio, quando la nazionale ha chiesto ai giocatori di uscire di casa per andare a vivere insieme. Un prerequisito per potersi allenare con il contatto. È stato uno shock. Soprattutto per coloro che condividono la loro vita con un partner.

“Avevamo 36 ore per traslocare”, dice Joel Bekhazi. Ci siamo preparati per quello che verrà. Nelle settimane successive, hanno cercato un modo per affrontare le altre squadre nazionali senza dover interrompere gli allenamenti per 14 giorni quando sono tornati a casa. Era impossibile. Fu allora che nacque la folle idea di partire e non tornare mai più fino alla fine delle Olimpiadi.

Incredibile storia di viaggio.

California

Foto per gentile concessione di Joel Bekhazi

Donne canadesi ad Anaheim, California

Prima tappa: Anaheim, California. per una serie di sette partite contro i campioni olimpici.

“Joel Bakhazi era incredibilmente fatto. Immagina, incinta. Vivevamo in una bolla rigida a Montreal da tre mesi. Lì, potevamo finalmente giocare a giochi veri. Andare in spiaggia. Andare a fare una passeggiata. Andare a vedere il tramonto. Le nostre vite erano completamente diverse”. Inoltre, avevamo due grandi case con una piscina. C’era uno chef che preparava i pasti per noi in loco. Era come una piccola vacanza.”

“È stato davvero divertente”, aggiunge Axel Kriever. È passato molto tempo da quando abbiamo avuto la possibilità di giocare. Facciamo un campionato insieme. per farti uscire da Montreal. Siamo stati in grado di affrontare gli americani, che sono i migliori al mondo in questo momento. Abbiamo fatto un ottimo allenamento. All’inizio del viaggio, è stato perfetto. ”

READ  Mondiali di Sci Alpino 2021 - Cortina d'Ampezzo: Katarina Linsberger Miglior tempo nella prima prova di slalom

Italia

Foto per gentile concessione di Joel Bekhazi

Donne canadesi a Rico, Italia

Dopo la California, i giocatori di polo si sono diretti in Italia. Hanno messo le loro borse a Rico, un piccolo villaggio costiero vicino a Genova. Axel Krever era in un territorio familiare: per tre anni ha suonato con i club nel nord della penisola.

“Sono riuscito a trovare amici che conoscevo quando suonavo lì. Inoltre, è un posto molto carino. E il cibo italiano… sono un grande fan.

– Hai cucinato per i tuoi compagni di squadra?

– Hahaha! No. Diciamo che sono un grande consumatore. ”

Joel Bakhazi ha anche bei ricordi del suo tempo in Italia. “Recco è molto simpatico. Da vedere nella sua vita. Quando siamo arrivati ​​lì, abbiamo ricevuto due dosi del vaccino. Possiamo uscire per un caffè o un gelato. È stato fenomenale. E la nostra piscina… Aiwi! Era sull’acqua. Devo inviarti delle foto. Lui era malato. ”

Foto dall’account Instagram di Joel Bekhazi

I canadesi si allenano in una piscina a Rico, in Italia.

Grecia

Dopo un breve soggiorno ad Ostia, vicino Roma, i canadesi sono arrivati ​​ad Atene per la finale della World Premier League. Una competizione, come suggerisce il nome, che riunisce l’élite della pallanuoto. È stata anche un’occasione per la squadra canadese di confrontarsi con le altre squadre, a poche settimane dalle Olimpiadi.

“Da un punto di vista atletico, è stato molto emozionante”, afferma Joel Bakhazi. Dobbiamo ricordare da dove veniamo. Lo scorso autunno, per quattro mesi, non abbiamo potuto praticare il nostro sport di contatto. Non era perfetto. Durante questo periodo, altre nazioni hanno ripreso gli allenamenti normalmente. Non vediamo l’ora di vedere dove siamo stati. ”

Foto di Kostas Baltas, archivi Reuters

I canadesi hanno ricevuto istruzioni dal loro capo allenatore David Paradillo alla finale della World Water Polo League ad Atene lo scorso giugno.

Come è successo ?

READ  Hall of Fame pitcher Don Sutton dies at age 75

Molto bene. Hanno vinto le prime quattro partite, prima di perdere in semifinale contro l’Ungheria e poi contro la Russia nella partita per la medaglia di bronzo. “Buon risultato”, dice Axel. “Eravamo particolarmente convinti che tutti i sacrifici dell’anno scorso, come questa mossa, fossero valsi la pena”, aggiunge la sua compagna di squadra.

La squadra ha poi proseguito con un campo di addestramento di una settimana nel sud del paese. Quello era meno divertente. “È stato difficile, ammette Joel Bakhazi. Dopo il torneo sei stanco. Volevo tornare a casa. Dimentica la pallanuoto per qualche giorno. Lì era impossibile. Era dura per il morale”.

Axel Kriver conferma. “Dopo sei partite, il nostro corpo era un po’ sotto shock. Abbiamo accumulato molta fatica. Inoltre, le norme igieniche erano rigide. Non potevamo nemmeno uscire a fare una passeggiata. Non avevamo spazio per ventilare da soli, non era perfetto.

NAXOS

Foto dall’account Instagram di Joel Bekhazi

Joel Bekhazi (anteriore) e molti dei suoi compagni di squadra sull’isola di Naxos, Grecia

Per sottolineare gli sforzi dei giocatori di polo, gli allenatori hanno consegnato loro un premio. Quattro giorni di riposo. a Nasso. La Perla delle Cicladi. Riposa in tempo: i giocatori erano esausti.

Le ragazze hanno noleggiato degli ATV per girare l’isola. Bagnato nel mare turchese. Hanno inondato i loro account Instagram di foto meravigliosamente decorate. “È stato magico”, dice Joel Bakhazi. Era il mio sogno viaggiare nelle isole greche. E non sono rimasto deluso. Quando ho raccontato a mio marito dei miei giorni a Montreal, si è chiesto: “Ma cosa stai facendo? Ti stai davvero allenando?” [Rires] »

“Era la tregua di cui avevamo bisogno. Dall’inizio del viaggio, la nostra vita è stata abbastanza stabile. Lì non avevamo più una routine. Ci ha davvero rallegrato”.

Per Axel Kriver la tappa di Naxos è stata un momento importante per il team canadese. “Era dal cielo. C’era anche la nostra celebrazione ufficiale della qualificazione ai Giochi con alcune bottiglie di champagne. Diciamo che sembrava buono!”

READ  Gli sport Coppa America: la Nuova Zelanda ha consolidato il suo dominio vincendo la sua quarta incoronazione

Ungheria

Foto per gentile concessione di Joel Bekhazi

Donne canadesi a Budapest, Ungheria

Settimana importante. Questa è stata l’ultima volta, prima dei Giochi, che una squadra canadese poteva giocare partite contro altre squadre.

“Lì, le misure contro il virus erano molto severe”, afferma Joel Bakhazi. All’hotel non eravamo più in due in ogni stanza. Dovevi dormire da solo. All’inizio non eravamo sicuri. Ma lo sapevi? È stata una buona cosa. Tutti hanno bisogno di questo. ”

E Axel Kriver aggiunge: “In California, siamo stati molto felici di rivederci. Per mangiare insieme. Ma lì, dopo due mesi di viaggio, volevamo solo single, quindi non abbiamo potuto parlarci per qualche ora”.

Giappone

Foto dall’account Instagram di Joel Bekhazi

A Morioka, in Giappone, la consulente per la preparazione mentale del team, Veronique Richard, ha organizzato il Great Mystery Mystery, che è stato un enorme successo.

Il prossimo viaggio in Giappone fu il più lungo. E il più doloroso. In tutto, ci sono volute 37 ore per arrivare dall’Ungheria alla città di Morioka. Il viaggio è stato marcatamente caratterizzato da un’attesa di 6 ore al confine giapponese, poi un viaggio in autobus di 10 ore da Tokyo a Morioka, il luogo dell’ultimo campo preparatorio prima dei Giochi.

“È stato terribile, ho lasciato Joel Bakhazi. Inoltre, siamo entrati nel fuso orario. Non abbiamo dormito per due giorni. Nonostante tutto, abbiamo dovuto allenarci. Ci è voluta una buona settimana per riprenderci”.

“E’ stato pesante, Axel Kriver è d’accordo. Ma siamo stati fortunati ad essere arrivati ​​qui prima. Al Villaggio Olimpico, ho incontrato i prossimi atleti, che dovranno fare le loro offerte tra un paio di giorni. Sul serio, non lo so come lo faranno.”

A Morioka le norme sanitarie erano molto più severe che in Ungheria. I giocatori erano limitati all’hotel e al centro di allenamento. Quindi la consulente per la preparazione mentale del team, Veronique Richard, ha organizzato un’attività speciale per far loro cambiare idea. Un grande gioco di Murder Mystery, che ha avuto molto successo. “È andato avanti per ore”, dice Joel Bakhazi. Ci sono ragazze che amano davvero il loro carattere. E ‘stato così divertente. ”

Il viaggio ora sta volgendo al termine. Mancano solo due settimane. Saranno dedicati al campionato olimpico. Dopodiché, tutti i membri della squadra torneranno in Canada con la testa piena di ricordi.

Forse con una medaglia al collo.

I canadesi affrontano gli australiani sabato alle 2:30 EDT.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *